Gran Premio d'Australia 2005

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Australia Gran Premio d'Australia 2005
732º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 19 del Campionato 2005
Melbourne
Melbourne
Data 6 marzo 2005
Nome ufficiale LXX Foster's Australian Grand Prix
Circuito Albert Park Circuit
Percorso 5,303 km / 3,295 US mi
Distanza 57 giri, 302,271[1] km/ 187,822 US mi
Clima soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Italia Giancarlo Fisichella Spagna Fernando Alonso
Renault in 3:01.460 Renault in 1:25.683
(nel giro 24)
Podio
1. Italia Giancarlo Fisichella
Renault
2. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari
3. Spagna Fernando Alonso
Renault

Il Gran Premio d'Australia 2005 è stata la prima prova della stagione 2005 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corso domenica 6 marzo 2005 al circuito dell'Albert Park di Melbourne. La gara è stata vinta da Giancarlo Fisichella, su Renault, davanti alla Ferrari di Rubens Barrichello e all'altra Renault di Fernando Alonso.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

In questo Gran Premio fa il suo debutto in Formula 1 la Red Bull Racing, erede della Jaguar, mentre tra i piloti esordienti figurano i due della Jordan, il portoghese Tiago Monteiro e l'indiano Narain Karthikeyan, e i due della Minardi, l'austriaco Patrick Friesacher e l'olandese Christijan Albers.

Per quanto riguarda i piloti che scendono in pista nelle sessioni di prove del venerdì con una terza vettura, questi sono Pedro de la Rosa con la McLaren, Vitantonio Liuzzi con la Red Bull, Ricardo Zonta con la Toyota e Robert Doornbos con la Jordan.

In questo weekend fa altresì il suo debutto come delegato medico di gara il dottor Gary Hartstein, che prende il posto del dimissionario dottor Sid Watkins.[2]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[3] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 37 Italia Vitantonio Liuzzi Austria RBR-Renault 1:25.967 19
2 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:26.480 +0.513 19
3 38 Brasile Ricardo Zonta Giappone Toyota 1:27.265 +1.298 20

Nella seconda sessione del venerdì[4] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 35 Spagna Pedro de la Rosa Regno Unito McLaren-Mercedes 1:25.376 28
2 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:25.676 +0.300 15
3 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW 1:25.940 +0.564 23

Nella prima sessione del sabato[5] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 1:40.540 5
2 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 1:41.933 +1.393 4
3 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:43.526 +2.986 6

Nella seconda sessione del sabato[6] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:27.297 11
2 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:27.409 +0.112 14
3 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:28.256 +0.959 11

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La prima sessione di qualifica, il cui ordine di uscita dei piloti è basato sui risultati del Gran Premio del Brasile 2004, è caratterizzata dall'arrivo della pioggia, che ha condizionato le prestazioni degli ultimi entrati in pista. Proprio prima dell'arrivo del maltempo Giancarlo Fisichella riesce a collocarsi in testa alla graduatoria, senza poter essere superato dai piloti che lo seguono; dopo di lui Felipe Massa, in pista al momento dell'inizio della precipitazione, rinuncia al giro trovandosi su coperture d'asciutto, Takuma Sato ha un incidente, mentre gli altri piloti, tra cui Fernando Alonso, le due Ferrari e le due McLaren accusano un ritardo superiore ai 10 secondi.[7]

Nella sessione della domenica, caratterizzata da condizioni meteo stabili, il giro più veloce è di Mark Webber, davanti per 10 millesimi a Giancarlo Fisichella, che nella somma dei tempi ottiene la pole position davanti a Jarno Trulli, mentre le posizione immediatamente successive rimangono sostanzialmente invariate, con Webber in seconda fila con Jacques Villeneuve e le due Red Bull in terza fila. In questa sessione non effettuano il loro giro cronometrato Michael Schumacher e Takuma Sato, che sostituiscono anche il motore, Felipe Massa e Christijan Albers.[8]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sessioni di qualifica[9][10] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Totale Distacco Griglia
1 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 1:33.171 1:28.289 3:01.460 1
2 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 1:35.270 1:29.159 3:04.429 +2.969 2
3 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW 1:36.717 1:28.279 3:04.996 +3.536 3
4 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas 1:36.984 1:29.862 3:06.846 +5.386 4
5 14 Regno Unito David Coulthard Austria Red Bull-Cosworth 1:38.320 1:28.892 3:07.212 +5.752 5
6 15 Austria Christian Klien Austria Red Bull-Cosworth 1:37.486 1:29.991 3:07.477 +6.017 6
7 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW 1:39.717 1:29.413 3:09.130 +7.670 7
8 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda 1:41.512 1:30.616 3:12.128 +10.668 8
9 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 1:45.325 1:29.320 3:14.645 +13.185 9
10 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 1:44.997 1:30.561 3:15.558 +14.098 10
11 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 1:45.481 1:31.341 3:16.822 +15.362 11
12 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota 1:44.357 1:32.735 3:17.092 +15.632 12
13 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 1:47.708 1:29.758 3:17.466 +16.006 13
14 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota 1:46.846 1:33.483 3:20.329 +18.869 14
15 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 1:51.495 1:31.222 3:22.717 +21.257 15
16 20 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi-Cosworth 1:50.864 1:37.499 3:28.363 +26.903 16
17 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth 1:49.230 senza tempo senza tempo 17
18 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 1:57.931 senza tempo senza tempo 19[11]
19 4 Giappone Takuma Sato Regno Unito BAR-Honda senza tempo senza tempo senza tempo 20[11]
20 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas senza tempo senza tempo senza tempo 18

Con i tempi in grassetto sono visualizzate le migliori prestazioni in Q1 e Q2.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Alla partenza sventolano subito le bandiere gialle: è Kimi Räikkönen, che ha spento involontariamente il motore. Nuovo giro di formazione, mentre il finlandese parte dai box. Alla ripartenza, sulla distanza di 57 giri invece che 58, Giancarlo Fisichella e Jarno Trulli scattano davanti, mentre dietro, l'australiano Mark Webber si fa infilare da un David Coulthard che ha guadagnato 3 posizioni. Il primo ritiro avviene al giro 16, ed è quello del debuttante Christijan Albers. La gara continua ad essere guidata da Fisico fino al primo pit stop, quando passa in testa Rubens Barrichello, seguito a pochi secondi dalla Renault di Fernando Alonso. I due si fermano allo stesso giro, e Fisichella balza di nuovo in testa, però Fernando sembra aver imbarcato più carburante, in quanto gira molto più lento del brasiliano. Al giro 42 si ferma Michael Schumacher, che rientra davanti a Nick Heidfeld. Alla curva 5, il pilota della Williams cerca l'attacco ma il ferrarista lo chiude costringendolo ad andare sull'erba e infine a finire addosso alla Ferrari, costringendo entrambi al ritiro. La gara si conclude 15 giri dopo, con la vittoria del romano, seguito da Barrichello e dall'asturiano. Weekend deludente per Jarno Trulli, che dopo una qualifica perfetta, vede sciupare tutte le sue occasioni e finire quasi a mezzo minuto dai punti.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[12] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Italia Giancarlo Fisichella Francia Renault 57 1:24:17.336 1 10
2 2 Brasile Rubens Barrichello Italia Ferrari 57 +5.553 11 8
3 5 Spagna Fernando Alonso Francia Renault 57 +6.712 13 6
4 14 Regno Unito David Coulthard Austria Red Bull-Cosworth 57 +16.131 5 5
5 7 Australia Mark Webber Regno Unito Williams-BMW 57 +16.908 3 4
6 10 Colombia Juan Pablo Montoya Regno Unito McLaren-Mercedes 57 +35.033 9 3
7 15 Austria Christian Klien Austria Red Bull-Cosworth 57 +38.997 6 2
8 9 Finlandia Kimi Räikkönen Regno Unito McLaren-Mercedes 57 +39.633 10 1
9 16 Italia Jarno Trulli Giappone Toyota 57 +1:03.108 2
10 12 Brasile Felipe Massa Svizzera Sauber-Petronas 57 +1:04.393 18
11 3 Regno Unito Jenson Button Regno Unito BAR-Honda 56 Ritiro volontario[13] 8
12 17 Germania Ralf Schumacher Giappone Toyota 56 +1 giro 15
13 11 Canada Jacques Villeneuve Svizzera Sauber-Petronas 56 +1 giro 4
14 4 Giappone Takuma Sato Regno Unito BAR-Honda 55 Ritiro volontario[13] 20
15 19 India Narain Karthikeyan Irlanda Jordan-Toyota 55 +2 giri 12
16 18 Portogallo Tiago Monteiro Irlanda Jordan-Toyota 55 +2 giri 14
17 20 Austria Patrick Friesacher Italia Minardi-Cosworth 53 +4 giri 16
Rit 1 Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 42 Collisione 19
Rit 8 Germania Nick Heidfeld Regno Unito Williams-BMW 42 Collisione 7
Rit 21 Paesi Bassi Christijan Albers Italia Minardi-Cosworth 16 Trasmissione 17

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Team Punti
1 Francia Renault 16
2 Italia Ferrari 8
3 Austria RBR-Cosworth 7
4 Regno Unito Williams-BMW 4
5 Regno Unito McLaren-Mercedes 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La distanza di gara prevista era di 58 giri, per un totale di 307,574 km.
  2. ^ (EN) FIA Formula One Medical Delegate, Federazione Internazionale dell'Automobile, 20 gennaio 2005. (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2012).
  3. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  4. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  5. ^ Prima sessione di prove libere del sabato
  6. ^ Seconda sessione di prove libere del sabato
  7. ^ (EN) Fisichella times it to perfection in formula1.com, Formula One Management, 5 marzo 2005. URL consultato il 3 marzo 2012.
  8. ^ (EN) Fischella on pole in Melbourne in formula1.com, Formula One Management, 6 marzo 2005. URL consultato il 3 marzo 2012.
  9. ^ Sessione di qualifica del sabato
  10. ^ Sessione di qualifica della domenica
  11. ^ a b Michael Schumacher e Takuma Sato sono penalizzati di dieci posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il motore.
  12. ^ Risultati del Gran Premio
  13. ^ a b Jenson Button e Takuma Sato risultano ugualmente classificati, avendo coperto almeno il 90% della distanza totale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2005
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Europe.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Brazil.svg Flag of Japan.svg Flag of the People's Republic of China.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2004
Gran Premio d'Australia
Edizione successiva:
2006
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1