Centro Rai di Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Centro di produzione Rai di Napoli nasce tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta, Viene inaugurato, alla presenza dell'allora Presidente del Consiglio Amintore Fanfani, il 7 marzo 1963.

Il centro è ubicato a viale Marconi 9, nel quartiere di Fuorigrotta, in prossimità dello Stadio San Paolo.

La struttura dispone di tre studi televisivi per un totale di 1227 m². e capacità di 370 persone, utilizzati per le riprese di programmi e fiction e di un Auditorium, dal 1996 vi si registrano le puntate delle soap opera Un posto a sole in onda su Rai 3, oltre che che le serie televisive de La squadra e La nuova squadra.

Negli anni sessanta e settanta, da questi studi veniva trasmessa la storica trasmissione Senza Rete, che andava in onda dall'auditorium.

Al Centro RAI di Napoli è ospitato inoltre l'Archivio Storico della Canzone napoletana, inaugurato nel 2003 e che dal 2007 ha trasferito su cataloghi multimediali l'enorme archivio di incisioni musicali (più di 40.000[1]) delle canzoni classiche napoletane.

Dal 2009 gli studi (auditorium compreso) hanno ricominciato ad ospitare molti programmi d'intrattenimento della Rai tra cui: Tintoria, Ti lascio una canzone, Attenti a quei due, Me lo dicono tutti!, Non sparate sul pianista, Italia Coast2Coast, Made in Sud, I grandi della musica, Reazione a catena, Alle falde del Kilimangiaro, Verdetto finale. Oltre che il ciclo di commedie di Eduardo De Filippo dirette ed interpretate da Massimo Ranieri.

In precedenza vi sono stati girati, tra gli altri, i programmi satirici: Pippo Chennedy Show, L'Ottavo Nano e Convenscion.

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]