Lescar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lescar
comune
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason de l'Aquitaine et de la Guyenne.svg Aquitania
Dipartimento Blason département fr Pyrénées-Atlantiques.svg Pirenei Atlantici
Arrondissement Pau
Cantone Lescar
Territorio
Coordinate 43°20′N 0°25′W / 43.333333°N 0.416667°W43.333333; -0.416667 (Lescar)Coordinate: 43°20′N 0°25′W / 43.333333°N 0.416667°W43.333333; -0.416667 (Lescar)
Superficie 26,45 km²
Abitanti 10 322[1] (2009)
Densità 390,25 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 64230
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 64335
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Lescar

Lescar è un comune francese di 10.322 abitanti situato nel dipartimento dei Pirenei Atlantici nella regione dell'Aquitania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Oppidum Beneharnum, a Lescar

Ai piedi della collina sulla quale si estende l'attuale cittadina si trovava una volta, durante il corso dell'occupazione romana dell'Aquitania (55/56 a.C. - 419 d.C.) una cittadella fortificata (oppidum) chiamata Beneharnum che divenne una città vera e propria nel III secolo, capitale del Béarn. Essa fu rasa al suolo nell'841 dai Vichinghi e Morlaàs La sostituì come capitale del Béarn. La nuova città di Lescar si sviluppò sulla collina a partire dal XII secolo. Il suo vescovo presiedeva gli Stati generali del Béarn ed i re di Navarra del ramo degli Albret ne scelsero la cattedrale per ospitare le loro tombe.

La diocesi di Lescar sostituì nel 980 quella di Beneharnum.[2] La diocesi di Lescar comprendeva l'arcidiaconato omonimo (archidiaconatus Lascurrensis), quello di Soubestre (archidiaconatus Silvestrensis), quello di Larbaig (archidiaconatus Larvallensis), e quello di Batbielle[3] (archidiaconatus de Begbielle) e quello di Vic-Bilh (archidiaconatus de Bigbilh).

Il vescovado di Lescar fu soppresso nel 1793 per essere riunito a quello di Oloron ed infine incorporato nel 1802 in quello di Bayonne.

Nel 1385, Lescar dipendeva dal baliato di Pau e contava 187 "focolari".[4] Nel 1643 la città era divisa in quattro quartieri: la Ciutat, il Parvis, il Debat l'Arriu e il Vialer.

La giurisdizione notarile di Lescar comprendeva i comuni di Laroin, Lons, Monhauba[5], Saint-Faust et Siros.

Oggi Lescar è divenuta una "città satellite" residenziale di Pau.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ Paul Raymond, Dictionnaire topographique Béarn-Pays basque
  3. ^ Terre e boschi sui territori dei comuni di Angaïs, Boeil, Bénéjacq, Bordères, Lagos, Mirepeix et Beuste
  4. ^ O "fuochi", termine con il quale nel Medioevo si indicavano le singole entità familiari soggette, in quanto tali, ad imposizione fiscale
  5. ^ Monhauba è un'antica frazione di Saint-Faust, distrutta da un'inondazione della gave de Pau nel 1778

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia