Hot Bird

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hot Bird è un marchio commerciale dell'operatore francese Eutelsat usato per designare la zona dello spazio in cui sono ubicati diversi satelliti geostazionari. Si tratta, più esattamente, della posizione orbitale sull'equatore a 13° est dal meridiano di Greenwich; da tale posizione deriva il nome dei satelliti per telecomunicazioni che ruotano nella suddetta orbita geostazionaria. Allo stato attuale operano in quella zona dello spazio i tre satelliti Eutelsat Hot Bird 13B, Eutelsat Hot Bird 13C ed Eutelsat Hot Bird 13D che hanno rimpiazzato i precedenti, già spostati e rinominati o deorbitati.

I satelliti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1983 la zona dei satelliti Hot Bird a 13° est ha ridisegnato radicalmente il panorama audiovisivo dell'Europa, del Nordafrica e del Medio Oriente. Ha contribuito significativamente alla creazione di un mercato della TV dove i telespettatori, dotati di un apposito ricevitore collegato ad un'antenna parabolica del diametro di 70 cm o poco più grande (a seconda della posizione geografica), possono scegliere tra centinaia di canali trasmessi in oltre 40 lingue. I satelliti Hot Bird sono stati usati in passato anche per trasmissioni analogiche; ora invece il segnale irradiato è esclusivamente digitale e finalizzato alle trasmissioni DTH (acronimo inglese di Direct-To-Home che significa diretto a casa) della televisione satellitare (DVB-S, Digital Video Broadcasting - Satellite), alle applicazioni multimediali di Internet e alla distribuzione in reti via cavo.

La famiglia dei tre satelliti Hot Bird costituisce uno dei sistemi più estesi di trasmissione televisiva in Europa poiché consegna a oltre 120 milioni di abitazioni 1 100 canali digitali, di cui 600 a pagamento (pay-per-view), 500 in chiaro (free-to-air) e 150 in alta definizione (high definition); in aggiunta più di 500 tra stazioni radio e servizi multimediali e 13 piattaforme a pagamento cosiddette Premium.

I vari satelliti che condividono la posizione Hot Bird gravitano all'interno della porzione di spazio racchiusa in una "finestra orbitale", con un fronte quadrato di 150 km di lato e 40 km di profondità, rotante alla velocità geosincrona di oltre 3 km/s. Dal punto di vista terrestre, un'antenna parabolica puntata verso questa finestra riceve indifferentemente il segnale come se giungesse da un unico punto; in realtà i satelliti coposizionati al suo interno hanno valori di eccentricità e inclinazione leggermente diversi. Un centro di controllo dalla Terra monitora costantemente la posizione e, se necessarie, effettua delle manovre correttive, attivando i sistemi di propulsione, affinché i satelliti seguano con esattezza le orbite loro assegnate senza mai entrare in collisione[1].

La seguente tabella riassume alcuni dati dei satelliti collocati a 13° est, tra cui il numero di transponder e la relativa banda di frequenza (Ku o Ka), ed evidenzia in grassetto quelli attualmente in funzione nella posizione Hot Bird:

Nome Costruttore Data / vettore di lancio Transponder Note
Eutelsat-2 F1 Aerospatiale 30 agosto 1990
Ariane 4
16-Ku Rimpiazzato da Hot Bird 5, è spostato a 76° est e deorbitato nel novembre 2003.[senza fonte]
Hot Bird 1 Aerospatiale 28 marzo 1995
Ariane 4
16-Ku Chiamato in origine Eutelsat-2 F6X[2], è deorbitato nel febbraio 2007[senza fonte]
Hot Bird 2 Matra Marconi 21 novembre 1996
Atlas IIA
26-Ku Rinominato Eurobird 9 nel maggio 2007[3], è spostato a 9° est[4]
Hot Bird 3 Matra Marconi 2 settembre 1997
Ariane 4
32-Ku Tra il 2 e il 3 ottobre 2006 tutto il traffico è spostato su Hot Bird 8. Nonostante i problemi al circuito di alimentazione verificatisi tra il 3 e il 4 ottobre 2006, è nello stesso mese riposizionato a 10° est e rinominato Eurobird 10[5].
Hot Bird 4 Matra Marconi 27 febbraio 1998
Ariane 4
28-Ku L'accordo con Nilesat prevede lo spostamento a 7° ovest col nuovo nome di Nilesat 103 dopo la sua sostituzione con Hot Bird 7A nel secondo trimestre del 2006[6]. Eutelsat effettivamente ricolloca il satellite e dal 1° luglio 2006 lo identifica come Atlantic Bird 4[7]
Hot Bird 5 Matra Marconi 10 ottobre 1998
Atlas IIA
22-Ku Rimpiazzato da Hot Bird 6 nell'agosto 2002[8], è rinominato Eurobird 2[3] a 25,5° est[7].
Eutelsat Hot Bird 13A Alcatel Alenia Space 21 agosto 2002
Atlas V
28-Ku / 4-Ka Hot Bird 6 sostituisce Hot Bird 5[8]; è rinominato il 1º marzo 2012[9]. Nel luglio 2013 è rimpiazzato da Eutelsat Hot Bird 13D, quindi spostato a 7/8° ovest col nome di Eutelsat 8 West C[10].
Hot Bird 7 EADS-Astrium 11 dicembre 2002
Ariane 5
40-Ku Lancio del satellite fallito[11].
Hot Bird 7A Alcatel Alenia Space 11 marzo 2006
Ariane 5
38-Ku Sostituisce Hot Bird 1 (deorbitato) e Hot Bird 4 (ricollocato)[7]. Rimpiazzato a sua volta da Hot Bird 9 nel febbraio 2009, è spostato a 9° est e rinominato Eurobird 9A a settembre dello stesso anno[12].
Eutelsat Hot Bird 13B EADS-Astrium 4 agosto 2006
Proton
64-Ku Hot Bird 8, successore di Hot Bird 3, è rinominato il 1º marzo 2012[13].
Eutelsat Hot Bird 13C EADS-Astrium 20 dicembre 2008
Ariane 5
64-Ku Hot Bird 9 rimpiazza Hot Bird 7A[12]; è poi rinominato il 1º marzo 2012[13].
Eutelsat Hot Bird 13D EADS-Astrium 12 febbraio 2009
Ariane 5
64-Ku Hot Bird 10 è fin da subito rinominato Atlantic Bird 4A e posizionato a 7° ovest; poi a 3° est è rinominato Eutelsat 3C; ricollocato finalmente a 13° est con un nuovo nome[13] rimpiazza nel luglio 2013 Eutelsat Hot Bird 13A[10].

Dal 1º marzo 2012 i satelliti Hot Bird 6, 8 e 9 hanno anteposto ai nomi la dizione Eutelsat e sostituito le rispettive cifre numeriche con 13A, 13B e 13C[14]. A luglio 2013 Hot Bird 13A viene sostituito dall'omologo 13D che prende perciò tutti i canali del primo[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guida ai satelliti per telecomunicazioni (PDF), Eutelsat Communications, 29 gennaio 2010, pp. 3, 8 e 11 del PDF. URL consultato il 30 settembre 2014.
  2. ^ (EN) Hot Bird 1 in space.skyrocket.de, Gunter's Space Page.
  3. ^ a b (EN) Hot Bird 2, 3, 4, 5 / Eurobird 2, 9→4, 10, 16 / Eutelsat W48, W75 / Atlantic Bird 4 / Eutelsat 4B, 16B, 25A / Arabsat 2D → Badr 2 / Nilesat 103 / ABS 1B in space.skyrocket.de, Gunter's Space Page.
  4. ^ (EN) Eutelsat opens new neighbourhood at 9 degrees east with Eurobird™ 9 satellite (formerly Hot Bird™ 2) (PDF), Eutelsat Communications, 15 maggio 2007.
  5. ^ (EN) Eutelsat status report on Hot Bird™ 3 satellite (Eurobird™ 10) (PDF), Eutelsat Communications, 6 ottobre 2006.
  6. ^ (EN) Nilesat to expand resource at 7 degrees West through contract with Eutelsat for capacity on Hot Bird™ 4 satellite (PDF), Eutelsat Communications, 5 settembre 2005.
  7. ^ a b c (EN) Management report of consolidated accounts at 30 June 2006 (PDF), Eutelsat Communications, 18 ottobre 2006, p. 21.
  8. ^ a b (EN) Hot Bird 6 → Eutelsat Hot Bird 13A → Eutelsat 8 West C, Gunter's Space Page.
  9. ^ Benedetta Nicodemo, Eutelsat – Un nome, un gruppo, una flotta, Eutelsat Communications, 1º dicembre 2011.
  10. ^ a b c (EN) 2013-2014 half-year financial report (July-December 2013) (PDF), Eutelsat, p. 12.
  11. ^ (EN) Hot Bird 7 in space.skyrocket.de, Gunter's Space Page.
  12. ^ a b Entrata in servizio del satellite Hot Bird™ 9 di Eutelsat (PDF), Eutelsat Communications, 17 febbraio 2009.
  13. ^ a b c (EN) Hot Bird 8, 9, 10 → Eutelsat Hot Bird 13B, 13C, 13D / Atlantic Bird 4A / Eutelsat 3C in space.skyrocket.de, Gunter's Space Page.
  14. ^ (EN) Financial results. First half 2011-2012 (PDF), Eutelsat Communications, 17 febbraio 2012, p. 25.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]