Gottfried von Cramm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sportivo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Gottfried von Cramm e C.S. Rogers

Il barone Gottfried Alexander Maximilian Walter Kurt von Cramm (Nettlingen, 7 luglio 1909Il Cairo, 8 novembre 1976) è stato un tennista tedesco, uno dei migliori mai vissuti.

Ebbe la sfortuna di doversi misurare con Fred Perry e Don Budge, due dei più grandi tennisti di tutti i tempi. Famoso per la sua condotta da gentiluomo e il fair play, si guadagnò l'ammirazione e il rispetto dei colleghi tennisti. Segretamente omosessuale, dovette giocare in condizioni di grande stress in un'epoca in cui gli omosessuali, nella Germania nazista, erano perseguitati e deportati.

Fu inserito nell'International Tennis Hall of Fame di Newport (Rhode Island) nel 1977.

In suo onore gli è stata intitolata una strada, la Gottfried-von-Cramm-Weg a Berlino-Wilmersdorf, dove ha sede il Rot-Weiss tennis club.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Nettlingen (Bassa Sassonia, Germania), la sua famiglia faceva parte dell'antica nobiltà tedesca ed ereditò il titolo di barone.

Nel 1932 Von Cramm si guadagnò un posto nella squadra nazionale di Coppa Davis e vinse il primo di quattro titoli nazionali di fila. Fece anche coppia con Hilde Krahwinkel, vincendo il titolo di doppio misto al Torneo di Wimbledon. Conquistò il suo primo titolo di singolare in un torneo del Grande Slam nel 1934, vincendo gli Internazionali di Francia.

La sua vittoria lo rese un eroe in patria, ma ebbe la sfortuna di conseguirla a un anno dall'ascesa al potere di Adolf Hitler. Alto, bello e biondo, Gottfried von Cramm corrispondeva perfettamente all'immagine della razza ariana dell'ideologia nazista e il regime faceva pressione su tutti gli atleti tedeschi perché si mostrassero superiori agli avversari. Tuttavia von Cramm si rifiutò fermamente di diventare uno strumento della propaganda nazista.

Per tre anni consecutivi fu finalista del singolare maschile a Wimbledon, perdendo incontri memorabili contro l'inglese Fred Perry nel 1935 e nel 1936. L'anno seguente perse in finale contro lo statunitense Don Budge sia a Wimbledon che agli Internazionali degli Stati Uniti. Nel 1935 venne sconfitto nella finale del Roland Garros da Perry, ma l'anno seguente lo sconfisse, vincendo il secondo titolo agli Internazionali di Francia. Nel tentativo di portare von Cramm dalla propria parte, il regime nazista punì la sua insubordinazione impedendogli di competere agli Internazionali di Francia nel 1937, anche se era il campione uscente.

Nonostante i suoi risultati nei tornei del Grande Slam, Gottfried von Cramm è ricordato soprattutto per l'incontro con Don Budge durante la Coppa Davis del 1937. Von Cramm era avanti 4-1 nell'ultimo set, quando Budge si lanciò nella rimonta, vincendo alla fine per 8-6 in un incontro considerato da molti come la più grande battaglia negli annali della Coppa Davis e uno dei principali incontri nella storia del tennis. In un'intervista dopo l'incontro, Budge rivelò che von Cramm aveva ricevuto una telefonata da Hitler a pochi minuti dall'inizio del match, che ne era uscito pallido e serioso e che giocò ogni punto come se la sua vita dipendesse dall'esito dell'incontro.

Nel 1938 von Cramm raggiunse il punto di rottura con il governo nazista. Anche se fu sempre rispettoso, continuò a rifiutarsi di associarsi alla propaganda del regime. Nonostante la sua enorme popolarità, nel marzo del 1938 fu arrestato e dovette affrontare un processo per il crimine di omosessualità. Giudicato colpevole, fu condannato a un anno di prigione. I suoi amici nel tennis internazionale ne furono indignati: Don Budge raccolse le firme di atleti di primo piano e inviò una lettera di protesta a Hitler.

Finalmente libero, nel maggio 1939 von Cramm ritornò alle competizioni tennistiche, ma il clima politico estremamente teso gli provocò dei problemi in Inghilterra. Dopo un veto iniziale, gli fu permesso di gareggiare al torneo del Queen's Club a Londra, che vinse battendo lo statunitense Bobby Riggs per 6-0, 6-1. Ciononostante, i dirigenti di Wimbledon si rifiutarono di farlo giocare, adducendo come motivazione che si trattava di un pregiudicato e quindi privo dei requisiti morali per la partecipazione al torneo.

Guerra e dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, von Cramm dovette prestare servizio nell'esercito tedesco. Nonostante la guerra gli avesse rubato alcuni dei suoi anni migliori per il tennis, vinse un altro campionato nazionale tedesco nel 1948 e aveva già quarant'anni quando lo vinse per l'ultima volta l'anno seguente. Giocò in Coppa Davis fino al suo ritiro dalle competizioni, dopo la stagione 1953, e detiene ancora il record per il maggior numero di vittorie in Coppa Davis tra i tennisti tedeschi.

Dopo il ritiro, funse da amministratore della Federazione tennistica tedesca. Ebbe successo con un'impresa di importazione di cotone e gestì le proprietà terriere che aveva ereditato dal padre a Wispenstein, nella Bassa Sassonia.

Von Cramm faceva parte dell'elite della società europea e divenne amico della statunitense Barbara Hutton, ereditiera della famiglia Woolworth. Nel novembre 1955, dopo il fallimento del suo quinto matrimonio, la Hutton, affranta, cercò sicurezza e amicizia nell'omosessuale von Cramm. I due si sposarono, ma divorziarono nel 1959.

Gottfried von Cramm rimase ucciso in un incidente automobilistico nei pressi del Cairo nel 1976.

Risultati nei tornei del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Internazionali d'Australia

  • Finalista nel doppio: 1938

Internazionali di Francia

  • Campione di singolare: 1934, 1936
  • Finalista nel singolare: 1935
  • Campione di doppio: 1937

Torneo di Wimbledon

  • Finalista di singolare: 1935-37
  • Campione di doppio misto: 1933

Internazionali degli Stati Uniti

  • Finalista nel singolare: 1937
  • Campione di doppio: 1937

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 67265048 LCCN: n93041876