Antonio Brunetti (compositore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Brunetti (forse 1767 – dopo il 1845) è stato un compositore italiano[1]. Era figlio del compositore Giuseppe Brunetti e nipote del compositore Giovan Gualberto Brunetti.

Iniziò la propria attività compositiva nel 1786, anno in cui scrisse un'opera e un oratorio a Bologna. Seguirono negli successivi la messa in scena di altri suoi lavori teatrali, continuando a comporre per i palcoscenici sino il 1815. Parallelamente fu attivo anche come maestro di cappella della cattedrale di Chieti dal 1790 al 1800, di quella di Urbino dal 1810 al 1816 e infine del Duomo di Macerata dal 1816 al 1826. Il 27 dicembre di quest'ultimo anno fu rinominato nuovamente direttore della cappella della Cattedrale di Urbino, dove vi rimase però poco, fino il 22 marzo del 1827. Fu successivamente maestro a Imola e infine negli ultimi di vita svolse l'attività d'impresario

Oltre a comporre diverse opere, scrisse diversa musica sacra (82 lavori in tutto). Fu inoltre membro dell'Accademia Filarmonica di Bologna.

Lavori[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Lo sposo di tre e marito di nessuno (dramma giocoso, libretto di Filippo Livigni, 1786, Bologna)
  • Le stravaganze di campagna (dramma giocoso, 1787, Venezia)
  • Il Bertoldo (dramma giocoso, libretto di Lorenzo Da Ponte, 1788, Firenze)
  • Vologeso re de' Parti (opera seria, libretto di Apostolo Zeno, 1789, Firenze)
  • La serva alla moda (dramma giocoso, 1789)
  • Demofoonte (pasticcio, 1791, Venezia)
  • Fatima (1791, Brescia)
  • Le nozze per invito, ossia Gli amanti capricciosi (dramma giocoso, 1791, Roma)
  • Li contrasti per amore (dramma giocoso, 1792, Roma)
  • Il pezzo glorioso (dramma giocoso, libretto di Giovanni Bertati, 1797, Roma)
  • Il libretto alla moda (1808, Napoli)
  • La colomba contrastata, ossia La bella carbonara (1813, Rimini)
  • Amore e fedeltà alla prova' (1814, Bologna)
  • La fedeltà coniugale (1815, Parma)

Altri lavori[modifica | modifica wikitesto]

  • 82 lavori sacri (messe, mottetti, salmi, antifone, responsori, lamentazioni, etc.)
  • Il sacrificio d'Ifisa (oratorio, 1786, Bologna)
  • Ascoli avventurata (cantata, 1796, Fermo)
  • Davide e Assalonne (oratorio, 1797, Chieti)
  • La giustizia placata (cantata, 1799, Pianella)
  • Betulia liberata (oratorio, libretto di Pietro Metastasio, 1799, Tagliacozzo)
  • Il trionfo della religione, ossia Il martirio di San Pietro (oratorio, 1814, Urbino)
  • Il presagio fortunato (cantata, 1826, Ancona)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sia luogo di nascita che di morte risultano sconosciuti. In vita era considerato come pisano, ma non v'è certezza della sua nascita a Pisa