Castel Viscardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castel Viscardo
comune
Castel Viscardo – Stemma Castel Viscardo – Bandiera
Castel Viscardo – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Terni-Stemma.png Terni
Amministrazione
Sindaco Massimo Tiracorrendo (lista civica) dal 09/06/2009
Territorio
Coordinate 42°45′19″N 12°00′06″E / 42.755278°N 12.001667°E42.755278; 12.001667 (Castel Viscardo)Coordinate: 42°45′19″N 12°00′06″E / 42.755278°N 12.001667°E42.755278; 12.001667 (Castel Viscardo)
Altitudine 507 m s.l.m.
Superficie 26,25 km²
Abitanti 3 078[1] (30-04-2011)
Densità 117,26 ab./km²
Frazioni Le Prese, Monterubiaglio, Pianlungo, Viceno
Comuni confinanti Acquapendente (VT), Allerona, Castel Giorgio, Orvieto
Altre informazioni
Cod. postale 05014
Prefisso 0763
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 055010
Cod. catastale C289
Targa TR
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti castellesi
Patrono sant'Antonio di Padova
Giorno festivo 27 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castel Viscardo
Posizione del comune di Castel Viscardo all'interno della provincia di Terni
Posizione del comune di Castel Viscardo all'interno della provincia di Terni
Sito istituzionale

Castel Viscardo (Castèllo in dialetto locale[2]) è un comune italiano di 3.078 abitanti della provincia di Terni.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Castel Viscardo si erge a ridosso dell'Altopiano dell'Alfina, a 507 m s.l.m. e dista 13 km da Orvieto.

La località si pone in una splendida posizione panoramica, che si apre nella vallata del fiume Paglia fino ad Orvieto.

Castel Viscardo fa parte della Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Castello di Madonna

Il centro si sviluppa attorno al castello denominato "Castello di Madonna", eretto nel XIV secolo, dapprima proprietà della famiglia Monaldeschi della Cervara, poi feudo dei principi Spada e tuttora di proprietà dei duchi di Montevecchio. Testimonianze di un centro abitato antecedente la costruzione del castello, si hanno sin dal VI secolo a.C., è infatti databile a quest'epoca la necropoli etrusca che si estende a pochi chilometri dal paese, in località "Caldane".

Il paese possiede una chiesa parrocchiale che custodisce ancora un bel crocifisso in avorio del '600, regalato da Luigi XIV a un cardinale della famiglia Spada residente a Parigi. Un altro membro degli Spada, Francesco, ufficiale al servizio dei Veneziani, conquistò agli Ottomani uno stendardo custodito anch'esso nella chiesa parrocchiale.

Aeroporto di Orvieto/Castel Viscardo[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto, di cui oggi rimangono poche rovine, venne realizzato, nel 1938, sull'altopiano al confine dei comuni di Orvieto e Castel Viscardo, su territori passati dalla giurisdizione del comune di Castel Giorgio a quello di Orvieto che cedette dei territori a quello di Castel Giorgio ,infatti la frazione di Benano, oggi Orvieto, era una frazione del comune di Castel Giorgio mentre la frazione di Casa Perazza oggi nel Comune di Castel Giorgio era in quello di Orvieto, inoltre sulla Carta d'Italia dell'I.G.M.(Istituto Geografico Militare) Foglio 130 III° S.O. il sito viene riportato come "Ex Aeroporto di Castel Giorgio". Il progetto delle caserme e degli edifici funzionali si deve all'ing. Roberto Marino, mentre le aviorimesse furono progettate dall'ing. Pier Luigi Nervi. Queste ultime, interamente realizzate in cemento armato, fecero dell'aeroporto un'opera unica nel suo genere. L'inaugurazione dell'aeroporto avvenne il 27 marzo 1938. L'aeroporto, tra il 1938 e il 1940, ospitò la "scuola di pilotaggio di 2° periodo", tra il 1940 e il 1942 vennero costruite, sempre dall'ing. Nervi, altre due aviorimesse, nel 1942 venne dislocato ad Orvieto il 18º Stormo o "Stormo Trasporti". Il 9 settembre 1943, il giorno dopo l'armistizio, l'aeroporto viene assediato dalla Wehrmacht e divenne ben presto la base operativa dell'aviazione tedesca; dopo diversi bombardamenti degli alleati, i tedeschi, nel 1944, decisero di spostarsi più a nord bruciando i velivoli e distruggendo tutte le strutture. Oggi, esattamente di fronte a dove era ubicato il vecchio aeroporto, è presente l'Aviosuperficie Alfina, sede dell'Aereo Club Volovelistico di Castel Viscardo. Dal 2004 è sede del Centro Nazionale Acrobazia Alianti Alfina, medaglia d'oro 2012 e 2009 ai Campionati Mondiali di Acrobazia Alianti.[senza fonte] L

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]


Musica[modifica | modifica sorgente]

Complesso bandistico "G. Verdi"[modifica | modifica sorgente]

La banda musicale di Castel Viscardo fu fondata nell'estate del 1886 da alcuni appassionati di musica che decisero di intitolarla a Giuseppe Verdi, che in quegli anni veniva acclamato in tutto il mondo. Il primo Maestro fu Giovanni Glicerio Bonserini, un valente musicista di Orvieto. La banda era costituita da una trentina di persone; tutti lavoravano in campagna e nei mesi caldi la maggioranza di loro andava alle fornaci. La stagione cominciava in primavera e terminava in autunno; i concerti, chiamati "servizi", si svolgevano soprattutto in occasione delle feste del paese. La banda di Castel Viscardo, unica in tutto il circondario, cominciò ad essere richiesta anche nei centri vicini. Fu così che i musicanti iniziarono a spostarsi esibendosi nei paesi limitrofi. Tuttora la banda è in funzione.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • 3 maggio: Festa Patronale dell'Esaltazione della Croce
  • 27 agosto: Festa Patronale in onore di sant'Antonio di Padova
  • agosto: Sagra della Cannelletta
  • Notte dell'Epifania: Canto della "Pasquarella" per le vie del paese
  • 17 gennaio: benedizione degli animali e distribuzione dei "panettuzzi di Sant'Antonio"
  • Venerdì di Pasqua: processione del Cristo Morto

Economia[modifica | modifica sorgente]

Le attività produttive sono legate all'agricoltura e all'artigianato. La ricchezza geologica del territorio è data dall'argilla, materiale primo dell'industria del laterizio: il Comune conta infatti una decina di aziende che producono il "(cotto) (mattone)". Altra attività produttiva è data dal settore vitivinicolo: nel territorio di Castel Viscardo si producono pregiatissimi vini, tra i quali l'Orvieto DOC; accanto a questa produzione non si può non citare l'olio di oliva extra vergine, ottenuto tramite la spremitura a freddo delle olive.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2011.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 175.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]