Yves Montand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yves Montand
Yves Montand Cannes.jpg
Yves Montand a Cannes nel 1987
NazionalitàItalia Italia
Francia Francia
GenerePop[1]
Periodo di attività musicale1939 – 1991
Strumentovoce
Sito ufficiale

Yves Montand, pseudonimo di Ivo Livi (Monsummano Terme, 13 ottobre 1921Senlis, 9 novembre 1991), è stato un cantante e attore italiano naturalizzato francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Monsummano Terme, all'epoca in provincia di Lucca e oggi in provincia di Pistoia, ultimo di tre fratelli. I genitori Giovanni e Giuseppina, attivisti socialisti, nel 1923 dopo l'avvento del fascismo dovettero emigrare con tutta la famiglia in Francia, a Marsiglia.

Proprio a Marsiglia il 21 giugno 1939 il non ancora diciottenne Ivo Livi si esibì per la prima volta in pubblico, vestito da cowboy, sul palcoscenico dell'Alcazar, con un brano scritto apposta per lui da Charles Humel, un musicista non vedente. Nel frattempo era entrato nel mondo del lavoro come metalmeccanico presso gli Chantiers de Provence. Fu notato da Audiffred, impresario parigino sfollato a Marsiglia dopo i primi disordini bellici, che gli fece sottoscrivere il primo contratto e gli procurò scritture non solo a Marsiglia, ma anche in tutto il resto della Francia meridionale. Nel 1942 partecipò come attore alle riprese di La Prière aux étoiles, film che Marcel Pagnol stava cercando di portare a termine lontano da Parigi per sfuggire alle pressioni dei nazisti che avevano occupato la città.

Fu solo nel 1944 che il giovane Ivo Livi si trasferì a Parigi, sempre con l'appoggio di Audiffred, e lì prese il nome di Yves Montand. Lo pseudonimo è derivato dalla francesizzazione del suo nome italiano e dall'esclamazione della madre o del padre che lo richiamava in casa dal cortile: "Ivo, monta!" (cioè "Ivo, sali in casa"), nella fattoria dei genitori contadini in Toscana.[2] Il cantante rivelò anche di aver avuto il dubbio di trarre il suo nome per le scene da un'altra esclamazione che udiva nel cortile di casa: "Bastià, vien'accà", frase con la quale una vicina di origine partenopea richiamava sovente il figlio. In quel caso il nome sarebbe stato: Bastien Vanaquais.

Pochi mesi dopo essere arrivato a Parigi ebbe la fortuna di sostituire un debuttante che doveva fare da spalla a Édith Piaf in uno spettacolo in programma al Moulin Rouge. La Piaf si dimostrò entusiasta del giovane e in breve tempo il sodalizio artistico si trasformò in una relazione sentimentale. La "regina" dello spettacolo parigino lo aiutò in maniera determinante a sfondare nel mondo della canzone, ma poi fu lei a interrompere la relazione quando Montand divenne sempre più autonomo nella scelta del proprio repertorio. Ma l'evento decisivo per la sua carriera scaturì dall'incontro con Marcel Carné e Jacques Prévert che vollero affidargli la parte di protagonista in Mentre Parigi dorme, dopo la rinuncia di Jean Gabin che aveva preferito accettare, insieme a Marlene Dietrich, la scrittura per un altro film. In Mentre Parigi dorme fu inserita una canzone, scritta dallo stesso Prévert e musicata da Joseph Kosma, destinata a diventare il brano-simbolo di Yves Montand e uno dei più celebri motivi della canzone francese: Les feuilles mortes.

Nel 1953 interpretò Mario, protagonista nel film Vite vendute di Henri-Georges Clouzot e, dopo la breve parentesi in Italia per girare Uomini e lupi con Giuseppe De Santis e La grande strada azzurra con Gillo Pontecorvo, nel 1960 lavorò negli Stati Uniti interpretando a fianco di Marilyn Monroe Facciamo l'amore, diretto da George Cukor. Il film, che non fu un rilevante successo al botteghino e non venne lodato dalla critica, rimase celebre per la relazione che Montand, sposato con Simone Signoret intrecciò con la Monroe, all'epoca sposata con il drammaturgo Arthur Miller.

Dopo diversi film di scarso rilievo e in concomitanza con l'aumentato impegno politico e sociale, nella seconda metà degli anni sessanta partecipò a pellicole di sempre maggior spessore quali La guerra è finita (1966) di Alain Resnais e divenne l'attore prediletto del regista greco Costa-Gavras, che lo diresse per la prima volta in Vagone letto per assassini (1965). Sotto la sua direzione, nel 1969 Montand sarà il protagonista di Z - L'orgia del potere, vincitore dell'Oscar al miglior film straniero, di La confessione (1970) e di L'Amerikano (1973).

È del 1970 quella che è considerata la migliore prova della sua carriera di attore nel capolavoro noir di Jean-Pierre Melville I senza nome[senza fonte], dove vestì i panni di un ex-poliziotto alcolizzato trasformatosi in rapinatore.

Da segnalare in seguito le interpretazioni in Crepa padrone, tutto va bene (1972) di Jean-Luc Godard, in Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre (1974) di Claude Sautet e nel poliziesco Police Python 357 di Alain Corneau (1976). Nel 1986 interpretò il ruolo di César Soubeyran nei film Jean de Florette e Manon delle sorgenti, entrambi diretti da Claude Berri e tratti dal dittico L'Eau des collines di Marcel Pagnol, comprendente le novelle Jean de Florettee Manon des sources.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la guerra Montand entrò in contatto con numerosi altri artisti quali Léo Ferré e Charles Aznavour e visse altri intensi amori, come quello con l'attrice Gisèle Pascal.

L'incontro della sua vita, quello con la coetanea Simone Signoret, avvenne nell'agosto 1949 durante una tournée in Costa Azzurra. La Signoret, già famosa per aver interpretato decine di film e per essere sposata con il regista Yves Allégret, decise di rinunciare al suo matrimonio, da cui nel 1946 era nata la figlia Catherine, e di risposarsi con Montand. Il matrimonio fu celebrato presso il municipio di Saint-Paul-de-Vence il 22 dicembre 1951, e durò fino alla morte della Signoret, avvenuta nel 1985.

Nel 1987 Montand si sposò per la seconda volta con Carole Amiel, dalla quale nel 1988 ebbe il suo unico figlio Valentin.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Yves Montand morì nel 1991, all'età di 70 anni, durante le riprese di IP5 - L'isola dei pachidermi , per un malore che lo colse dopo una nuotata in un lago gelato, che il film richiedeva tra le scene; aveva settant'anni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Rinaldi in Facciamo l'amore, Il grande peccato, Vagone letto per assassini, Z - L'orgia del potere, I senza nome, La confessione, L'amica delle 5½, Crepa padrone, tutto va bene, Un battito d'ali dopo la strage, Police Python 357, Chiaro di donna, Codice d'onore
  • Emilio Cigoli in Vite vendute, Margherita della notte, Le piace Brahms?, La mia geisha
  • Stefano Sibaldi in Uomini e lupi, La grande strada azzurra, La legge
  • Augusto Marcacci in Tempi nostri - Zibaldone n. 2
  • Pino Locchi in La guerra è finita
  • Renato Turi in Parigi brucia?
  • Glauco Onorato in Grand Prix
  • Sergio Graziani in Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre
  • Giorgio Piazza in L'amerikano

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

La Regione Toscana lo ha ricordato nel 2011, 90º anniversario della nascita e 20° della morte. Il Comune di Monsummano Terme ha deciso di dedicargli il Teatro Comunale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Yves Montand, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 13 febbraio 2014. Modifica su Wikidata
  2. ^ Patrizia De Blanck, A letto col Diavolo, in collaborazione con Matilde Amorosi, Armando Curcio Editore, 2008, p. 234, ISBN non esistente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianluca Grossi, Guida alla musica francese dal dopoguerra a oggi, Bologna, Odoya Library, 2014, ISBN 9788862881838.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36938929 · ISNI (EN0000 0003 6864 0314 · SBN IT\ICCU\RAVV\061104 · LCCN (ENn82052946 · GND (DE11858359X · BNF (FRcb120573736 (data) · NLA (EN36085069 · NDL (ENJA00450356 · WorldCat Identities (ENn82-052946