Carlos Pellegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlos Enrique José Pellegrini Bevans

Carlos Enrique José Pellegrini Bevans (Buenos Aires, 11 ottobre 1846Buenos Aires, 17 luglio 1906) è stato un politico argentino, Presidente dell'Argentina dal 6 agosto 1890 al 12 ottobre 1892.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Di origine svizzera[1], Carlos Pellegrini partecipò come volontario alla guerra tra Argentina e Paraguay (1865 - 1870). Datosi alla politica, nel 1873 intraprese la carriera diplomatica, prima di ricoprire incarichi ministeriali: nel 1880 e nel 1885 fu ministro della Guerra e ministro della Marina, nel 1881 venne nominato senatore, ottenendo poi la vicepresidenza della Repubblica nel 1886. Ciò ne fece il candidato più adatto alla successione alla presidenza della Repubblica argentina, dopo le dimissioni di Miguel Juárez Celmán il 6 agosto 1890. In veste di presidente, Pellegrini riuscì per qualche tempo a mantenere l'ordine in una situazione politica complessa e a risanare le finanze pubbliche, anche con la fondazione, nel 1891, del Banco de la Nación. Il 12 ottobre 1892, in seguito ad una crisi ministeriale di difficile soluzione, il presidente argentino si dimise, ritirandosi a vita privata, morendo il 17 luglio 1906, a 59 anni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ticino expat and journalist feel canton could do more for diaspora. - swissinfo.ch

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente dell'Argentina Successore Coat of arms of Argentina.svg
Miguel Juárez Celmán 6 agosto 1890 - 6 agosto 1892 Luis Sáenz Peña

Controllo di autorità VIAF: 19824099 LCCN: n84163560