Caterina di Navarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caterina
Caterina di Navarra
Caterina di Navarra
regina di Navarra
In carica 30 gennaio 1483 - 12 febbraio 1517
Predecessore Francesco Febo
Successore Enrico II
Altri titoli contessa di Foix e Bigorre e viscontessa di Béarn
Nascita 1470
Morte Mont-de-Marsan, 12 febbraio 1517
Luogo di sepoltura Lescar
Casa reale Conti di Foix
Padre Gastone di Foix-Navarra
Madre Maddalena di Francia
Consorte Giovanni d'Albret
Figli Anna
Maddalena
Caterina
Giovanna
Quitèria
un bambino
Andrea Febo
Enrico
Bonaventura
Martino
Francesco
Carlo e
Isabella

Caterina di Foix o Caterina di Foix e Navarra. Catherine in francese e in inglese, Katalina in basco, Caterina in catalano, Catalina in spagnolo, Catarina asturiano, in galiziano, in portoghese e in aragonese, Katharina in tedesco e Catharina in fiammingo (1468Mont-de-Marsan, 12 febbraio 1517) , principessa di Viana dal 1479 al 1483, poi regina di Navarra, contessa di Foix e Bigorre, viscontessa del Béarn, Nébouzan, Villemeur, Lautrec dal 1483 al 1517.

Sigillo di Caterina

Origini familiari[modifica | modifica wikitesto]

Caterina era la figlia secondogenita di Gastone di Foix-Navarra, visconte di Castelbon, principe di Viana de jure e futuro luogotenente del regno di Navarra,[1] e di Maddalena di Francia[2], sorella del re di Francia, Luigi XI.[3][4][5][6]

Tomba dei re di Navarra

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1469, suo padre fu nominato luogotenente del regno di Navarra al posto di sua nonna, Eleonora di Navarra.

Il 23 novembre del 1470, Caterina rimase orfana di padre, che morì per le ferite, mal curate, riportate in seguito ad un torneo, effettuato nelle vicinanze di Bordeaux, a Libourne[3]. La nonna Eleonora, nel 1471, riottenne da suo padre, il re Giovanni II, la luogotenenza perpetua sulla Navarra, in cambio della rinuncia ad ogni rivendicazione sulla corona d'Aragona.

Alla morte del nonno, Gastone IV di Foix, nel 1472, suo fratello, Francesco Febo, divenne conte di Foix, sotto la reggenza della madre, Maddalena di Francia e poi alla morte della nonna, Eleonora di Navarra, nel 1479, Caterina divenne principessa di Viana, mentre il fratello, Francesco Febo, divenne re di Navarra, sempre sotto la reggenza della madre, Maddalena di Francia[3].

Quando Francesco Febo morì, molto probabilmente per avvelenamento, nel 1483, senza aver governato e prima di potersi sposare, quindi senza discendenza, Caterina ereditò la corona di Navarra e la contea di Foix[3][7], ma essendo ancora minorenne la regina madre Maddalena continuò ad esercitare la reggenza.

La Navarra subì delle pressioni dalle corti di Francia e Castiglia per fare sposare Caterina ad uno dei loro principi; la Castiglia propose il matrimonio con l'erede al trono, Giovanni e rimase assai male quando Maddalena, per la figlia, Caterina, accettò l'offerta della famiglia del signore d'Albret e visconte di Tartas, Giovanni d'Albret[8][3]. Il matrimonio fu celebrato, il 14 luglio del 1484, a Orthez, nella contea di Foix.

Caterina, il marito e la madre Maddalena, che tenne la reggenza sino al 1494, dovettero anche lottare contro lo zio , il visconte di Narbona, Giovanni di Foix, che pretendeva di essere, per la legge salica, in quanto maschio, l'erede di Francesco Febo. Giovanni di Foix iniziò una guerra civile, che durò una decina di anni. Caterina ed il marito poterono essere incoronati re di Navarra solo il 10 gennaio 1494, nella cattedrale di Pamplona. La pace fu siglata a Tarbes il 7 settembre 1497. Giovanni morì a Étampes, nel novembre del 1500, ma siccome, durante la guerra civile di Navarra, Giovanni aveva avuto il supporto del re della Corona d'Aragona, Ferdinando II con cui si era alleato, nel 1505, sua figlia, Germana de Foix contrasse matrimonio con Ferdinando II (che, nel 1504, era rimasto vedovo di Isabella I di Castiglia). Ferdinando II, che manteneva qualche pretesa sulla Navarra, nel 1506 divenne reggente del regno di Castiglia, per conto della figlia, Giovanna la Pazza.

Re di Navarra
Foix-Béarn-Bigorre
Armoiries Navarre Foix.svg

Gastone I
Figli
Francesco Febo
Caterina
Figli
Modifica

Nel 1512, Caterina ed il marito, Giovanni d'Albret, a Blois, firmarono un accordo col re di Francia, Luigi XII, che prevedeva un accordo tra la Francia e la Navarra, tra cui un eventuale matrimonio tra l'erede al trono di Navarra, Enrico II di Navarra e una principessa della casa reale francese, e una clausola segreta che vietava il passaggio delle truppe castigliane sul suolo navarrese. Nello stesso tempo i reali di Navarra cercavano di mantenere buoni rapporti con Ferdinando, re d'Aragona e reggente di Castiglia, il quale venuto a conoscenza della clausola segreta del patto firmato tra Francia e Navarra, chiese il permesso di passaggio sul suolo navarrese per attaccare la Francia; ottenuto un rifiuto, Ferdinando dichiarò guerra a Caterina, il 25 luglio del 1512 l'esercito castigliano entrava in Pamplona ed in capo a due mesi la Navarra a sud dei Pirenei era conquistata, anche perché Giovanni d'Albret non aveva combattuto e si era rifugiato a Parigi. L'entrata delle truppe spagnole in Navarra era stata preceduta da una bolla di papa Giulio II, che scomunicava Caterina e Giovanni e li privava dei loro titoli e dei loro territori[7]. Una seconda bolla del 18 gennaio 1513 confermava la scomunica e assegnava i territori a chiunque li avesse conquistati (cioè Ferdinando II).

Le intenzioni di Ferdinando sembra che non fossero di annettere la Navarra al regno di Spagna, ma finita la disputa con la Francia, restiturla a Caterina, ed in quell'ottica propose un matrimonio tra il principe di Viana, Enrico II di Navarra, erede al trono di Navarra e una principessa di Spagna. Caterina ed il marito non solo rifiutarono ma fecero arrestare l'ambasciatore spagnolo, che fu consegnato ai francesi. Solo allora Ferdinando procedette all'annessione, dichiarandosi re di Navarra[3].

Di fatto il regno di Navarra era stato diviso in due parti:

  • la Bassa Navarra, la parte del regno a nord dei Pirenei che rimase in possesso della regina Caterina e continuò ad essere legata alla Francia
  • l'Alta Navarra, la parte del regno a sud dei Pirenei che fu annessa alla corona d'Aragona e il 23 marzo del 1513, le cortes di Pamplona dichiararono l'annessione al regno d'Aragona e poi, nel 1515, le cortes castigliane, a Burgos, dichiararono l'Alta Navarra parte del regno castigliano, la nascente Spagna. Comunque il regno di Navarra mantenne le sue leggi e le sue autonomie, almeno sino al XVIII secolo, nell'ambito del regno di Spagna.

Caterina ed il marito, dopo aver lasciato Pamplona, si stabilirono nel Bearn[3], e, negli anni seguenti, cercarono di rientrare in possesso dell'Alta Navarra, ma senza successo. Caterina morì a Mont-de-Marsan, nella contea di Foix il 12 febbraio 1517 e fu tumulata nella cattedrale di Lescar[3]. A Carerina successe il figlio, Enrico II.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Caterina a Giovanni d'Albret diede undici figli:[3][9][5][7][10]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Caterina di Navarra Padre:
Gastone di Foix-Navarra
Nonno paterno:
Gastone IV di Foix
Bisnonno paterno:
Giovanni I di Foix
Trisnonno paterno:
Archambaud de Grailly
Trisnonna paterna:
Isabella di Foix
Bisnonna paterna:
Jeanne d'Albret
Trisnonno paterno:
Charles I d' Albret
Trisnonna paterna:
Marie de Sully
Nonna paterna:
Eleonora di Navarra
Bisnonno paterno:
Giovanni II d'Aragona
Trisnonno paterno:
Ferdinando I di Aragona
Trisnonna paterna:
Eleonora d'Alburquerque
Bisnonna paterna:
Bianca I di Navarra
Trisnonno paterno:
Carlo III di Navarra
Trisnonna paterna:
Eleonora di Trastámara
Madre:
Maddalena di Valois
Nonno materno:
Carlo VII di Francia
Bisnonno materno:
Carlo VI di Francia
Trisnonno materno:
Carlo V di Francia
Trisnonna materna:
Giovanna di Borbone
Bisnonna materna:
Isabella di Baviera
Trisnonno materno:
Stefano III di Baviera-Ingolstadt
Trisnonna materna:
Taddea Visconti
Nonna materna:
Maria d'Angiò
Bisnonno materno:
Luigi II d'Angiò
Trisnonno materno:
Luigi I d'Angiò
Trisnonna materna:
Maria di Blois
Bisnonna materna:
Iolanda di Aragona
Trisnonno materno:
Giovanni I d'Aragona
Trisnonna materna:
Iolanda di Bar

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gastone di Foix-Navarra era a sua volta figlio di Gastone IV di Foix, conte di Foix e Bigorre, visconte del Béarn, di Narbonne, Nébouzan, Villemeur e Lautrec, e di Eleonora di Navarra, figlia di Giovanni II, duca di Peñafiel, re (usurpatore) di Navarra e futuro re d'Aragona, e della defunta Bianca di Navarra, regina di Navarra, contessa d'Évreux e duchessa di Nemours
  2. ^ Maddalena di Francia era figlia del re di Francia, Carlo VII e di Maria d'Angiò.
  3. ^ a b c d e f g h i (EN) Reali di Navarra
  4. ^ (EN) Casa di Foix- genealogy
  5. ^ a b (EN) Caterina di Foix PEDIGREE
  6. ^ (DE) Eleonora di Navarra genealogie mittelalter
  7. ^ a b c (DE) Caterina di Navarra genealogie mittelalter
  8. ^ Giovanni d'Albret era figlio del signore d'Albret conte di Gâvres e di Castres e visconte di Tartas, Alain I d'Albret e della Contessa del Périgord, viscomtessa di Limoges e signora d'Avesnes e di Châlus, Françoise de Châtillon (?-1481), figlia del conte di Penthièvre, visconte di Limoges e signore di Payzac, Guglielmo di Châtillon-Blois e di Isabella de la Tour d´Auvergne.
  9. ^ (EN) Casa di Albret- genealogy
  10. ^ (DE) Giovanni III di Navarra genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, Spagna, 1412-1516, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, pp. 546-575, Garzanti, 1999
  • Charles Petit-Dutaillis, Francia: Luigi XI, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 657-695

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina di Navarra Successore Armoiries Navarre Foix.png
Francesco Febo 14831517 Enrico II
Predecessore Conte di Foix e Visconte di Béarn Successore Blason de Foix-Béarn.svg
Francesco Febo 1482- 1517 Enrico II


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19644775 LCCN: nr2007010694