Roberto Eduardo Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Eduardo Viola
Roberto Viola con banda presidencial.jpg

Presidente a vita dell'Argentina
Durata mandato 29 marzo 1981 –
10 dicembre 1981
Predecessore Jorge Rafael Videla
Successore Leopoldo Galtieri

Dati generali
Partito politico Militare

Roberto Eduardo Viola Prevedini (Buenos Aires, 13 ottobre 1924Buenos Aires, 30 settembre 1994) è stato un militare argentino, dittatore e 43º presidente del Paese dal 29 marzo al 18 dicembre 1981.

Proveniente da una famiglia di origini italiane, poco si sa della sua vita fino a quando divenne dittatore. Fu a capo del colpo di Stato che il 29 marzo 1981 depose Jorge Rafael Videla, nominandosi successivamente presidente a vita. Pur allontanando immediatamente i principali collaboratori di Videla, ne proseguì il regime terroristico, torturando e uccidendo gli oppositori politici. Il 18 dicembre fu deposto da Leopoldo Galtieri.

Nel 1983 è stato processato per i crimini commessi durante il suo governo e, due anni dopo, è stato condannato all'ergastolo. Venne però liberato nel 1990 grazie all'indulto concesso dal presidente Carlos Menem. Morì il 30 settembre 1994, all'età di 70 anni.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del liberatore San Martín
Gran Maestro dell'Ordine di Maggio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Maggio

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Argentina Successore Coat of arms of Argentina.svg
Jorge Rafael Videla 29 marzo 1981 - 11 dicembre 1981 Carlos Alberto Lacoste

Controllo di autorità VIAF: 77837156 LCCN: n87830211

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie