Arrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Arrone (disambigua).
Arrone
comune
Arrone – Stemma
Arrone – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Umbria-Stemma.svg Umbria
Provincia Provincia di Terni-Stemma.png Terni
Amministrazione
Sindaco Loreto Fioretti (PD) dal 09/06/2009
Territorio
Coordinate 42°35′01.259″N 12°46′04.8″E / 42.583683°N 12.768°E42.583683; 12.768 (Arrone)Coordinate: 42°35′01.259″N 12°46′04.8″E / 42.583683°N 12.768°E42.583683; 12.768 (Arrone)
Altitudine 243 m s.l.m.
Superficie 41,04 km²
Abitanti 2 908[1] (30-04-2011)
Densità 70,86 ab./km²
Frazioni Bonacquisto, Casteldilago, Castiglioni, Colleluccio, Colle Sant'Angelo, Palombare, Rosciano, Tripozzo, Vallecupa, Valleludra
Comuni confinanti Ferentillo, Labro (RI), Montefranco, Morro Reatino (RI), Polino, Terni
Altre informazioni
Cod. postale 05031
Prefisso 0744
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 055005
Cod. catastale A439
Targa TR
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona D, 1 800 GG[2]
Nome abitanti arronesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Arrone
Posizione del comune di Arrone all'interno della provincia di Terni
Posizione del comune di Arrone all'interno della provincia di Terni
Sito istituzionale

Arrone è un comune italiano di 2.908 abitanti della provincia di Terni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sul finire del IX secolo, un nobile romano di nome Arrone, inoltratosi nella Valnerina, si impossessò di uno dei promontori rocciosi che vi si ergevano e vi costruì un castello fortificato, inizialmente in legno e poi ricostruito in muratura.

Questo castello fu il primo nucleo del paese, che prese da lui il nome. Il feudo in seguito giunse ad estendersi da Papigno a S. Pietro in Valle, da Miranda a Labbro, da Piediluco a Melaci e a Polino. Durante il XIII secolo gli Arroni persero progressivamente terre, autonomia e prestigio in favore di Spoleto. Gli uomini di Arrone, allora, nel 1315, riscattarono tutto il territorio comunale dagli antichi signori, si dettero uno statuto (1542) e si fecero animatori della rivolta della Bassa Valnerina contro il sistema feudale spoletino (sec. XVII-XVIII). Incendiato e saccheggiato dai francesi nel 1799, con la restaurazione del governo pontificio, furono aggregate ad Arrone come frazioni comunità fino a quel momento autonome.

Processione di San Giovanni Battista

La parte alta dell'abitato conserva l'originale struttura medioevale, con le Antiche Mura, e i tipici stretti e pittoreschi vicoli. La vicinanza del paese al fiume Nera ha permesso il prodursi di numerose manifestazioni ad esso legate quali gare di discesa in canoa, in natanti autocostruiti ecc che si tengono durante tutta l'estate. Da non perdere ad Arrone anche i festeggiamenti in onore del Patrono S. Giovanni Battista (24 giugno) durante i quali si svolge la "Sagra dell'acqua cotta" presso il centro canoistico e, nel periodo natalizio, la rappresentazione del presepe vivente presso l'antico castello.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Persone legate ad Arrone[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Stazione tranviaria ad Arrone (cartolina d'epoca)

Attraversata dalla strada statale 209 "Valnerina", Arrone era servita, nel periodo compreso tra il 1909 e il 1960, dalla stazione comune a Montefranco della tranvia Terni-Ferentillo, un'infrastruttura nata per agevolare il trasporto delle merci e delle persone lungo la valle della Nera che risultò determinante ai tempi dell'industrializzazione della stessa[4].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Arrone fa parte di:

  • Città dell'Olio[5]
  • I Borghi più belli d'Italia[6]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La società calcistica che rappresenta il comune era il Gruppo Sportivo Arrone, squadra che militava nel Girone E di Serie D fino al 2009. La squadra giocava le sue gare interne presso lo stadio comunale sito in Via Piè d'Arrone. Nel 2009 si è fusa insieme a 2 squadre dilettantistiche di Terni, Gabelletta e Nuova Virgilio Maroso, per formare lo Sporting Terni che attualmente milita in Serie D.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2011.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Adriano Cioci, La tramvia Terni-Ferentillo, Kronion, Bastia Umbra, 1989.
  5. ^ Città dell'Olio
  6. ^ I Borghi più belli d'Italia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Umbria Portale Umbria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Umbria