Rocco Papaleo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Rocco Papaleo

Antonio Rocco Papaleo (Lauria, 16 agosto 1958) è un attore, musicista, sceneggiatore e regista italiano, noto, in particolare, per la partecipazione a diversi film del regista e attore Leonardo Pieraccioni. Nel 2010 debutta da regista con Basilicata coast to coast, film nel quale è anche attore protagonista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Si trasferisce a Roma per intraprendere, senza successo, gli studi universitari in matematica. Nella capitale s'iscrive, grazie all'aiuto di un'amica, ad una scuola di recitazione e ha così i primi contatti con esponenti del mondo dello spettacolo[1], tra cui Rodolfo Laganà[2].

Comico, cabarettista, attore di cinema e teatro, autore, musicista e regista; l'attività di Rocco Papaleo spazia trasversalmente in tutti i campi dello spettacolo. Esordisce in teatro nel 1985 con Sussurri rapidi, la cui regia è di Salvatore di Mattia. È la volta poi dell'esordio in televisione, che avviene interpretando il ruolo di Rocco Melloni nel telefilm Classe di ferro (1989-1991), per il quale ha scritto la sceneggiatura in alcune puntate. La carriera cinematografica inizia, invece, con Il mare oscuro di Mario Monicelli (1989), in cui interpreta un vicino di casa di Giuseppe. In televisione tornerà con Quelli della speciale (1992) diretto da Bruno Corbucci.

Apprezzato per le sue doti istrioniche, prosegue la carriera cinematografica nei film Senza pelle di Alessandro D'Alatri, Con gli occhi chiusi di Francesca Archibugi (1994), I laureati di Leonardo Pieraccioni, Ferie d'agosto di Paolo Virzì (1995), Il barbiere di Rio di Giovanni Veronesi e Cresceranno i carciofi a Mimongo di Fulvio Ottaviano (1996). Interpreta il ruolo del protagonista nel cortometraggio Senza parole di Antonello De Leo, candidato al Premio Oscar del 1997 e vincitore del David di Donatello per il miglior cortometraggio nello stesso anno.

Nel 1997 debutta nel mondo della musica pubblicando l'album discografico Che non si sappia in giro, edito da BMG Ricordi, nel quale è anche autore di musiche e testi.

Nel 1998 è protagonista del film Del perduto amore di Michele Placido e de La bomba di Giulio Base. Prende parte anche al film Viola bacia tutti, diretto da Giovanni Veronesi. Con la regia di Leonardo Pieraccioni recita in: Il paradiso all'improvviso (2003) nel ruolo del maniaco scommettitore Giandomenico Bardella, Ti amo in tutte le lingue del mondo (2005) nei panni del professor Anselmi, Una moglie bellissima (2007) nella parte del collaudatore di parrucchini Pomodoro, Io & Marilyn (2009) in cui interpreta lo schizofrenico Arnolfo e Finalmente la felicità (2011).

Significative anche le sue esperienze nei programmi televisivi: si ricorda, oltre a quelle già citate, la sua partecipazione a Vola Sciusciù (2000) di Joseph Sargent, dove recita accanto a Lino Banfi.

È vincitore nel 2005 del premio della critica al Festival teatro canzone Giorgio Gaber, manifestazione canora, dedicata alla forma d'arte musicale e teatrale lanciata dallo scomparso Giorgio Gaber, che poi presenterà nel 2012, ricevendo il testimone da Enzo Iacchetti, padrone di casa per le precedenti edizioni[3].

Nel 2009 porta in tour lo spettacolo di teatro e canzone Basilicata Coast to Coast, accompagnato da una band composta da Giovanni di Cosimo (tromba), Ciccio Accardo (chitarra), Patrizio Sacco (contrabbasso), Marco Monaco (batteria) e dallo stesso Papaleo (voce e chitarra). L'anno dopo (2010) debutta in qualità di regista nel film intitolato proprio Basilicata coast to coast, chiamando a sé una squadra di attori composta, tra gli altri, da Alessandro Gassman, Giovanna Mezzogiorno, Paolo Briguglia e Max Gazzè. Per questo film nel 2011 vince il David di Donatello nella categoria "Miglior regista esordiente".

Nel 2011 interpreta la parte del padre di Checco Zalone nel film di Gennaro Nunziante, campione d'incassi, Che bella giornata. Nello stesso anno conduce la regia del videoclip musicale Lontano da tutto per il brano di Serena Abrami[4] e ne scrive uno insieme alla cantante jazz Chiara Civello dal titolo Tre, contenuto nell'album 7752 De Luxe Edition[5][6].

Nel periodo 2011-2012 è nuovamente in tour con lo spettacolo di teatro-canzone Una piccola impresa meridionale, scritto come il precedente insieme a Valter Lupo.

Nel 2012 affianca Gianni Morandi nella conduzione della 62ª edizione del Festival di Sanremo. Nella serata finale del 18 febbraio canta, fuori concorso, Come vivere, brano con il quale s'era già proposto in qualità di concorrente al Festival di Sanremo 2011 e che non venne ammesso in gara dallo stesso Morandi. Si tratta del primo pezzo dell'album La mia parte imperfetta[7], pubblicato il 15 febbraio da Sony Music.

Nella prima metà del 2013 lavora alle riprese della commedia cinematografica di Luca Miniero Un boss in salotto, che Warner Bros Italia distribuirà nel 2014. Nel film in produzione interpreta la parte di un pregiudicato camorrista mandato dalla magistratura agli arresti domiciliari a Bolzano presso l'abitazione della sorella sposata alla quale sconvolgerà l'esistenza[8].

Il 17 ottobre 2013 esce nelle sale cinematografiche il suo secondo film da regista, ossia Una piccola impresa meridionale. Nel film, che vede tra gli altri la presenza di Riccardo Scamarcio, Barbora Bobulova e Sarah Felberbaum, interpreta un ex prete che si rifugia in un faro per isolarsi, ma che verrà poi raggiunto da altri personaggi. Il film è ispirato dal romanzo omonimo scritto da Papaleo e pubblicato da Mondadori contemporaneamente al film[9].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Doppiatore[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Videoclip musicali[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Tour[modifica | modifica sorgente]

  • 2009Basilicata coast to coast, spettacoli teatrali in Puglia. Musicisti: Rocco Papaleo (voce e chitarra), Giovanni di Cosimo (tromba), Ciccio Accardo (chitarra), Patrizio Sacco (contrabbasso), Marco Monaco (batteria)
  • 2011Resto umile World Tour 2011
  • 2012Una piccola impresa meridionale

Opere letterarie[modifica | modifica sorgente]

Premi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cristina Lacava, Il mio Sanremo sarà Coast to Coast in Corriere della Sera, 26 gennaio 2012.
  2. ^ Emozioni, RAI 2, 9 febbraio 2012.
  3. ^ Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber 2012
  4. ^ Serena Abrami – Bio – Riconoscimenti
  5. ^ Chiara Civello – Bio
  6. ^ Chiara Civello, 7752 (Deluxe Edition), iTunes.
  7. ^ a b La mia parte imperfetta in iTunes, Sony Music, 2012.
  8. ^ Piero Cinelli, Un boss in salotto: iniziate le riprese a Bolzano, primissima.it, 11 aprile 2013. URL consultato il 7 luglio 2013.
  9. ^ Arianna Finos, Rocco Papaleo e la sua piccola impresa: "Una commedia dolce, per parlare del sud", Repubblica.it, 22 luglio 2013.
  10. ^ La buca in MYmovies, Mo-Net Srl.
  11. ^ Una notte per Caruso - Premio Caruso 2013, Rai 1, 5 luglio 2013, 2 h 14 min 5 s. URL consultato il 6 luglio 2013.
  12. ^ Fondazione Vincenzo Padula, Il Premio Padula a Pupi Avati e Rocco Papaleo, Gazzetta del Sud, 29 ottobre 2013. URL consultato il 10 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]