Rai Gulp

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rai Gulp
Rai Gulp 2010.svg
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematico
Target ragazzi
Slogan Non si finisce mai di crescere
Data di lancio 1º giugno 2007 (Rai Gulp)
19 gennaio 2009 (Rai Gulp +1)
Data chiusura 18 maggio 2010 (Rai Gulp +1)
Formato 16:9 e 4:3 576i (SDTV)
Share 0,61% (maggio 2014, [1])
Editore Rai
Direttore Massimo Liofredi (dal 2011)
Sito www.raigulp.it
Diffusione
Terrestre
Digitale DVB-T, in Italia FTA sul Mux 3 (LCN 42)
Satellite
Digitale DVB-S, FTA su Eutelsat Hot Bird 13C (11.804 MHz)
Tivù Sat 26
Sky 807
Via cavo
Naxoo (Svizzera) Canale 22
Streaming
Rai.tv Rai Gulp (Adobe Flash)

Rai Gulp è un canale televisivo gratuito italiano appartenente alla RAI. È disponibile nella televisione digitale terrestre per le zone coperte dal RAI Mux 3 e nella televisione digitale satellitare. La programmazione è pensata per un pubblico di adolescenti e bambini. La coordinazione del canale è gestita dalla struttura Rai Ragazzi, la quale si occupa anche del canale Rai YoYo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il canale televisivo Rai Gulp è nato il 1º giugno 2007 sulle frequenze di Rai Doc e Rai Futura, chiuse poco prima del suo lancio. All'inizio, Rai Gulp prevedeva una programmazione limitata, la quale finiva alle ore 23:00 (a partire dalla notte tra il 19 ed il 20 ottobre 2008 prorogata alle ore 23:50). Da tale ora in poi, un filmato ripetuto in loop avvertiva che la programmazione sarebbe stata ripresa il giorno dopo. A partire dalla notte tra il 14 ed il 15 giugno 2009, le trasmissioni terminavano a mezzanotte.[[[Aiuto:Chiarezza|]]]

Dal 27 ottobre 2008 al 17 maggio 2010, esclusivamente sul digitale terrestre e nelle aree d'Italia dove si è già compiuto lo switch-off della televisione analogica terrestre, è stato disponibile anche Rai Gulp +1, canale televisivo con la stessa programmazione di Rai Gulp ritardata di un'ora.

Il canale televisivo Rai Gulp +1 ha cessato le sue trasmissioni il 18 maggio 2010, da una distanza di 1 anno e 4 mesi dalla nascita (il 19 gennaio 2009).

In seguito alla chiusura del canale satellitare RaiSat Smash Girls, alcuni programmi che venivano mandati in onda su quel canale sono attualmente presenti nel palinsesto di Rai Gulp.

Dal 27 aprile 2010 la programmazione del canale è coordinata dalla struttura Rai Ragazzi.

L'attuale logo del canale è in uso dal 18 maggio 2010.

Dall'autunno 2010, il canale cambia lievemente: si conferma per le visioni della fascia 6-10 anni, ma prova anche ad allargare il target per una fascia che viaggia dagli 8 ai 14 anni, come affermato dalla Sipra. Infatti vengono aggiunti nuovi cartoni e fiction per ragazzi, mentre altri prodotti sono in arrivo. Un'ulteriore prova è il cambiamento di grafica dei promo e dei bumper, molto più curato e maturo rispetto alle sequenze più "infantili" mostrate in precedenza.

Dall'autunno 2014 il canale prende carico, insieme a Rai YoYo, della fascia mattutina dei ragazzi, vista la chiusura su Rai 2 della versione feriale di Cartoon Flakes.

Programmazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel palinsesto di Rai Gulp, c'è spazio per tutti i generi, dalle serie animate alle live-action, dai magazine ai documentari fino ai film la domenica sera.

Vengono principalmente trasmesse serie animate europee, come Di-Gata Defenders, Code Lyoko, L'ultimo dei Mohicani, La compagnia dei Celestini, Winx Club, Martin Mystère, Huntik - Secrets & Seekers, Lola & Virginia, Moby Dick e il segreto di Mu, Scuola di vampiri, La stravagante famiglia Odd, e ancora Gladiatori - Il torneo delle sette meraviglie, La leggenda del drago, Tre gemelle e una strega, Acqua in bocca, Loulou de Montmartre, Team Galaxy, Monster Buster Club, L'isola di Noè, Leonardo, Kim, Cocco Bill, Geronimo Stilton, Rat-Man, Deltora Quest, Monster Allergy, Jolanda, la figlia del Corsaro Nero, PopPixie, L'uomo invisibile, Inazuma Eleven - La squadra delle meraviglie, Il mondo di Stefi, Teen Days, Mia and Me, Le straordinarie avventure di Jules Verne ed altre.

Non erano mai stati trasmessi anime, fino all'estate 2010, con Romeo × Juliet e ARIA, in seguito arrivarono serie come Pretty Cure, storiche come Il Tulipano Nero, Mimì e la nazionale di pallavolo, Il grande sogno di Maya, D'Artagnan e i moschettieri del re o serie in prima visione, come Deltora Quest e Capeta.

Nell'ottobre del 2010, è stato stipulato un accordo tra Rai e Nickelodeon, infatti su Rai Gulp, approdano Avatar - La leggenda di Aang, e live-action come Unfabulous, The Naked Brothers Band, Victorious, Grachi e Naturalmente Sadie!. Altre live action trasmesse sono: Ginevra Jones, Geni per caso, I Dream Elephant Princess e molte altre.

Da ricordare è anche l'appuntamento domenicale con i film, in genere così concepito: verso le 19:30 va in onda il film d'animazione, e subito dopo vengono trasmessi cartoon come Il castello errante di Howl, Tommy & Oscar il film, Atomic Betty - The Movie e Arthur e il popolo dei Minimei. Sono stati trasmessi anche i film delle Pretty Cure. Nell'ottobre 2013, viene trasmessa la serie Digimon Fusion Battles rimasta incompleta su Rai 2. Durante le festività 2013 vengono trasmessi anche alcuni film della Disney.

Il 15 novembre 2014 è stato trasmesso lo Junior Eurovision Song Contest, concorso canoro nel quale l'Italia ha debuttato con la vittoria, ottenendo 151.000 spettatori e lo 0,65% di share.

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

Programmi[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Voci ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1º gennaio 2011 la voce di Rai Gulp è di Emanuele Ruzza[3].

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Share 24h* di Rai Gulp[4][modifica | modifica wikitesto]

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Media anno
2010 0,23% 0,25% 1,92% 1,82% 0,29% 0,35% 0,35% 0,25% 0,31% 0,19% 0,17% 0,23% 0,53%
2011 0,25% 0,26% 0,24% 0,21% 0,19% 0,27% 0,31% 0,32% 0,25% 0,21% 0,22% 0,21% 0,25%
2012 0,17% 0,22% 0,26% 0,28% 0,23% 0,40% 0,53% 0,49% 0,51% 0,33% 0,33% 0,32% 0,34%
2013 0,39% 0,39% 0,34% 0,40% 0,40% 0,44% 0,47% 0,41% 0,42% 0,38% 0,40% 0,39% 0,40%
2014 0,45% 0,51% 0,57% 0,62% 0,61% 0,68% 0,65% 0,68% 0,60% 0,51%

*Giorno medio mensile su target individui 4+

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione