Arturo Umberto Illia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arturo Umberto Illia Francesconi

Arturo Umberto Illia Francesconi (Pergamino, 4 agosto 1900Córdoba, 18 agosto 1983) è stato un politico argentino. È stato un medico, utente della Unione Civica Radicale. Ha servito come deputato e Luogotenente Governatore. Fu Presidente dell'Argentina dal 12 ottobre 1963 al 28 giugno 1966. A lui è intitolata la sezione staccata della Scuola secondaria di primo grado di San Pietro di Samolaco (Sondrio), paese di origine della sua famiglia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Arturo Umberto Illia è nato il 4 agosto del 1900 a Pergamino, 220 km a nord della città di Buenos Aires, nella provincia di Buenos Aires. Suo padre, Martin Illia (1861-1948), era nativo di Samolaco, Valchiavenna, Lombardia e sua madre, Emma Francesconi, era di Gratacasolo, provincia di Brescia, Lombardia, Italia.

Nel 1918 ha iniziato i suoi studi di medicina presso la Facoltà di Medicina presso l'Università di Buenos Aires. Nello stesso anno scoppiò in Cordoba un movimento studentesco noto come Riforma Universitaria, che ha stabilito i principi della libera università, libera e cogobernata, ed ha profondamente alterato la progettazione e la gestione della istruzione superiore in Argentina e in gran parte della America Latina.

Nel 1928 ha avuto un colloquio con l'allora Presidente della Nazione argentina, il dottore Hipólito Yrigoyen, a cui offre i suoi servizi come medico. Yrigoyen li propone lavori ferroviari come medico in luoghi diversi e lui decide di stabilirsi a Cruz del Eje, Provincia di Córdoba. Disimpegna la sua attività lì dal 1929 a 1963, solo interrotta da tre anni (1940 - 1943) in cui è stato Luogotenente Governatore di Cordoba.

Arturo U. Illia.

L’hanno chiamato il apostolo dei poveri, per la sua dedizione ai malati ed indigenti, viaggiando a cavallo, in carrozza o a piedi, per portare a loro la droga che aveva comprato.

Il 15 febbraio del 1939 si è sposato con Silvia Elvira Martorell (1915-1966), figlia di Arturo Martorell e Mercedes Kaswalder, con la quale ha avuto tre figli: Emma Silvia Illia ( 1940) , Martin Arturo Illia (anche nel 1940) e Leandro Hipólito Illia (nel 1946).

Tra 1963 a 1966 ha servito come presidente dell'Argentina. Durante la sua amministrazione i contratti petroliferi firmati da Arturo Frondizi sono state annullate con società straniere, lo sfruttamento di essi guidato il olio e le risorse strategiche da parte dello Stato, è promossa la industria nazionale, è stato assegnato il 23 % del bilancio nazionale al istruzione (la cifra più alta nella storia del paese), il prodotto interno lordo e il prodotto esterno industriale sono cresciuti, si è abbassata la disoccupazione, è diminuito il debito estero, si fecce un piano di alfabetizzazione e sono emanate le leggi di salario vitale minimo e di medicamenti del 1964.

Dopo il colpo di Stato militare del 28 giugno del 1966 che lo rovesciò, guidato dal generale Juan Carlos Onganía, noto come la Rivoluzione Argentina, si trasferì a Martínez, Provincia di Buenos Aires, dove risiedeva in alternanza con viaggi a Córdoba. Continua con l’attività politica intensa all'interno della Unione Civica Radicale, fino alla sua morte il 18 gennaio del 1983 accaduta a Córdoba, Argentina.

Arturo Illia riceve al Presidente di Chile, Eduardo Frei Montalva.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze argentine[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín
Gran Maestro dell'Ordine di Maggio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Maggio

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 8 settembre 1965[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Arturo Illia, su vida, principios y doctrina, por Ricardo Illia, Ediciones Corregidor.
  • La caída de Illia, por Mario Antonio Verone, Editorial Coincidencia.
  • Historia del radicalismo, por Mario Monteverde, GAM Ediciones.
  • La presidencia de Illia, por Pedro Sánchez, CEAL.
  • Poder militar y sociedad política en Argentina (Tomo II, 1943-1973), por Alan Rouquié, EMECE.
  • ¿Qué es el radicalismo?, por Raúl R. Alfonsín, Editorial Sudamericana.
  • Arturo Illia. Un sueño breve. El rol del peronismo y de los Estados Unidos en el golpe militar de 1966, por César Tcach.
  • Jorge Lanata, Argentinos 2, Ediciones B, Buenos Aires, 2003. ISBN 950-15-2259-8
  • Historia del Radicalismo

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente dell'Argentina Successore Coat of arms of Argentina.svg
José María Guido 12 ottobre 1963 - 28 giugno 1966 Junta Revolucionaria

Juan Carlos Onganía

Controllo di autorità VIAF: 77702362 LCCN: n/83/310667