Chuck McKinley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chuck McKinley
Dati biografici
Nome Charles Robert "Chuck" McKinley Jr.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon V (1963)
Stati Uniti US Open SF (1962 1963 1964)
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open V (1961 1963 1964)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Chuck McKinley (Saint Louis, 5 gennaio 1941Dallas, 10 agosto 1986) è stato un tennista statunitense.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

McKinley non era particolarmente dotato fisicamente essendo alto 1.72 m per 70 kili ma, a differenza di Bobby Riggs e altri tennisti non particolarmente alti dell'epoca, non decise di puntare su un gioco veloce ma invece su colpi aggressivi e potenti.
Bill Talbert disse di McKinley: "Non c'è nulla che non può fare sul campo, ha tutti i colpi. È veloce. È potente. Ha dei riflessi meravigliosi. Ha una vista da falco, riesce a vedere la palla come nessun altro durante una partita.[1]
Viene ricordato principalmente per aver vinto il Torneo di Wimbledon 1963 contro Fred Stolle e per aver portato il tennis americano ai massimi livelli durante un periodo dominato principalmente da tennisti australiani.
Ha ottenuto la vittoria nel singolare maschile a Wimbledon senza perdere un set in tutto il torneo.
A Wimbledon raggiunse una finale già nel 1961 dove però venne sconfitto in tre set da Rod Laver.
Insieme a Dennis Ralston, suo rivale ai tempi del college, vinse la Coppa Davis 1963 interrompendo una serie di otto vittorie per l'Australia.
Sempre con Ralston raggiunse per quattro volte consecutive la finale nel doppio maschile agli U.S. National Championships a partire dal 1961.
Nelle prime tre finali si scontrarono con i messicani Rafael Osuna e Antonio Palafox vincendo nel 1961 e nel 1963 ma perdendo in cinque set la finale del 1962.
Nel 1964 si scontrano in finale con gli inglesi Mike Sangster e Graham Stilwell e vincono il loro terzo e ultimo titolo nel doppio maschile.
È stato inserito nella International Tennis Hall of Fame nel 1986.

Finali del Grande Slam[modifica | modifica sorgente]

Vinte (1)[modifica | modifica sorgente]

Anno Torneo Avversario in finale Risultato
1963 Wimbledon Australia Fred Stolle 9–7, 6–1, 6–4

Perse (1)[modifica | modifica sorgente]

Anno Torneo Avversario in finale Risultato
1961 Wimbledon Australia Rod Laver 6–3, 6–1, 6–4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (Sports Illustrated, “Little Man with a Big Wallop,” 16/MAY/1960, accessed online at http://sportsillustrated.cnn.com/vault/article/magazine/MAG1071294/index.htm)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]