Volkssturm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una sfilata nel 1944 del Volkssturm
Tre soldati del Volkssturm fotografati il 10 marzo 1945 a Berlino. I tre uomini sono armati con lanciarazzi controcarri Panzerfaust.

Il Volkssturm (pronunzia tedesca: [ˈfɔlks.ʃtʊɐ̯m], letteralmente "assalto popolare") fu una milizia popolare nazionalsocialista, creata negli ultimi mesi del Terzo Reich con decreto di Adolf Hitler del 18 ottobre 1944, che richiamava sotto le armi tutti gli uomini abili tra i 16 e i 60 anni d'età. Le formazioni Volkssturm, estrema risorsa per cambiare le sorti del conflitto, furono integrate nei piani di difesa della Germania per far fronte all'imponente avanzata dell'Armata Rossa da est e di quella anglo-americana da sud e da ovest.

Creazione[modifica | modifica sorgente]

Soprattutto gli anziani vennero richiamati per l'estrema difesa del Terzo Reich.

L'idea di creare il Volkssturm si ebbe fin dal 1935, ma fu resa realtà solo nel 1944, quando Martin Bormann, sotto l'ordine diretto di Hitler, reclutò ben sei milioni di tedeschi per formare una milizia nazionale.

L'unità base del Volkssturm era il battaglione di 642 uomini, composti per la maggior parte da membri della Hitlerjugend, anziani, invalidi e persone considerate precedentemente riformati dal regolare servizio militare. Il reclutamente era a livello provinciale (i battaglioni venivano formati negli stessi Landkreis).

La Volkssturm parteciperà alla difesa di Berlino con 20 battaglioni formati e altri 20 battaglioni in via di formazione.

Si distinsero anche per la difesa di Breslavia, oggi Wrocław, che difesero dal 14 febbraio al 6 maggio 1945.

Durante gli ultimi mesi del conflitto, il Volkssturm passò sotto il comando del dottor Joseph Goebbels, partecipando alla difesa di Berlino.[1]

Ranghi, uniforme e distintivi[modifica | modifica sorgente]

Gruppenführer (1), Zugführer (2), Kompanieführer (3), Bataillonsführer (4)
Grado Traduzione
Volkssturmmann Milite della Volkssturm
Gruppenführer Comandante di squadra, corrispondente al Blockleiter
Zugführer Comandante di plotone, corrispondente al Zellenleiter
Kompanieführer Comandante di compagnia, corrispondente al Ortsgruppen-leiter
Bataillionsführer Comandante di battaglione, corrispondente al Kreisleiter
Bracciale identificativo degli appartenenti al Volkssturm.

L'uniforme del Volkssturm doveva essere grigia, con le mostrine dei gradi cucite sul bavero del colletto ed un bracciale di color rosso/nero/rosso con l'iscrizione "Deutscher Volkssturm Wehrmacht" con due aquile naziste ai lati della suddetta iscrizione: era il Volkssturm Armband, portato sul braccio sinistro. Tuttavia, come mostrato dalle foto conservate nei vari archivi o pubblicate sui vari testi, la penuria di materiali costrinse l'adozione degli indumenti più vari - se non addirittura l'uso di abiti civili e del solo bracciale.

Le armi usate dalla milizia erano molto eterogenee; armi confiscate a vari eserciti o comunque materiale di recupero. Molto diffuso presso il Volkssturm era il Panzerfaust, un'arma anticarro a singolo utilizzo dalla notevole efficacia ma dalla ridotta gittata. Spesso questo costituiva l'unica arma del Volkssturm: l'intensificarsi dei combattimenti urbani ne amplificò di molto le capacità e l'efficienza. Questi miliziani saranno infatti i maggiori artefici della distruzione di carri armati durante l'avanzata dell'Armata Rossa in territorio tedesco, rispetto agli stessi Panzer e PaK. Oltre al Panzerfaust, l'arma principale dei miliziani era il comune fucile.

Inizialmente il Volkssturm venne dotato del fucile Mauser Karabiner 98k a ripetizione manuale, il fucile standard della Wehrmacht, ma quando questi vennero ceduti sempre in più grandi numeri alle truppe regolari i miliziani furono dotati dei Mauser Gewehr 98, Gewehr 1888 e l'antico Mauser 1871, gli antenati dei 98k che avevano prestato servizio durante la prima guerra mondiale e durante il secolo scorso. Oltre a fucili obsoleti di vecchia data, il Volkssturm venne sporadicamente dotato di svariatissimi tipi di armi confiscate ai vari eserciti durante la guerra, nonché ovviamente armi esplosive, da fuoco, bianche e contundenti assolutamente improvvisate. Verso la fine della guerra, furono sviluppate varie armi sotto il nome di "Volksgewehr" appositamente per questa milizia. Si trattava di armi semplici ed economiche, concepite per poter essere prodotte in massa. Tra queste vi erano: la Volkspistole, il Vg 1/2, l'MP3800, il VStG 1/5.

Le leve e il disimpegno[modifica | modifica sorgente]

I membri del Volkssturm erano principalmente anziani e adolescenti. Altri erano di età idonea al servizio militare, ma che svolgevano impieghi che erano considerati vitali per la sopravvivenza della società e per il sostentamento della macchina bellica tedesca e che quindi non erano stati reclutati in precedenza nella Wehrmacht. Altri ancora erano invalidi.

La Volkssturm prevedeva quattro leve:

  • Prima leva: la seconda più numerosa (1,2 milioni di uomini in totale) e meglio armata, costituita ufficialmente da uomini nati tra il 1884 e il 1924, era in pratica costituita da uomini tra i 50 e i 61 anni, poiché gli uomini di età inferiore erano già stati chiamati in servizio da tempo. Un fattore positivo era che questi uomini avevano quasi tutti già prestato servizio durante la prima guerra mondiale, ed erano quindi già veterani esperti. Questa leva fu dotata di uniformi e di armi in numeri e qualità eguali a quelle della Wehrmacht, e veniva smossa quando al nemico mancavano dalle sei alle otto settimane per raggiungere la provincia minacciata (in tedesco Landkreis, letteralmente circondario rurale), e i battaglioni della prima leva venivano spesso spediti molto lontani dalla propria regione a combattere assieme alla fanteria al fronte. Difatti, le unità più efficienti del Volkssturm della prima leva venivano inglobate nelle unità di fanteria al fronte come unità di supporto, pur rimanendo Volkssturm. I miliziani di questa leva provenienti dal Sauerland, un Landkreis collinare scarsamente popolato nella zona sud-orientale della Vestfalia, si distinse a tal punto da divenire una vera e propria élite del Volkssturm, e combatté a fianco della fanteria regolare sul fronte occidentale col nome di Freikorps Sauerland.
  • Seconda leva: la più numerosa (2,8 milioni di elementi in totale). La seconda leva veniva smossa quando il nemico si trovava a due o tre giorni dalla zona minacciata. Costituita da uomini tra i 25 e 50 anni di età che erano stati fino ad allora considerati vitali per la sopravvivenza della società e per il sostentamento della macchina bellica tedesca e che quindi non erano stati reclutati in precedenza nella Wehrmacht e nella prima leva del Volkssturm; prima di essere richiamati a servizio svolgevano impieghi come operai, artigiani, addetti ai trasporti, burocrati, agricoltori, pompieri e negozianti con capacità particolari, ma soprattutto operai e macchinisti specializzati delle fabbriche di armi e altro materiale vitale. A questi si aggiungevano gli invalidi lievi, numerosi anziani, nonché elementi che sarebbero dovuti entrare in servizio nella prima leva ma che non erano stati considerati idonei. Questa leva riceveva l'armamento il giorno prima del previsto attacco nemico, rendendo qualsiasi forma di addestramento impossibile.
  • Terza leva: chiamata a servizio il giorno stesso della presenza del nemico nella provincia. Questa leva non aveva ovviamente alcuna speranza di ricevere qualsivoglia uniforme o addestramento, ad eccezione del Volkssturm Armband. Questa leva era costituita da "uomini" nati fra il 1925 e il 1928, quindi quasi unicamente da adolescenti che non erano ancora stati reclutati nella Wehrmacht e che con tutte le probabilità facevano ancora parte della Hitlerjugend e delle forze ausiliarie. La grande percentuale di questa leva era formata da sedicenni, ovvero da adolescenti dell'annata 1928, in quanto i ragazzi delle annate 1927, '26 e '25 erano con tutte le probabilità già stati chiamati in servizio nella Wehrmacht. Vennero ufficiosamente reclutati adolescenti nati nel 1929. Una gran parte delle unità di questa leva non era neppure armata, ad eccezione di qualche Panzerfaust, e facevano appena in tempo a tentare di difendere i propri quartieri e i propri appartamenti, spesso con armi inefficaci e improvvisate.
  • Quarta leva: costituita da bambini sotto i 15 anni, anziani sopra i 61 e invalidi gravi. Questa leva non veniva dotata di nulla, ad eccezione del Volkssturm Armband e di qualche arma obsoleta, spesso scarica. Si pretendeva che questa leva si armasse da sé.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anthony Read, Alla corte del Führer. Göring, Goebbels e Himmler: intrighi e lotta per il potere nel Terzo Reich, Mondadori (Le scie), Milano 2006.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti esterne[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo