Vite vendute

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vite vendute
Vitevendute-Montand.png
Yves Montand in una scena del film
Titolo originale Le salaire de la peur
Paese di produzione Francia, Italia
Anno 1953
Durata 131 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, azione
Regia Henri-Georges Clouzot
Soggetto Georges Arnaud (romanzo)
Sceneggiatura Henri-Georges Clouzot e Jérôme Géronimi
Produttore Raymond Borderie (produttore delegato) e Henri-Georges Clouzot (produttore delegato)
Casa di produzione C.I.C.C., Filmsonor, Vera Film, Fono Roma
Fotografia Armand Thirard
Montaggio Henri Rust, Madeleine Gug, Etiennette Muse
Musiche Georges Auric
Scenografia René Renoux
Interpreti e personaggi
Premi

Vite vendute (Le salaire de la peur) è un film del 1953 diretto da Henri-Georges Clouzot, tratto dall'omonimo romanzo di Georges Arnaud. È considerato un capolavoro della storia del cinema, ed una delle opere di maggiore tensione mai realizzate.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In una cittadina dell'America Centrale, Las Piedras, quattro sbandati avventurieri, i francesi Mario e Mister Jo, l'italiano Luigi e lo scandinavo Bimba, accettano di attraversare l'isola su strade dissestate con due camion scoperti carichi di una tonnellata circa di nitroglicerina, necessaria per spegnere un pozzo petrolifero in fiamme, a seicento km di distanza. L'incarico frutterà loro duemila dollari a testa, grazie ai quali poter scappare dall'isola e ritornare a casa. Purtroppo l'avventura dei quattro finirà in modo tragico[1][2]. All'inizio del film il leader del gruppo ed il personaggio più determinato sembra essere Jo che durante un litigio umilia Luigi, di carattere mite, schiaffeggiandolo. In realtà nel corso del lungo viaggio pieno di colpi di scena e di tensione, i ruoli si capovolgono e man mano si delinea il profilo psicologico dei personaggi. Jo logorato dalle difficoltà crescenti del viaggio e dalla continua paura di saltare in aria con il carico, poco a poco cede e si rivela un pavido. Al contrario Mario, interpretato magistralmente da Yves Montand, si rivela sempre più determinato e cinico. Jo in un momento assai rischioso, quando si tratta di superare un punto della strada sterrata in salita particolarmente difficile, si rende conto che Mario è disposto a tutto e tenta di scappare a piedi. Ma Mario lo insegue, lo colpisce con un pugno e lo costringe a risalire sul camion in quanto ha bisogno di lui per alternarsi alla guida.

All'improvviso il camion di Bimba e Luigi, che si trova mezzora circa davanti a quello di Mario e Jo, esplode. Quando Mario e Jo giungono sul punto li attende una scena apocalittica. L'esplosione ha disintegrato il camion ed ha aperto un cratere in mezzo alla strada che si è riempito per oltre un metro di petrolio fuoriuscito da un oleodotto tranciato dall'esplosione.

Jo vorrebbe desistere ma Mario vuole proseguire e lo obbliga a camminare davanti al camion per segnalare eventuali ostacoli e guadare così il cratere pieno di petrolio, dicendogli che non deve mai fermarsi perché il camion, dato il fondo scivoloso, non riuscirebbe a ripartire.

Ma Jo inciampa e cade e Mario, ormai disposto a tutto, nonostante le grida disperate dell'amico (è questa la scena più tragica) non si arresta e passa con una ruota sopra ad una gamba di Jo spappolandogliela.

Recuperato l'amico moribondo Mario continua il viaggio e riesce finalmente ad arrivare al pozzo di petrolio, dove viene accolto come un eroe. Jo, invece, è morto stremato dalle sofferenze poco prima dell'arrivo.

Nonostante tutto, il giorno dopo Mario si è ripreso completamente e si accinge felice al viaggio di ritorno. Ma il destino gli riserverà un'amara sorpresa.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film uscì nelle sale cinematografiche italiane con alcune scene tagliate, recitate in italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo e russo. Nel 2012 il canale televisivo Rai Movie ha trasmesso la versione integrale[3], con le scene inedite in Italia, che sono state mantenute in lingua originale e sono state sottotitolate. La versione integrale è stata distribuita anche in DVD.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Ne è stato realizzato un remake nel 1977, Il salario della paura (Sorcerer), diretto da William Friedkin.

Dalla stessa trama ha avuto origine il film Missione eroica - I pompieri 2, nel quale la storia è una parodia del film originale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vite vendute - MYmovies
  2. ^ Vite vendute (1953) | FilmTv.it
  3. ^ Rai Movie - Film e Programmi - Vite vendute
  4. ^ (EN) Awards 1953, festival-cannes.fr. URL consultato il 26 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN316751848 · GND: (DE7560769-4 · BNF: (FRcb16648712q (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema