Erwin von Witzleben

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erwin von Witzleben

Erwin von Witzleben (Breslavia, 4 dicembre 1881Berlino, 8 agosto 1944) è stato un generale tedesco, prestò servizio nella prima e nella seconda guerra mondiale.

Nominato Feldmaresciallo nel 1940 dopo la vittoriosa Campagna di Francia, fu giustiziato a seguito dell'attentato a Hitler del 20 luglio 1944.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Erwin von Witzleben nacque a Breslavia, da una famiglia di antico lignaggio e tradizione militare; sin da giovane decise anch’egli di proseguire nella tradizione di famiglia, dedicandosi alla carriera militare. Nel 1901 ottenne il suo primo incarico con la nomina a sottotenente del 7º Reggimento granatieri König Wilhelm I.

Si sposò con Else Kleeberg, con cui ebbe due figli: un maschio e una femmina.

La carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Durante la prima guerra mondiale combatté a Verdun e nelle Fiandre. Durante gli scontri fu gravemente ferito. Il valore dimostrato in battaglia lo mise in mostra come uno dei migliori giovani ufficiali tedeschi, e gli valse la decorazione della Croce di Ferro di prima e seconda classe.

Alla fine della guerra, von Witzleben fu mantenuto in servizio nella ricostituita Reichswehr, il nuovo esercito della Repubblica di Weimar, ottenendo ruoli di comando presso diverse unità operative.

Il 1º febbraio 1934 von Witzleben ottenne la promozione a Generalmajor e il comando della 3ª divisione di fanteria. Circa un anno dopo fu nominato in sostituzione di Werner von Fritsch, divenuto capo del Comando supremo dell’Esercito (OKH), quale nuovo Comandante del Terzo distretto militare del Reich (tedesco: Wehrkreis III); questa nomina aveva una particolare importanza simbolica e militare, poiché lo poneva al comando delle truppe a difesa della città di Berlino. In questo modo von Witzleben divenne uno dei generali più in vista della nuova Wehrmacht, ottenendo rapidamente la promozione a Generalleutnant (nel settembre del 1935) e successivamente il comando del III Corpo d'Armata, con sede a Berlino. Nel 1936 fu ulteriormente promosso al grado di General der Infanterie.

Nonostante fosse uno dei generali più in vista della Wehrmacht, von Witzleben fu sempre un elemento ostile al nuovo regime nazista. Ciò lo mise subito in contatto con gli altri esponenti della resistenza militare al nazismo. Nel 1938 partecipò alla definizione di un piano d'azione per attuare un colpo di stato in occasione della crisi dei Sudeti; in questa congiura erano coinvolti personaggi di spicco del mondo militare tedesco, tra cui Ludwig Beck, Erich Hoepner, Wilhelm Canaris e Franz Halder. Tutti questi uomini erano preoccupati dalla politica estera aggressiva di Hitler, e credevano che la Germania non potesse permettersi una guerra contro gli Alleati occidentali.

A von Witzleben sarebbe dovuto spettare un ruolo decisivo per attuare il colpo di Stato: dato il suo ruolo di comandante militare del Distretto di Berlino, egli avrebbe dovuto garantire il controllo della capitale e dei principali uffici governativi. Tuttavia il progetto fallì: da un lato infatti gli eventi che portarono alla firma del Trattato di Monaco fecero superare il rischio imminente di una guerra in Europa, dall'altro le esitazioni dei congiurati impedirono l'avvio di una soluzione risoluta contro il regime nazista.

Nonostante von Witzleben rimanesse in contatto con i gruppi di opposizione al regime, non fu per il momento esonerato da responsabilità di comando nella Wehrmacht. Nel novembre 1938 fu nominato a capo del II Gruppo d'Armate, il cui comando operativo era sul confine orientale tedesco, presso Francoforte sull'Oder.

Nel settembre 1939, allo scoppio della Seconda guerra mondiale, von Witzleben fu promosso a Generaloberst e nominato comandante della I Armata. Nel suo nuovo incarico, si trovò a presidiare le posizioni tedesche lungo il settore settentrionale della Linea Maginot.

Quando iniziò l'invasione tedesca della Francia, l'armata sotto il comando di von Witzleben era inquadrata nel Gruppo d'armate C, al comando del generale von Leeb. Poiché occupava l'ala meridionale del dispositivo d'attacco tedesco, la I Armata non partecipò attivamente al colpo di falce grazie al quale la Wehrmacht irruppe attraverso le posizioni alleate e circondò gran parte delle loro truppe nel Passo di Calais; tuttavia, quando scattò la seconda fase dell'invasione, anche le truppe sotto il comando di von Witzleben ebbero modo di passare all'attacco. Il 14 giugno 1940 la I Armata sfondò le linee francesi a difesa della linea Maginot e in pochi giorni costrinse alla resa diverse divisioni nemiche.

Come riconoscimento del ruolo da lui svolto nella vittoriosa Campagna di Francia, il 19 luglio 1940 von Witzleben fu nominato Generalfeldmarschall.

Il 26 ottobre 1940 von Witzleben assunse il comando del Gruppo d'armate D, un'unità costituita allo scopo di controllare le zone di occupazione militare tedesca nella Francia settentrionale e in Belgio. Il 15 marzo 1941 si dispose che il Comandante in capo del Gruppo d'armate D fosse considerato Comandante in capo della Wehrmacht per tutto il teatro occidentale (Oberbefehlshaber West); in questo modo von Witzleben si trovò al comando di tutto il fronte occidentale. Mantenne l'incarico fino al 15 marzo 1942, quando venne sostituito da Gerd von Rundstedt.

L’attentato del 20 luglio 1944[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1944 von Witzleben prese parte alla progettazione e alla realizzazione del fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Secondo i piani dei cospiratori, il generale Ludwig Beck avrebbe dovuto assumere il ruolo di capo di stato, mentre proprio von Witzleben sarebbe dovuto diventare Comandante supremo della Wehrmacht.

Dopo lo scoppio della bomba nel quartier generale di Hitler nella Prussia orientale, von Witzleben tardò a raggiungere Stauffenberg e gli altri cospiratori al Bendlerblock a Berlino per assumere il comando della Wehrmacht. Quando si presentò al quartier generale era ormai sera e il tentativo di colpo di Stato era ormai chiaramente fallito. Dopo meno di un’ora von Witzleben lasciò Berlino per tornare verso Zossen.

Fu impiccato l'8 agosto 1944, a seguito della sentenza di morte emessa contro di lui dal tribunale speciale nazista. Durante il processo, come ultima umiliazione pubblica, von Witzleben fu costretto a presentarsi senza poter indossare cinture o bretelle; ciò lo obbligava a tirarsi su di continuo i pantaloni mentre era in piedi di fronte alla corte: questo gli valse gli insulti del presidente della corte Roland Freisler.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Cavaliere con spade dell'Ordine Reale di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere con spade dell'Ordine Reale di Hohenzollern
Cavaliere di Giustizia dell'Ordine di San Giovanni del Baliaggio di Brandeburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Giustizia dell'Ordine di San Giovanni del Baliaggio di Brandeburgo
«Abbandonato nel 1938»
Cavaliere della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce di Ferro
Croce d'onore della Grande Guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore della Grande Guerra
Distintivo di ferro per feriti - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo di ferro per feriti
Cavaliere dell'Ordine della Croce d'Onore di Reuss - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Croce d'Onore di Reuss
Medaglia del muro occidentale - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del muro occidentale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Corelli Barnett (a cura di), I Generali di Hitler, Rizzoli, Milano, 1991, ISBN 88-17-33262-3ő

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 10646105