Caserma Ermanno Carlotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caserma Ermanno Carlotto
Caserma Ermanno Carlotto.jpg
La caserma nel 1939.
StatoCina Cina
CittàTientsin
Coordinate39°08′12.84″N 117°11′42.24″E / 39.1369°N 117.195067°E39.1369; 117.195067Coordinate: 39°08′12.84″N 117°11′42.24″E / 39.1369°N 117.195067°E39.1369; 117.195067
Informazioni generali
Termine costruzione1926
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La caserma Ermanno Carlotto (in cinese 鳴海 Mínghǎi) era il principale edificio delle forze armate italiane a Tientsin

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ex caserma Ermanno Carlotto della ex Concessione italiana di Tientsin, oggi

Dedicata al sottotenete di vascello Ermanno Carlotto che nel giugno 1900 durante la rivolta dei boxer diede la vita per difendere insieme a 20 uomini la città di Tientsin. Questo gesto gli valse la Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria.

L'attuale struttura militare era inizialmente una baracca in legno adibita a ricovero per il Corpo di spedizione italiano in Cina. Nel 1919 la struttura fu destinata ad ospitare i soldati "irredenti" della Legione Redenta di Siberia.

Successivamente agli interventi di ammodernamento che si susseguirono negli anni venti nella Concessione italiana di Tientsin, la caserma venne ampliata ed inaugurata nell'aprile 1926: essa accoglieva i 600 uomini del Reggimento San Marco. Venne inaugurata dal ministro d'Italia in Cina Vittorio Cerruti e chiamata così in onore del tenente di vascello Ermanno Carlotto. Il 18 aprile 1928 fu visitata non ufficialmente dall'ex imperatore cinese Pu Yi. Il 21 aprile 1933, durante Natale di Roma, fu visitata da Edda Ciano.

Il 10 settembre 1943 venne occupata dai giapponesi e nel 1947 passò al governo della Repubblica Cinese, e nel 1949 passò al governo della Repubblica Popolare Cinese.

Tuttora ospita una divisione della Polizia armata del popolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cucchi, G. Una bandiera italiana in Cina in «Rivista Militare», n. 6/1986
  • De Courten, L. - Sargeri, G. Le Regie truppe in Estremo Oriente, 1900-1901. Roma, 2005
  • Mautone, Antonio. Trentini ed Italiani contro l'Armata Rossa. La storia del Corpo di Spedizione in Estremo Oriente e dei Battaglioni Neri. Temi editrice. Trento, 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]