Wilhelm List

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wilhelm List
Bundesarchiv Bild 183-S36487, Wilhelm List.jpg
Nato Oberkirchberg
14 maggio 1880
Morto Garmisch-Partenkirchen
16 agosto 1971 (91 anni)
Dati militari
Forza armata Kaiserstandarte.svg Deutsches Heer

Flag of Weimar Republic (war).svg Reichswehr

Balkenkreuz.svg Wehrmacht
Grado Flag of the NSDAP (1920–1945).svg
Feldmaresciallo
Guerre Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Wilhelm List (Oberkirchberg, 14 maggio 1880Garmisch, 16 agosto 1971) è stato un generale (feldmaresciallo) tedesco durante la Seconda guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Oberkirchberg nei pressi di Württemberg nel 1880, combatté come soldato nell'Esercito tedesco durante la Prima guerra mondiale, al termine della quale entrò a far parte del Freikorps, un corpo di polizia politica creato tra il 1918 e il 1919 dalla destra parlamentare con il compito di reprimere qualsiasi rivolta che potesse destabilizzare l'operato del Reichstag. Rimase sempre nella Reichswehr e nel 1930 venne nominato Generale di divisione e messo a capo della scuola di fanteria di Dresda.

Nel 1935 fu nominato comandante del 4. Corpo d'armata dal generale Fedor von Bock e benché non concordasse con alcune decisioni di Hitler non commise mai alcuna azione che avrebbe potuto compromettere la sua carriera militare, tanto da non protestare, nel 1938, contro l'allontanamento dalla Wehrmacht, fondato su false accuse, di Werner von Blomberg e Werner von Fritsch.

Dopo l'Anschluss fu inviato a Vienna come comandante dell'esercito stanziato in Austria e l'anno seguente prese parte all'invasione della Cecoslovacchia. Nel settembre del 1939 guidò la 14. Armata durante la campagna di Polonia sotto il generale Gerd von Rundstedt e prese possesso di Cracovia e Leopoli; nella successiva missione in Francia nel 1940 contribuì allo sfondamento del fronte nemico sulla Mosa invadendo, inoltre, il Lussemburgo con dei mezzi corazzati.

Hitler fu molto soddisfatto dei risultati conseguiti da List, tanto da promuoverlo Feldmaresciallo il 19 luglio 1940. Gli venne affidata l'invasione della Jugoslavia e della Grecia e riuscì a sfondare la linea Metaxas; rimase nei Balcani fino a ottobre del 1941, quando venne congedato.

Richiamato in servizio nel luglio del 1942, gli fu assegnato il comando del Gruppo d'armate A incaricato di invadere il Caucaso e prendere possesso dei preziosi pozzi petroliferi della zona. Dopo alcuni brillanti successi e una veloce avanzata iniziale, le truppe di List dovettero rallentare la marcia a causa delle difficoltà logistiche, dell'insufficienza di mezzi e della crescente resistenza dell'Armata Rossa. Entrato in contrasto con Hitler per alcuni dettagli tattici e ritenuto responsabile del mancato raggiungimento degli obiettivi previsti, il 9 settembre 1942 venne destituito dal Führer, nonostante le proteste mosse dai generali Franz Halder e Alfred Jodl.

Fino alla fine della guerra si ritirò nella sua casa a Garmisch-Partenkirchen. Dopo la fine del conflitto venne processato a Norimberga e condannato all'ergastolo nel febbraio del 1948. Liberato nel dicembre del 1952 per gravi motivi di salute, morì il 17 agosto 1971 a Garmisch.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Cavaliere dell'Ordine della Croce di Ferro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Croce di Ferro
Distintivo di ferro per feriti - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo di ferro per feriti
Cavaliere dell'Ordine Reale di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Reale di Hohenzollern
Croce di IV Classe dell'Ordine al Merito Militare di Baviera - nastrino per uniforme ordinaria Croce di IV Classe dell'Ordine al Merito Militare di Baviera

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 72447754 LCCN: no97030783

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie