Fred Perry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fred Perry
Fred Perry 01.jpg
Dati biografici
Nome Frederick John Perry
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (1934)
Francia Roland Garros V (1935)
Regno Unito Wimbledon V (1934, 1935, 1936)
Stati Uniti US Open V (1933, 1934, 1936)
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (1934)
Francia Roland Garros V (1933)
Regno Unito Wimbledon F (1932)
Stati Uniti US Open -
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open F (1935)
Francia Roland Garros V (1932)
Regno Unito Wimbledon V (1935, 1936)
Stati Uniti US Open V (1932)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Tennis tavolo Table tennis pictogram.svg
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Stoccolma 1928 Doppio
Bronzo Stoccolma 1928 Doppio misto
Oro Budapest 1929 Singolo
Bronzo Budapest 1929 Doppio
Statistiche aggiornate al definitivo

Frederick John Perry (Stockport, 18 maggio 1909Melbourne, 2 febbraio 1995) è stato un tennista e tennistavolista britannico, vincitore per tre volte del torneo di Wimbledon e una volta campione del mondo di tennis tavolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Stockport nel Cheshire, in Inghilterra, il suo nome è legato oltre che alle sue imprese sportive al marchio di abbigliamento che porta il suo nome e che ha come riferimento una coroncina di alloro cucita sugli abiti.

Carriera tennistica[modifica | modifica sorgente]

Prima dei tanti successi da tennista, Fred Perry fu uno dei grandi pionieri del Tennis tavolo infatti all'età di soli 18 anni divenne campione del mondo a Budapest nel 1929.

Fred Perry è conosciuto per aver legato il suo nome al torneo di tennis di Wimbledon (dove ha vinto tre titoli), per la Coppa Davis vinta per l’Inghilterra o per aver dato il proprio nome ad una racchetta da tennis o per il successo imprenditoriale della linea omonima di abbigliamento. Pochi sanno invece che prima di dedicarsi al tennis, Fred Perry è stato un campione nel tennistavolo tanto da vincere il titolo mondiale nel 1929 a Budapest (fu la sua seconda partecipazione dopo quella di Stoccolma del 1928 in cui si classificò terzo). In finale si trova di fronte uno dei fortissimi giocatori di casa: Michael Szabados. Fred viene da un’annata in cui non è riuscito a vincere nemmeno un torneo. La situazione è di quelle che fanno innervosire qualsiasi giocatore. Ma non Fred Perry. Durante il match, anche negli istanti più importanti, egli trova il tempo per sorridere e scherzare, al punto da sconcertare Szabados che gode il favore del pubblico di casa. Questo suo modo di fare piace talmente al pubblico che incomincia a simpatizzare per lui. Szabados è sempre più nervoso e sente il titolo sfuggirgli di mano. Fred non si fa pregare e vince il titolo. Il suo gioco è prevalentemente difensivo, poco spettacolare, ma molto solido. Il rovescio peraltro sa essere molto insidioso, grazie anche al fenomenale gioco di polso con cui esegue tutti i colpi. Ben presto lascia le competizioni di tennistavolo per dedicarsi interamente al tennis. Nel nuovo sport stupisce il mondo col suo diritto "di polso" e vien da chiedersi se sarebbe stato un colpo così efficace se Fred non avesse prima giocato a tennistavolo.

La sua vittoria nel singolo del Torneo di Wimbledon 1936 è stata, fino al 7 luglio 2013, l'ultima di un tennista britannico nel prestigioso torneo londinese, fino alla vittoria dello scozzese Andy Murray contro il serbo Novak Đoković.

Carriera imprenditoriale[modifica | modifica sorgente]

Amico di René Lacoste, negli anni trenta creò la linea di abbigliamento che porta il suo nome e che negli anni cinquanta e sessanta era considerata tra le migliori in fatto di indumenti per il tennis e il polo. Come per Lacoste il capo simbolo del marchio rimane la polo, che presenta come segno distintivo una corona d'alloro sulla sinistra del petto; si distingue da Lacoste per il fatto che il logo è ricamato nel tessuto piuttosto che essere cucito come invece avviene per il piccolo coccodrillo francese.

Maglietta in stile Fred Perry

Fred Perry vide il successo della sua linea consolidarsi soprattutto negli anni sessanta, allorché il marchio divenne molto popolare tra i giovani britannici. Buona parte del movimento giovanile degli anni sessanta era conosciuto col nome di mod, abbreviazione di «modernist»; appartenendovi si seguiva tra l'altro un certo stile nel vestire, con abiti firmati Fred Perry, Lonsdale o Ben Sherman, marchi in voga nella Gran Bretagna di quel decennio.

È inoltre assieme a Lacoste l'inventore delle maglie cosiddette polo, poiché usate anche nell'ambito dell'omonimo sport, caratteristiche anche dal pregiato tipo di fabbricazione e lavorazione del cotone. Negli anni settanta nasceranno anche altre marche che produrranno polo, come la Polo Ralph Lauren, che ha preso spunto da Fred Perry e Lacoste, ma che non le ha inventate, e tante altre linee simili, che hanno in qualche modo imitato a modo loro lo stile delle Polo originali.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 77718639 LCCN: n84126722