David Parenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Parenzo (Padova, 14 febbraio 1976) è un giornalista, conduttore radiofonico e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato al Liceo Classico "C. Marchesi" di Padova, giornalista professionista dal marzo 2005,[1] nasce da una famiglia di tradizioni ebraiche ed è pronipote del garibaldino Cesare Parenzo[2] oltre che cugino del produttore televisivo Sandro Parenzo (azionista di maggioranza delle reti Telelombardia, Antenna 3, Videogruppo e Canale 6).

Ha scritto per il quotidiano Il Mattino di Padova[3] per poi collaborare, un anno, con il quotidiano Liberazione, allora diretto da Sandro Curzi, realizzando la rubrica Hamburger & Polenta: storie dal mitico nordest.[4] Esordisce in TV all'età di 22 anni, su Odeon TV, con il programma Tutto quello che avreste voluto sapere sul Festival ma non avete mai osato chiedere. Passerà poi a Telenuovo dove condurrà, per due anni, Prima Pagina, per poi approdare a Telelombardia, dove ha condotto Orario Continuato, Prima Serata,[4] Iceberg[3] e, dal 24 novembre 2010, Titanic Italia su 7 Gold[5].

Giuseppe Cruciani e David Parenzo

Per le elezioni politiche 2013 ha condotto la serie di reportage Tutti a casa: la politica fatta dai ragazzi per MTV.[6] Collabora con Radio 24 alla trasmissione La zanzara, di Giuseppe Cruciani e con LA7 al programma In onda. Nell'estate 2013 ha condotto La guerra dei mondi su Rai 3, trasmissione chiusa dopo sole quattro puntate. Il 9 ottobre 2013 conduce Radio Belva su Rete 4 insieme a Giuseppe Cruciani; il programma viene sospeso dopo una sola puntata a causa di una rissa verbale tra Vittorio Sgarbi e Cruciani. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Romanzo Padano, storia della Lega Nord, Sperling & Kupfer editore, 2008.
  • Banca Rotta, Sperling & Kupfer editore.
  • L'Europa s'è Rotta, Sperling & Kupfer editore.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]