Henri Barbusse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henri Barbusse

Henri Barbusse (Asnières-sur-Seine, 17 maggio 1873Mosca, 30 agosto 1935) è stato uno scrittore, giornalista e attivista politico comunista francese.

Si fece notare per la prima volta nel 1908 con un romanzo naturalista, L'Enfer (L'inferno). Giunse alla fama con la novella Le Feu (Il fuoco), del 1916, basata sulle sue esperienze durante la Prima guerra mondiale, che mostrava il crescente odio dell'autore per il militarismo e si attirò dure critiche al tempo per il forte realismo. Il libro vinse il Premio Goncourt.

I suoi lavori successivi, Manifeste aux Intellectuels, Elevations (1930), ed altri, mostrano un punto di vista più definitivamente rivoluzionario. Di questi Le Couteau entre les dents (Il coltello in mezzo ai denti), del 1921, segnò l'avvicinarsi di Barbusse al bolscevismo e alla Rivoluzione russa; si unì al Partito Comunista Francese nel 1923, e in seguito si recò in Unione Sovietica.

Barbusse fu un convinto stalinista, ed autore nel 1935 di una biografia di Joseph Stalin, intitolata Staline. Un monde nouveau vu à travers un homme (Stalin. Un nuovo mondo visto attraverso un uomo). Il libro fu un equivalente occidentale del culto della personalità sovietica, e Barbusse condusse una violenta campagna di stampa contro il suo ex amico Panait Istrati, uno scrittore rumeno che aveva espresso critiche nei confronti dello Stato sovietico.

Barbusse riposa nel cimitero Père Lachaise di Parigi.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • L'Enfer (1908)
  • Le Feu (Journal d'une escouade) (1916)
  • Carnets de Guerre
  • Paroles d'un combattant. Articles et discours 1917-1920 (1917)
  • Clarté (1919)
  • L'Illusion (1919)
  • Pleureuses (1920)
  • Nous autres (1921)
  • Le Couteau entre les dents (1921)
  • Les Enchaînements (1925)
  • Les Bourreaux (1926)
  • Jésus (1927)
  • Manifeste aux Intellectuels (1927)
  • Faits divers (1928)
  • Voici ce que l'on a fait de la Géorgie (1929)
  • Élévation (1930)
  • Ce qui fut sera (1930)
  • Russie (1930)
  • Zola (1932)
  • Staline. Un monde nouveau vu à travers un homme (1935)
  • Lénine et sa famille (1936)
  • Lettres de Henri Barbusse à sa femme 1914 - 1917 (1937)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore vincitori Premio Goncourt Successore
René Benjamin 1916 Henri Malherbe

Controllo di autorità VIAF: 68925116 LCCN: n50021122

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie