Trattato italo-etiope del 1928

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trattato italo-etiope del 1928
Luogo Addis Abeba
Parti Italia Italia
Etiopia Etiopia
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato italo-etiope del 1928 fu un accordo di pace stipulato durante il periodo del colonialismo italiano in Africa, fra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattato venne firmato nell'agosto 1928 ad Addis Abeba da Giuliano Cora in nome del re d'Italia Vittorio Emanuele III e dal Ras Tafari Makonnen (futuro Imperatore d'Etiopia 2 novembre 1930, incoronato con il nome di Haile Selassie I) per la regina d'Etiopia Zawdit.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Esso definì i confini fra la Somalia italiana e l'Etiopia; il trattato prevedeva tre fasi da seguire in caso di contese territoriali fra Italia ed Etiopia: trattative, conciliazione e arbitrato. Se la procedura delle tre fasi non avesse risolto lo scontro, le due parti avrebbero potuto ricorrere alla Società delle Nazioni che sarebbe subentrata solo se tutte e tre le fasi fossero state esaurite e non si fosse giunti ad un accordo.

Per quanto concerne la definizione dei confini tra i territori dei due stati, non si giunse ad un accordo definitivo. Ciò contribuì al crescere della tensione tra l'Italia e l'Abissinia, che manifestavano entrambe aggressivi intenti espansionistici: Mussolini ambiva a unificare territorialmente Eritrea e Somalia, mentre il Negus aspirava a ottenere uno sbocco sul mare per il proprio impero. Tale situazione, della quale l'incidente di Ual Ual rimane caso emblematico, sfociò prima nella crisi abissina (che comportò un richiamo ufficiale della Società delle Nazioni rivolto a entrambi i contendenti) e poi, nel 1935, nella guerra d'Etiopia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]