Ted Schroeder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ted Schroeder
Dati biografici
Nome Frederick Rudolph "Ted" Schroeder
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Tennis Tennis pictogram.svg
Dati agonistici
Best ranking
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon V (1949)
Stati Uniti US Open V (1942)
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon F (1949)
Stati Uniti US Open V (1940 1941 1947)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Ted Schroeder (Newark, 20 luglio 1921La Jolla, 26 maggio 2006) è stato un tennista statunitense.

È stato il primo tennista americano in classifica nel 1942 e al secondo posto per quattro anni tra il 1946 e il 1949.
Nel 1979 Jack Kramer nella sua autobiografia inserisce Schroeder nella lista dei 21 migliori giocatori nella storia del tennis.[1]
Suo figlio John è un giocatore di golf professionista che ha ottenuto una vittoria nel PGA Tour.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Schroeder fu quasi esattamente contemporaneo di Jack Kramer essendo nato solo dieci giorni prima di questo, i primi incontri tra i due si giocarono negli anni trenta in tornei riservati ai ragazzi e durante gli anni svilupparono una grande amicizia.
Dopo la guerra Kramer dimostrò di essere leggermente superiore a Schroeder nella classifica amatori e passò immediatamente tra i professionisti dove conquistò la prima posizione al mondo battendo il campione Bobby Riggs.
Riggs si semi-ritirò e divenne promotore del tour, lui e Kramer decisero che l'unico giocatore che poteva tenere testa a Kramer così da avere un tour di successo era Schroeder.
Il giovane Pancho Gonzales era diventato il miglior tennista amatore americano grazie alla sua vittoria agli U.S. Championships nel 1948 ma durante la sua carriera era stato battuto da Schroeder otto volte su nove incontri.
Schroeder giocando durante la vacanza dal suo lavoro vinse in giugno il Torneo di Wimbledon 1949, Riggs e Kramer gli offrirono 25.000 dollari per passare tra i professionisti dopo l'eventuale vittoria agli US Open ma Gonzales rovinò i piani battendolo in una finale da cinque set durata quasi cinque ore, è stata indicato come l'undicesima più grande partita di tutti i tempi.[2]
Kramer scrisse che, a dispetto della loro amicizia, secondo lui Schroeder ha inconsciamente voluto perdere la partita così da non dover seguire tutti gli obblighi dovuti al far parte del tour professionale.
Riggs e Kramer dovettero quindi mettere sotto contratto Gonzales dopo la seconda vittoria nello slam americano.
Dopo la guerra Schroeder rimase sempre un giocatore part-time preferendo così di occuparsi della famiglia e della sua carriera come vice presidente in una società che commerciava impianti di refrigerazione e non ha mai dimostrato alcuna intenzione di passare tra i professionisti.
È stato inserito nella International Tennis Hall of Fame nel 1966.

Finali del Grande Slam[modifica | modifica sorgente]

Vinte (2)[modifica | modifica sorgente]

Anno Torneo Avversario in finale Risultato
1942 U.S. Championships Stati Uniti Frank Parker 8-6, 7-5, 3-6, 4-6, 6-2
1955 Wimbledon Rep. Ceca Jaroslav Drobný 3–6, 6–0, 6–3, 4–6, 6–4

Perse (1)[modifica | modifica sorgente]

Anno Torneo Avversario in finale Risultato
1949 U.S. Championships Stati Uniti Pancho Gonzales 16-18, 2-6, 6-1, 6-2, 6-4

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Writing in 1979, Kramer considered the best player ever to have been either Don Budge (for consistent play) or Ellsworth Vines (at the height of his game). The next four best were, chronologically, Bill Tilden, Fred Perry, Bobby Riggs, and Pancho Gonzales. After these six came the "second echelon" of Rod Laver, Lew Hoad, Ken Rosewall, Gottfried von Cramm, Ted Schroeder, Jack Crawford, Pancho Segura, Frank Sedgman, Tony Trabert, John Newcombe, Arthur Ashe, Stan Smith, Björn Borg, and Jimmy Connors. He felt unable to rank Henri Cochet and René Lacoste accurately but felt they were among the very best.
  2. ^ Tennis Magazine, pagina 330 del The Tennis Book, Scritto da Michael Bartlett e Bob Gillen

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The Game — My 40 Years in Tennis (1979) — Jack Kramer with Frank Deford (ISBN 0-399-12336-9)
  • Man with a Racket, The Autobiography of Pancho Gonzales, as Told to Cy Rice (1959)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]