Giovanna Manuele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanna Manuel de Peñafiel Juana in spagnolo e asturiano, Joana in galiziano, in portoghese, in catalano e in basco, Chuana in aragonese, Ieanne in francese, Joan in inglese e Johanna in tedesco e in fiammingo (1339Salamanca, 27 marzo 1381) è stata regina consorte del Regno di Castiglia e León dal 1369 al 1379.

Armi de la Cerda

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia ultimogenita dello scrittore e uomo politico, Giovanni Manuele di Castiglia, duca di Penafiel (discendente di Ferdinando III di Castiglia, che era suo nonno, mentre Alfonso X di Castiglia era suo zio) e della sua terza moglie, Bianca de la Cerda (1311-1347).[1][2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Capitello con lo scudo delle armi di Giovanna Manuel, monastero de Santa Maria.

La sua sorellastra più vecchia, Costanza Manuel di Peñafiel,[4] fu, prima regina consorte di Castiglia[1][5], poi dopo che, nel 1327, era stata ripudiata, rinchiusa nella città di Toro ed il matrimonio era stato annullato (non consumato per la giovane età della sposa), Costanza divenne regina consorte del Portogallo avendo sposato, l'erede al trono del Portogallo, Pietro, che aveva circa la stessa età di Costanza[1].[6].

Il 27 luglio del 1350, Giovanna sposò Enrico di Trastamara figlio quartogenito del re di Castiglia e León, Alfonso XI di Castiglia, e della sua amante Eleonora di Guzmán.[7]

Nel 1361 alla morte della sua giovane nipote Blanca, unica figlia del fratellastro Fernando Manuel, morto nel 1350[1][2] Giovanna ereditò Villena, Escalona e Peñafiel[1].

Come discendente (nipote) diretta di Giovanna Nuñez de Lara, detta La Pomilla (1286 – 1351), dopo la morte della cugina prima Isabella di Lara (†1361)[8] e dalla sua giovane figlia Fiorentina (†dopo il 1365)[9], nel 1370, Giovanna ereditò anche Lara e la Biscaglia.

Nel 1369 era diventata regina consorte del Regno di Castiglia e León in quanto il marito Enrico, detto il Bastardo o il Fratricida, in quell'anno era succeduto sul trono di Castiglia e León al fratellastro Pietro I, dopo averlo ucciso, di proprio pugno, dopo la battaglia di Montiel.

Rimasta vedova, nel 1379, si ritirò a Salamanca dove morì, il 27 marzo 1381. Con la sua morte la Biscaglia fu unita alla Castiglia. Giovanna fu tumulata a Toledo nel monastero de Santa Maria.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna diede ad Enrico tre figli:[10][3][11][12]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Giovanna Manuele Padre:
Giovanni Manuele di Castiglia, duca di Peñafiel
Nonno paterno:
Manuele Fernandez, signore di Villena, di Escalona e Peñafiel
Bisnonno paterno:
Ferdinando III di Castiglia
Bisnonna paterna:
Elisabetta di Hohenstaufen
Nonna paterna:
Beatrice di Savoia
Bisnonno paterno:
Amedeo IV di Savoia
Bisnonna paterna:
Cecilia del Balzo
Madre:
Bianca de La Cerda
Nonno materno:
Fernando de la Cerda
Bisnonno materno:
Ferdinando de la Cerda, erede al trono di Castiglia
Bisnonna materna:
Bianca di Francia
Nonna materna:
Giovanna Nuñez de Lara
Bisnonno materno:
Giovanni Nuñez de Lara, il Maggiore
Bisnonna materna:
Teresa Diaz de Haro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Nobiltà castigliana
  2. ^ a b (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  3. ^ a b (EN) Giovanna Manuel- PEDIGREE
  4. ^ Costanza Manuel di Peñafiel (c.a. 13231345) era figlia di secondo letto del padre di Giovanna, cioè figlia di Costanza d'Aragona (1300 – 1327), figlia a sua volta del re di Aragona Giacomo II
  5. ^ Nel 1325, il 28 novembre, a Valladolid, il padre sposò Costanza Manuel, ancora bambina, al giovane, non ancora maggiorenne, re di Castiglia e León, Alfonso XI, unico figlio maschio del re di Castiglia e León, Ferdinando IV di Castiglia e della regina Costanza del Portogallo
  6. ^ Nel 1336, il matrimonio tra Costanza e Pietro fu celebrato nel convento di San Francesco a Évora, solo per procura, perché Alfonso aveva impedito alla sposa di lasciare la città di Toro. Il matrimonio fu nuovamente celebrato, con entrambi gli sposi presenti, a Lisbona, il 24 agosto 1339
  7. ^ Eleonora di Guzmán era figlia del nobile castigliano Pietro Núñez di Guzmán (discendente dalla casa di San Domenico di Guzmán) e di Giovanna Ponzia di León, discendente del re Alfonso IX di León. Aveva un fratello gemello, Federico Alfonso (13331358), maestro dell'ordine di Santiago e signore di Haro.
  8. ^ (Isabel's death)
  9. ^ (Florentina's death)
  10. ^ (EN) Reali di Castiglia
  11. ^ (EN) Casa d'Ivrea-genealogy
  12. ^ (EN) Enrico II di Castiglia- genealogie mittelalter

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]