France 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
France 3
France 3 logo 2008-1-.svg
Logo ufficiale dell'emittente dal 2008
Paese Francia Francia
Lingua Francese
Tipo Generalista
Slogan « Vous êtes au bon endroit »
Versioni France 3 SDTV 576i 16:9
(Data di lancio: 31 dicembre 1972)
France 3 HD HDTV 1080i 16:9 (solo via cavo e IPTV)
(Data di lancio: 23 maggio 2010)
Nomi precedenti La troisième chaîne couleur (1972 - 1975)
France Régions 3 (1975 - 1992)
Share 9,5% (Aprile 2013 )
Gruppo France Télévisions SA
Sito http://www.france3.fr/
Diffusione
Terrestre
TNT
France 3 (nome regione) (Francia)
DVB-T - FTA
3 SDTV 576i 16:9
France 3
Diffusione
Satellite
Digitale DVB-S (codificato) su Hotbird ed Astra, DVB-S in chiaro su Atlantic Bird 3, 5° Ovest

France 3 è un canale televisivo pubblico francese a struttura regionale, similarmente a Rai 3; a differenza dell'emittente italiana, esiste una versione nazionalizzata (France 3 Sat), che sopperisce ad eventuali trasmissioni locali nella versione satellitare e via etere, se le trasmissioni regionalizzate riguardano solo alcune regioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La troisième chaîne couleur[modifica | modifica wikitesto]

Il canale nasce il 31 dicembre 1972, con il nome di La troisième chaîne couleur, trasmette inizialmente per 3 ore al giorno, a colori e senza interruzioni pubblicitarie. Ai suoi esordi la copertura del segnale era limitata al 26% della popolazione e comprendeva solamente la regione parigina e alcune aree del nord del paese, solamente alla fine degli anni '70 si è riusciti ad estendere la copertura a livello nazionale.

France Régions 3[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della legge del 7 agosto 1974 sulla riforma del sistema radiotelevisivo il nuovo canale prese la denominazione di France Régions 3 e divenne autonomo. Questo canale aveva l'obiettivo di coordinare e sviluppare la programmazione regionale dei diversi centri radio e tv. Nei primi anni si puntò inoltre sulla programmazione regionale con grandi spazi dedicati al cinema ed ai dibattiti. Con il passare del tempo i centri regionali iniziarono a decentralizzarsi sia amministrativamente che economicamente ed acquisirono una maggiore autonomia.

Negli anni '80 si succedono diverse novità come la trasmissione delle interrogazioni parlamentari a partire dall'ottobre 1981 o la introduzione della pubblicità nella programmazione a partire dal gennaio 1983. Nello stesso anno i centri di produzione regionali iniziano a produrre 3 ore giornaliere di programmazione regionale e nel 1986 si cominciò a mandare in onda un nuovo programma informativo chiamato 19/20, che dalle 19:00 fino alle 20:00 trasmette un telegiornale nazionale ed edizioni regionali (dagli anni '90 anche locali).

Nel 1986 il Governo, presieduto allora da Jacques Chirac, propose la privatizzazione di uno dei tre canali pubblici. Nella proposta originaria si proponeva la privatizzazione di France Régions 3, ma alla fine la scelta cadde su TF1. Nello stesso anno, a seguito della nomina da parte dell'organismo francese di regolazione del sistema radiotelevisivo di René Han alla direzione della rete, FR3 assunse una connotazione più culturale.

France 3[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la privatizzazione di TF1 e la nascita dei nuovi operatori privati Canal+, La Cinq e TV6 (successivamente M6), i canali Antenne 2 e FR3 focalizzarono la loro programmazione nel servizio pubblico e FR3 accentuò la sua vocazione culturale cedendo parte della programmazione del sabato al canale educativo La Sept attraverso la diffusione del segnale di questa rete. A settembre del 1992 FR3 assunse la denominazione "France 3" ed insieme a France 2 è inserita nel gruppo France Télévisions.

Edizioni locali dei telegiornali[modifica | modifica wikitesto]

Il canale trasmette le seguenti edizioni dei telegiornali locali, le cui zone non corrispondono ai confini reali delle regioni francesi. Esse servono anche a identificare la versione di France 3 che corrisponde al territorio di ricezione.

24 edizioni regionali 12/13 e 19/20 39 edizioni locali 19/20 5 edizioni in lingua regionale
  • Alsazia (Alsace)
  • Alpi (Alpes) che comprende i dipartimenti Isère, Savoia e Alta Savoia della regione Rodano-Alpi
  • Aquitania (Aquitaine)
  • Alvernia (Auvergne)
  • Borgogna (Bourgogne)
  • Bretagna (Bretagne)
  • Centro (Centre)
  • Champagne-Ardenne
  • Corsica (Corse)
  • Costa Azzurra (Côte d'Azur) che comprende Alpi marittime (dipartimento) e la parte orientale del Var
  • France Contea (Franche-Comté)
  • Languedoc - Roussillon
  • Limousin
  • Lorena (Lorraine)
  • Sud e Pirenei (Midi-Pyrénées)
  • Nord - Pas-de-Calais
  • Alta-Normandia (Haute-Normandie)
  • Bassa-Normandia (Basse-Normandie)
  • Paris - Île-de-France
  • Paesi della Loira (Pays de Loire)
  • Piccardia (Picardie)
  • Poitou-Charentes
  • Provenza-Alpi (Provence-Alpes) che comprende i dipartimenti di Bocche del Rodano, Vaucluse, Alpi dell'Alta Provenza e la parte occidentale del Var
  • Rodano-Alpi (Rhône-Alpes) che comprende i restanti dipartimenti della regione
  • Atlantique/La Rochelle
  • Baie de Seine/Le Havre
  • Berry
  • Edition Bordeaux
  • Champagne info
  • Clermont soir
  • Pays de Corrèze/Brive
  • Côte d'Opale
  • Côte Varoise/Toulon
  • Estuaire/Nantes
  • Euskal Herri/Paesi Baschi
  • Grand Lyon
  • Grenoble
  • Haute-Alsace/Mulhouse (Alta-Alsazia)
  • Haute-Bretagne (Alta Bretagna)
  • Iroise/Brest
  • Zona metropolitana di Lille
  • Limoges
  • Maine (Le Mans)
  • Marsiglia (Marseille)
  • Metz
  • Montpellier
  • Nancy
  • Nizza (Nice)
  • Basse-Normandie (Bassa Normandia)
  • Haute-Normandie (Alta Normandia)
  • Orléans soir
  • Pays Gardois
  • Pau (Sud Aquitania)
  • Périgords
  • Poitou-Charentes
  • Quercy Rouergue
  • Rhône-Alpes (Rodano Alpi)
  • Pays catalan (Regione catalana)
  • St-Étienne
  • Strasbourg/Deux-rives (Strasburgo/Due rive)
  • Tarn
  • Toulouse (Tolosa)
  • Tours soir

Il canale, assieme a France 2, France 4, France 5 e France Ô, fa parte del gruppo France Télévisions.

Il canale è ricevibile in Francia via etere in digitale, e via satellite nel nuovo bouquet sorto dalla fusione tra Canal+ e TPS; inoltre, il canale è ricevibile in Europa attraverso i segnali irradiati sul satellite Atlantic Bird 3, e via terra in alcune zone di confine tra la Francia e i Paesi limitrofi; in Italia limitatamente ad alcune zone della provincia di Imperia, Nord Sardegna e provincia di Livorno[senza fonte].

Si occupa della partecipazione francese all'Eurovision Song Contest, di cui trasmette la finale dal 1999 al posto di France 2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione