Pietro Nardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Nardini

Pietro Nardini (Livorno, 12 aprile 1722Firenze, 7 maggio 1793) è stato un compositore e violinista italiano.

Nato a Livorno[1], è ritenuto l'allievo più famoso di Giuseppe Tartini. Divenne un violinista celebre in tutta Europa tanto da guadagnarsi l'ammirazione di Leopold Mozart. Fece parte, con i due lucchesi Luigi Boccherini e Filippo Manfredi e con l'altro celebre livornese Giovanni Cambini, del Quartetto Europeo, anche detto Quartetto Toscano, proveniente dalle esperienze delle Sonate a Quattro, e considerato il primo quartetto d'archi della storia della musica classica. Nel 1770 diventò primo violinista alla corte del Granduca di Toscana Pietro Leopoldo a Firenze.

Fu insegnante di Bartolomeo Campagnoli e probabilmente anche di Gaetano Brunetti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Enciclopedia Treccani, s.v. Pietro Nardini.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 66580145 LCCN: n84041939 SBN: IT\ICCU\LO1V\131780