Alviano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il condottiero del Cinquecento, vedi Bartolomeo d'Alviano.
Alviano
comune
Alviano – Stemma Alviano – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Terni-Stemma.png Terni
Amministrazione
Sindaco Giovanni Ciardo (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 42°35′00″N 12°18′00″E / 42.583333°N 12.3°E42.583333; 12.3 (Alviano)Coordinate: 42°35′00″N 12°18′00″E / 42.583333°N 12.3°E42.583333; 12.3 (Alviano)
Altitudine 251 m s.l.m.
Superficie 23,9 km²
Abitanti 1 514[1] (31.12.2011)
Densità 63,35 ab./km²
Frazioni Alviano Scalo
Comuni confinanti Amelia, Civitella d'Agliano (VT), Graffignano (VT), Guardea, Lugnano in Teverina
Altre informazioni
Cod. postale 05020
Prefisso 0744
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 055003
Cod. catastale A242
Targa TR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 822 GG[2]
Nome abitanti Alvianesi
Patrono santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Alviano
Posizione del comune di Alviano all'interno della provincia di Terni
Posizione del comune di Alviano all'interno della provincia di Terni
Sito istituzionale

Alviano è un comune di 1.544 abitanti in provincia di Terni. Nel suo territorio si trova il Lago di Alviano, creato artificialmente nel 1963 con uno sbarramento del Tevere.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È possibile osservare come l'architettura in stile medievale sia adattata al territorio. Nel punto più alto della collina si trova il rione "Valle", che sormonta dall'alto la vallata; apprezzabile per il suo verde e le sue aree attrezzate il rione "Pietraia". Scendendo lungo la collina è possibile trovare "Alviano Vecchio": antico borgo medievale, fulcro della nascita e sviluppo del paese, dove è situato il castello, mentre la zona appena fuori dal centro storico, proseguendo verso il Campo sportivo e, risalnendo, verso la palestra comunale, corrisponde ad "Alviano Nuovo". Alle pendici della vallata, situato a ridosso del lago di Alviano è possibile trovare "la stazione". Il terreno, a differenza delle altre zone, si mantiene pianeggiante, con lievi pendenze, estremamente adatto all'agricoltura di vario genere.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine medievale, fu feudo della famiglia nobile Liviani (di origine longobarda) nel cui seno venne alla luce il condottiero Bartolomeo d'Alviano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Oasi di Alviano: oasi naturalistica WWF
  • Castello medievale Doria Pamphili (XV secolo), con un ampio cortile e una cappella con affreschi del XVII secolo. All'interno di esso è possibile trovare un museo che espone all'osservatore la storia del comune. Come primo settore è possibile trovare ciò che riguarda la civiltà contadina alvianese (Museo della civiltà contadina), con strumenti tipici dell'epoca, tecniche di agricoltura ed immagini tratte dal passato. Come proseguimento della visita museale è possibile ammirare ed apprendere il lato medievale del paese, attraverso il suo più celebre condottiero: Bartolomeo d'Alviano. All'interno di esso è possibile trovare sofisticate attrezzature tecnologiche che permetteranno all'utente di mettersi in contatto con archivi storici, ricercare immagini, visionare filmati che andranno a integrare la documentazione cartacea di grande pregio esposta all'interno delle teche (Museo dei capitani di Ventura).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]