Detroit Tigers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Detroit Tigers
Baseball Baseball pictogram.svg
Detroit Tigers logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit trousers beltonwhite.png

Casa

Kit trousers beltongrey.png

Trasferta

Colori sociali Blu, bianco, arancione
Dati societari
Città Detroit
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Lega American League
Division Central
Fondazione 1894
Denominazione Detroit Tigers (1901–presente)
Presidente David Dombrowski
Proprietario Mike Ilitch
General manager David Dombrowski
Allenatore Brad Ausmus (2014-presente)
Sito web detroit.tigers.mlb.com
Palmarès
World Series 1935,1945,1968,1984
Titoli di League 11
Titoli di Division 6
Wild card 1
Impianto di gioco
Comerica Park (2000-presente)
41.681 posti

I Detroit Tigers sono una delle squadre professionistiche di baseball della Major League Baseball (MLB), con sede a Detroit, Michigan.

La franchigia del Michigan gioca abitualmente al Comerica Park dal 2000 e può contare su superstar del calibro di Justin Verlander, Miguel Cabrera e Prince Fielder.

Nella serie televisiva Magnum P.I. il protagonista è un accanito sostenitore di questa squadra, ed infatti molte volte ne indossa il berretto con il caratteristico simbolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondazione e i primi anni[modifica | modifica sorgente]

Fondata nel 1894 il nome attuale fu adottato nel 1901 in onore di un'unità militare che aveva sede a Detroit ed appunto era soprannominata Tigers per via della propria cattiveria sul fronte di guerra.

Nello stesso anno la squadra ha aderito alla partecipazione nella divisione American League.

La prima partita della storia dei Tigers fu disputata il 25 aprile del 1901 al Bennett Park di Detroit dove aderirono più di 10000 tifosi nella vittoria dei Tigers per 14-13 dopo una rimonta al 9° inning che le vedeva sotto per 13-4.

A fine stagione si classificarono terzi assoluti nella propria divisione (AL).

1901-1999[modifica | modifica sorgente]

I Tigers hanno vinto nella loro storia quattro World Series e 11 campionati nella divisione American League.

Dopo i primi due titoli nel 1935 e nel 1945, i Tigers affrontarono la stagione 1968 con 103 vittorie e 59 sconfitte arrivando ai playoff come favoriti per il titolo arrivando fino alle finali poi vinte delle World Series contro i St. Louis Cardinals.

In quella stagione ci fu il record stabilito di vittorie del lanciatore dei Tigers Denny McLain che riuscì a mettere a segno 31 vittorie in una stagione. (ultima volta che un lanciatore superò quota 30 vittorie fu nel 1934.)


Nel 1983, anno della vittoria delle World Series per la quarta volta nella storia del team del Michigan, la squadra concluse la stagione regolare con 105 vittorie e battendo in finale i San Diego Padres.

Gli anni duemila[modifica | modifica sorgente]

Il giorno 11 aprile 2000 fu aperto il nuovo stadio dei Tigers, il Comerica Park dove nel 2006 raggiunsero nuovamente le finali delle World Series ma questa volta uscendo sconfitti dai Cardinals.

Negli anni nei Tigers sono passati stelle del calibro di Johnny Damon che nonostante sia rimasto una sola stagione con i Tigers divenne subito l'idolo della folla.

Attualmente i Tigers possano schierare nelle proprie fila giocatori del calibro di Miguel Cabrera che è stato eletto miglior giocatore 2012 e Justin Verlander che ha vinto il premio come miglior lanciatore nel 2011.

Membri della Baseball Hall of Fame come Detroit Tigers[modifica | modifica sorgente]

Numeri ritirati[modifica | modifica sorgente]

Roster attuale[modifica | modifica sorgente]

  Roster Detroit Tigers Nome pagina errato o assente 
Roster attivo Roster inattivo Staff tecnico

Lanciatori

Ricevitori

Interni

Esterni

Battitori designati

Lanciatori

Ricevitori

Interni

Esterni


Manager

Coach

Lista infortunati per almeno 60 giorni Nessuno


31 attivi, 9 inattivi, 0 sulla lista infortunati (60 giorni)

Injury icon 2.svg Lista degli infortunati per 7 o 15 giorni
Lista di restrizione
# Congedo personale
A In Arbitration
Roster aggiornato al 18 marzo 2014
TransazioniGrafico di profondità


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]