Simona Marchini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Simonetta Marchini, detta Simona (Roma, 19 dicembre 1941), è un'attrice, conduttrice televisiva e regista italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È figlia dell'imprenditore Alvaro Marchini, presidente della A.S. Roma negli anni settanta. E proprio del capitano della Roma di quegli anni, Franco "Ciccio" Cordova, Simona Marchini è stata moglie, dal 1970 al 1980.

La prima proposta professionale le arrivò da Elio Petri, quando aveva sedici anni, ma il padre si oppose.[1]

Successivamente una cara amica, Delia Scala la introduce nel mondo dello spettacolo.

Dunque, i suoi inizi artistici importanti sono stati come Iside Martufoni nella trasmissione A tutto gag del 1980, poi il cinema nei film Miracoloni e I carabbinieri, dove ha mantenuto la sua vena comica.

Nel corso degli anni si è andata sempre più orientando verso il teatro.

Un recente contributo autobiografico dell'attrice è stata oggetto della trasmissione televisiva "Allo specchio. L’Italia è un Paese fondato sulle nonne." condotta da Paola Severini Melograni (Puntata 3, 'La Verità delle Donne'; con Simona Marchini e Alessandra Ghisleri; trasmessa Domenica 21 luglio, ore 12.00, su Rai Storia, e Mercoledì 31 luglio, ore 01.00, su Rai 3)

Quelli della notte e l'attività in televisione[modifica | modifica sorgente]

Ha partecipato nel 1985 al programma di Renzo Arbore Quelli della notte.

Nel 1987/1988 su Rai Uno ha condotto prima Proffimamente non stop, con Amelia Monti, poi, insieme a Giancarlo Magalli Pronto, è la Rai?. Dal 1989 ha presentato per due edizioni consecutive, insieme a Piero Badaloni e Toto Cutugno il programma itinerante di Rai Uno Piacere Rai Uno.

Ha interpretato la parte di una postina pugliese, nella fiction Mamma per caso, accanto a Raffaella Carrà e Ray Lovelock.[2]

È stata ospite fissa sino al 3 gennaio 2010, della trasmissione radiofonica Black Out, di e con Enrico Vaime, in onda su Rai Radio 2.

Ha recitato nell'episodio Conto Aperto della famosa sit com televisiva Camera Cafè.

Tra le numerose cariche istituzionali ricoperte da questa poliedrica donna di spettacolo ricordiamo:

Teatrografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biografia su cinquantamila.corriere.it
  2. ^ Filmato

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]