Antonio Cocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Antonio Celestino Cocchi (1685-1747).
Antonio Cocchi

Antonio Cocchi (Benevento, 3 agosto 1695Firenze, 1º gennaio 1758) è stato un medico, naturalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Cocchi nacque a Benevento dove i genitori, Giacinto Cocchi e Beatrice Bianco di Baselice, si erano momentaneamente trasferiti dal natio Mugello per motivi di lavoro[1], visse gran parte della propria vita a Borgo San Lorenzo, località di cui la famiglia era originaria e dove la stessa aveva numerosi possedimenti. Nel 1713 studiò a Pisa poi a Firenze presso i Padri Scolopi e successivamente si laureò in medicina, seguendo l'attività paterna, presso l'Università di Pisa.

Nel 1736 fu nominato lettore di Anatomia nello Studio Fiorentino. In medicina si mosse sulla linea tracciata da Francesco Redi e da Giovanni Alfonso Borelli. Sostenne l'importanza dell'anatomia per gli studi medico-chirurgici. Studiò inoltre le acque termali dei Bagni di San Giuliano, sulle quali scrisse un importante trattato. Fu anche valente naturalista e, nel 1734, ricostituì la Società Botanica di Firenze con Pier Antonio Micheli. Il 12 marzo 1736 fu tra i personaggi che ebbero l'onore di trasportare le ossa di Galileo Galilei, nel nuovo sepolcro allestito nella Basilica di Santa Croce in Firenze[2].

Per alcuni anni esercitò la professione medica sull'Isola d'Elba, quindi viaggiò molto in Europa, in particolare in Francia, in Olanda e in Inghilterra, dove ebbe occasione di conoscere Isaac Newton, dedicandosi quindi allo studio della storia medica, traducendo anche trattati classici greci e latini. La sua attività di scrittore fu indirizzata allo studio di importanti opere letterarie, pubblicando trattati e saggi su opere di Voltaire e di John Milton ed alla traduzione di opere di Senofonte Efesio. Tradusse anche vari scritti greci che formarono la raccolta dei Graecorum chirurgici libri. Tra le sue altre opere si annoverano anche una Vita di Benvenuto Cellini ed il trattatello Del matrimonio.

Fu membro dell'Accademia della Crusca ed uno dei primi membri italiani della Massoneria (fu iniziato come egli stesso scrisse nelle suo diario manoscritto Effemeridi, in una Loggia fiorentina il 4 agosto 1732 che teneva le sue riunioni nel palazzo di famiglia a Firenze).[3]

Omonimo del più anziano Antonio Celestino Cocchi di Fumone, le opere dei due studiosi furono spesso confuse tra loro, ma il criterio distintivo è rappresentato dalla circostanza che i lavori del Cocchi "mugellano", come amava definirsi, furono stampati in Firenze intorno e dopo il 1750, mentre quelle del fumonese risultano quasi tutte edite in Roma fra il 1723 ed il 1746.

Antonio di Diacinto Cocchi Mugellano (Giuseppe Allegrini, 1773).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Medaglione al Museo della Specola (Firenze)
Busto
Dell'anatomia
  • Antonio Cocchi: scritti scelti - Firenze - Giunti - 1998
  • Del matrimonio ragionamento di un filosofo mugellano - Editore e data assenti
  • Xenophontos ephesiou ton kata Anthian kai Habrokomen ephesiakon logoi pente. Xenophontis ephesii ephesiacorum libri 5 de amoribus Anthiae et Abrocomae. Nunc primum prodeunt e vetusto codice Bibliothecae Monachorum Cassinensium Florentiae, cun latina interpretatione Antonii Cocchii florentini - Londra - Gulielmi Bowyer - 1726
  • Discorso primo di Antonio Cocchi sopra Asclepiade - Firenze - Stamperia di Gaetano Albizzini - 1758
  • Discorsi e lettere - Milano - Societa tipogr. de' classici italiani - 1824
  • Del matrimonio - Pisa - ETS - 1991
  • Del vitto pitagorico per uso della medicina... - Firenze - F. Moucke - 1743
  • Consulti medici del celebre Antonio Cocchi - 2 Vol. - Bergamo - Vincenzo Antoine - 1791
  • Del matrimonio ragionamento di un filosofo mugellano coll'aggiunta di una Lettera ad una sposa tradotta dall'inglese da una fanciulla Mugellana Londra - 1762
  • Scritti scelti - Firenze - Giunti - 1998
  • Lettera critica sopra un manoscritto in cera - Firenze - Stamperia all'insegna d'Apollo - 1746
  • Medicinae laudatio Pisis publice habita in celeberrimo Gymnasio A.D. 12. Kal. Apr. A.C. 1727 - Lucca - typis Dominici Ciuffetti - 1727
  • Elogio di Pietro Antonio Micheli botanico dell A.R. del Sereniss. Granduca di Toscana e fondatore della Societa botanica fiorentina Letto pubblicamente nella sala del Consiglio di Palazzo Vecchio il di 7 d'Agosto 1737. Da Antonio Cocchi... - Firenze - Gio. Gaetano Tartini e Santi Franchi - 1737
  • Dei vermi cucurbitini dell'uomo discorso d'Antonio Cocchi... Letto in Firenze nell'anno 1734. In una Adunanza della Societa' Botanica - Pisa - Gio. Paolo Giovannelli e comp. - 1758
  • Dissertazione sopra l'uso esterno appresso gli antichi dell'acqua fredda sul corpo umano - Editore e data assenti
  • La tolleranza filosofica della malattie osservazioni mediche pratiche di Giuseppe Pasta con trentatré lettere inedite del celebre dottore Antonio Cocchi... - Bergamo - Stamperia Locatelli - 1788
  • Sui consulti e sulle lettere di Antonio Cocchi ed altre scritture postume con sei consulti altri latini, altri francesi inediti dello stesso: lettera del professor Chiappa al Marchese Gian Giacomo Trivulzio - Milano - Pogliani - 1831
  • Lectio de musculis, et motu musculorum habita in theatro anatomico archilycei romani ante excoriati cadaveris ostensionem ab Antonio Cocchio... - Editore e data assenti
  • Dei discorsi toscani del dottore Antonio Cocchi medico ed antiquario cesareo... - 2 Vol. - Firenze - appresso Andrea Bonducci - 1761-1762
  • Graecorum chirurgici libri Sorani vnus de fracturarum signis Oribasii duo de fractis et de luxatis e collectione Nicetae ab antiquissimo et optimo codice florentino descripti conversi atque editi ab Antonio Cocchio... - Firenze - ex Typographia Imperiali - 1754
  • De usu artis anatomicae oratio Antonii Cocchii medici et antiquarii caesaris editio secunda cui accedunt observationes ad lithotomiam attinentes aliaque chirurgiae monumenta auctore doctissimo viro Gulielmo Bromfeild in aula potentissimi anglorum regis chirurgo celeberrimo - Firenze - Andream Bonduccium - 1761
  • Dei Bagni di Pisa - Firenze - Stamperia Imperiale - 1750
  • Relazione dello Spedale di Santa Maria Nuova di Firenze - Firenze - Le lettere - 2000
  • Dell'anatomia, Firenze, Giovanni Battista Zannoni, 1745.
  • Animadversio medico-practica de corporis exercitatione... Dominici Antonii de Bellis... Accedit Dissertatio de victu pythagorico celeberrimi Cocchii florentini italico sermone conscripta - Roma - Joannis Mariae Salvioni - 1754
  • De lente crystalina oculi humani vera suffisionis sede epistola ad celeberrimum virum Jo. Baptistam Morgagnum Patavini lycei decus - Roma - Jo. Mariam Salvioni
  • Dei discorsi toscani del dottore Antonio Cocchi medico ed antiquario cesareo dedicati a sua eccellenza la signora contessa D'Orford - 2 Vol. - Firenze - Andrea Bonducci - 1761-1762
  • Discorso sopra la cioccolata - Firenze - Polistampa - 2005
  • "Discorsi di Antonio Cocchi" a cura di Luca Capecchi, prefazione del Sen. Prof. Giovanni Spadolini - Firenze MCMLXXXIV.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacinto Cocchi, nativo del Mugello, risiedeva a Benevento dove era agente dei marchesi Rinuccini di Firenze
  2. ^ "Portarono il Feretro di commissione degl'Illustrissimi Signori Operai, e Provveditore suddetto dalla Cappella del Noviziato, onde partì la Processione fino al mezzo della Chiesa di S. Croce, gl'Illustrissimi e Reverendissimi Signori Gio. Vincenzio del fu March. Vincenzio Capponi Canonico della Metropolitana e Console della Sacra Accademia Fiorentina, e Salvino del già Andrea Salvini Canonico suddetto, e pubblico Professore di Filosofia Morale e li Signori Dottori Niccolò del fu Lorenzo Gualtieri uno de' Medici del Collegio Fiorentino, Archiatro di S. A. R. il Serenissimo Gran Duca di Toscana, Professore pubblico di Medicina, e Dottore Antonio del fu Jacinto Cocchi Medico del suddetto Collegio, e Professore pubblico di Filosofia Naturale, e Anatomia.." Fonte: Paolo Piccardi Traslazione dell' ossa del Galileo, e del Viviani
  3. ^ Domenico V. Ripa Montesano, Vademecum di Loggia, Edizione Gran Loggia Phoenix – Roma Italia 2009 ISBN 978-88-905059-0-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 61718005 LCCN: n85800834 SBN: IT\ICCU\CFIV\071046