Georg von Küchler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georg Karl Friedrich Wilhelm von Küchler

Georg Karl Friedrich Wilhelm von Küchler (Hanau, 30 maggio 1881Garmisch-Partenkirchen, 25 maggio 1968) è stato un generale tedesco. Durante la seconda guerra mondiale raggiunse il grado di feldmaresciallo.

Durante la campagna di Polonia comandò la Terza Armata. Il 22 settembre 1939 organizzò la cerimonia funebre per Werner von Fritsch; in questa occasione pronunciò un discorso con cui deprecava le circostanze in cui la dirigenza nazista aveva allontanato quest'ultimo dal comando delle Forze armate (Scandalo Fritsch-Blomberg). Per questo motivo Küchler fu sollevato dal comando della Terza Armata, ma per intervento di Walther von Brauchitsch poco tempo dopo gli fu assegnato il comando della Diciottesima Armata, che guidò alla conquista dei Paesi Bassi.

Küchler comandò la Diciottesima Armata anche durante l'operazione Barbarossa, finché il 17 gennaio 1942, in seguito alle dimissioni del Feldmaresciallo von Leeb, rilevò il comando dell'intero Gruppo d'Armate Nord. Küchler rimase in carica fino al 29 gennaio 1944, quando fu esonerato a causa della rottura dell'accerchiamento di Leningrado da parte delle forze armate sovietiche.

Fino alla fine della guerra non ricevette nessun altro incarico.

Dopo la guerra, nel processo che coinvolse tutto il Comando supremo della Wehrmacht, fu condannato a 20 anni di reclusione, ridotti poi a dodici; ne scontò effettivamente 4, tra il 1949 e il 1953.


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 20617750 LCCN: n87836435

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie