Barbora Bobuľová

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Barbora Bobulova)
Barbora Bobulova nel 2011

Barbora Bobuľová (Martin, 29 aprile 1974) è un'attrice slovacca naturalizzata italiana, nota anche come Barbora Bobulova.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a Martin, in Slovacchia nel 1974. Esordisce nel 1986 sul grande schermo a soli 12 anni prima di dedicarsi soprattutto alla recitazione teatrale, frequentando l'Accademia d'Arte Drammatica di Bratislava.

Lavora per la prima volta in Italia nel 1996, quando affianca Valerio Mastandrea nel film tv Infiltrato. L'anno successivo viene diretta da Marco Bellocchio ne Il principe di Homburg, presentato in concorso al Festival di Cannes. È tra i protagonisti dello sceneggiato tv Rai girato tra il 1999 e il 2000 Padre Pio - Tra cielo e terra con Michele Placido nel ruolo di Padre Pio e diretta da Giulio Base. In seguito, dopo aver vissuto una breve esperienza professionale negli Stati Uniti, torna a lavorare in Italia sia in produzioni cinematografiche che televisive.

Il successo vero e proprio arriva nel 2004 con La spettatrice, opera prima del regista Paolo Franchi, e si consolida l'anno successivo con Cuore sacro di Ferzan Ozpetek. Grazie alla sua interpretazione in queste due pellicole, vince numerosi premi, tra cui il David di Donatello e il Ciak d'oro come miglior attrice, affermandosi come una delle più apprezzate attrici del momento.

Dopo la presentazione al Festival di Cannes 2006 dell'opera prima di Kim Rossi Stuart, Anche libero va bene, ha interpretato il primo ruolo comico e brillante della sua carriera in Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi.

Nel 2008 è stata Coco Chanel da giovane nella miniserie televisiva Coco Chanel, diretta da Christian Duguay e trasmessa da Rai Uno.

Nel 2011 torna nelle sale cinematografiche con Immaturi, film di Paolo Genovese e con Scialla!, di Francesco Bruni.

Oltre allo slovacco, parla correntemente il ceco, l'italiano, l'inglese, e un po' di russo e francese.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

L'attrice ha avuto due bambine, Lea (nel 2007) e Anita (nel 2008) dall'ex compagno, l'aiuto regista Alessandro Casale.[1]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Barbora Bobulova al Festival del cinema italiano a Tokyo nel 2006

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
2005 Cuore sacro Migliore attrice protagonista Vinto
2011 La bellezza del somaro Migliore attrice non protagonista Nomination
2012 Scialla! (Stai sereno) Migliore attrice non protagonista Nomination
Nastro d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2006 Cuore sacro Nastro d'argento europeo Vinto
2012 Scialla! (Stai sereno) Migliore attrice non protagonista Nomination
Globo d'oro
Anno Titolo Categoria Risultato
2005 Cuore sacro Migliore attrice Vinto
2006 Anche libero va bene Migliore attrice Nomination
Ciak d'oro
Anno Titolo Categoria Risultato
2005 Cuore sacro Migliore attrice protagonista Vinto
Mostra del Cinema di Venezia
Anno Titolo Categoria Risultato
2012 Immaturi - Il viaggio Premio Kineo Diamanti al cinema italiano Vinto

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Nella miniserie televisiva San Paolo è stata doppiata da Cristina Boraschi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Barbora Bobulova: "Per Rocco Papaleo divento una prostituta" - IO donna

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore David di Donatello per la migliore attrice protagonista Successore
Penélope Cruz
per Non ti muovere
2005
per Cuore sacro
Valeria Golino
per La guerra di Mario

Controllo di autorità VIAF: 69163298