Rai Med

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rai Med
Rai Med 2010 Logo.png
Logo del canale satellitare, chiuso nel 2014.
Paese Italia Italia
Lingua italiano, arabo[1]
Tipo tematico
Target tutti
Versioni Rai Med 576i (SDTV)
(Data di lancio: 26 aprile 2001)
Data chiusura aprile 2014
Canali affiliati Rai News 24
Euronews
Rai 1
Rai 2
Rai 3
Editore Rai
Sito Rai.it

Rai Med era un canale satellitare in chiaro della Rai.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rai Med iniziò le proprie trasmissioni il 26 aprile 2001[1] via satellite nel tradizionale standard DVB-S[2] in modalità free to air, visibile quindi attraverso qualsiasi decoder satellitare nella parte del pianeta coperta dal segnale di Hot Bird. Dal 2003 venne memorizzato sul canale 804 della piattaforma Sky.

La programmazione veniva trasmessa dal Centro di Produzione RAI di Saxa Rubra a Roma. Il canale era strettamente collegato al canale Rai News 24 (di cui trasmetteva il palinsesto base), e proponeva ogni giorno, in prima serata, la traduzione in lingua araba dell'edizione principale del TG3 delle ore 19, nonché programmi dedicati ai paesi mediorientali che si affacciano sul mare Mediterraneo.

Il 1º gennaio 2004 Rai Med viene momentaneamente sospeso per un restyling, ma ritorna in onda qualche mese dopo. In quella decade trasmetteva programmi di informazione e cultura multietnica. L'emittente inoltre, dal 21 aprile 2008 al 2010 trasmetteva parte dei programmi dei canali di Rai Internazionale dalle 13 alle 21. Durante queste trasmissioni, oltre al logo di Rai Med compariva anche quello di Raitalia.

Quando il 18 maggio 2010, la Rai cambia il logo ai propri canali televisivi, passando dalla "farfallina" al quadrato, Rai Med rimane l'unico canale a conservare il vecchio logo. Solo il 16 novembre 2011 il logo fu aggiornato, dopo una trasmissione di Euronews.

Nel mese di novembre 2011 il direttore generale Lorenza Lei presentò un secondo piano di riduzione dei costi dopo quello di maggio per mettere in sicurezza i conti della Rai. Questo piano prevedeva la chiusura di alcune sedi di corrispondenza e del canale Rai Med, il 30 novembre 2011 il consiglio di amministrazione della Rai approvò all'unanimità il piano del direttore generale[3]. Dal 21 aprile 2012 il canale cessa di trasmettere i programmi autoprodotti, ma rimane comunque in onda sul satellite, trasmettendo in 4:3 la programmazione dell'emittente in 16:9 RaiNews24, utilizzando una variante della modalità letterbox con il segnale orario in una delle bande lasciate vuote dal DAR.

Nel mese di aprile 2014 Rai Med venne chiuso definitivamente[1] e sulla frequenza satellitare rimasero i canali del multiplex televisivo.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rai.it
  2. ^ Rai Med
  3. ^ RAI: antistorica e incomprensibile la chiusura di RAIMED | Vivienna.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione