Pedro Pablo Ramírez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pedro Pablo Ramírez Machuca

Pedro Pablo Ramírez Machuca (La Paz, 30 gennaio 1884Buenos Aires, 12 maggio 1962) è stato un politico e militare argentino, Presidente e dittatore dell'Argentina dal 7 giugno 1943 al 24 febbraio 1944.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Acceso nazionalista, riuscì a sfruttare il vuoto di potere che si era creato dopo la ribellione di numerosi ufficiali rivoltosi dell'esercito e che aveva portato alle dimissioni dell'incapace dittatore Ramón S. Castillo.

Il suo primo atto fu lo scioglimento del Congresso, dopo di che governò con decreti; di fronte alle vaste critiche egli represse tutte le associazioni che appoggiavano gli Alleati, la stampa ebraica e quella di opposizione. Operò epurazioni nelle scuole e nelle università.

L'attività di agenti tedeschi e giapponesi in Argentina portò gli Alleati, in particolar modo gli Stati Uniti d'America, ad una dura protesta, che in un primo tempo consolidò l'unità degli argentini attorno a Ramírez, ma ebbe come conseguenza nel febbraio 1944 le sue dimissioni e la rottura delle relazioni diplomatiche con le Potenze dell'Asse. Il suo successore Edelmiro Farrell mantenne la politica favorevole all'Asse, ma anche lui mantenne il potere per breve tempo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Enciclopedia dei Personaggi Storici - pubblicazione a cura della rivista Storia Illustrata - pag.675 - Arnoldo Mondadori editore (1970)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente dell'Argentina Successore Coat of arms of Argentina.svg
Arturo Rawson Corvalan 7 giugno 1943 - 24 febbraio 1944 Edelmiro Julián Farrell

Controllo di autorità VIAF: 6339246