Letteratura coloniale italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La letteratura coloniale italiana è quel genere letterario che, sulla scorta della letteratura coloniale inglese e francese, raccontò l'epopea coloniale del Regno d'Italia, fino alla perdita delle colonie con la seconda guerra mondiale, con saggi, racconti e resoconti di viaggio. Dagli anni venti anche con romanzi, creando il genere del romanzo coloniale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È dopo la sconfitta di Dogali e quella di Adua che inizia quella che può essere considerata la letteratura coloniale italiana. Dal realismo di Ferdinando Martini con Nell'Affrica italiana, Cose affricane e Confessioni e ricordi, a un Africa del mito, con Alfredo Oriani ed Enrico Corradini[1].

Giuliana Civinini alla cui memoria nel 1928 fu intitolato il premio "Giuliana Civinini per la migliore opera di letteratura coloniale"

Sul piano editoriale, gli anni venti del Novecento segnano il pieno avvento dell'epopea costruita dal romanzo coloniale con l'uscita di Un'imperatrice d'Etiopia di Arnaldo Cipolla (1922), opera che, nell'ambito del referendum sulla letteratura coloniale (1931), sarà proposta come modello di genere della "letteratura coloniale". Segue il romanzo africano Kif tebbi di Luciano Zuccoli (1923), forte in prefazione d'una sviolinata a Luigi Federzoni, allora ministro delle colonie.

A promuovere un programma per gli autori coloniali sarà il periodico Esotica, mensile di letteratura coloniale diretto da Mario Dei Gaslini. Ma avrà vita breve: fondato nel 1926, confluirà due anni più tardi ne L'Oltremare, rivista il cui primo numero è datato novembre 1927, organo dell'Istituto coloniale fascista. Nel 1931 iniziò le pubblicazioni L'Azione coloniale.

I romanzi di maggior rilievo, del tutto o in parte estranei alla retorica fascista, furono nel 1928 Io, povero negro di Orio Vergani, nel 1931 Lo sperduto di Lugh del novecentista Riccardo Marchi e nel 1934 Mal d'Africa di Riccardo Bacchelli.

Nel 1928 in ricordo della giornalista Giuliana Civinini, figlia prematuramente scomparsa dello scrittore Guelfo Civinini, nacque il premio Giuliana Civinini per la migliore opera di Letteratura coloniale[2].

L'obiettivo di questa centralizzazione programmata era quello di dare anche alla letteratura coloniale un'impronta, un carattere “fascista” che potesse esprimere la formazione di una coscienza coloniale politica. C'è infatti da sottolineare che la letteratura esotica, propriamente di consumo, dei primi anni Venti, non poteva ancora innalzarsi a simbolo dell'imperialismo. Non si può infatti non considerare che il romanzo coloniale non smentiva il mito dell'Africa piegato alle esigenze dell'immaginazione occidentale: un qualcosa di misterioso, non chiaramente conosciuto, da possedere solo nel sogno.

Ci si rende chiaramente conto come determinati elementi diano vita, in questa prospettiva, ad uno scarto significativo tra la cultura occidentale e ciò che viene marchiato come “premoderno” con calcolata eloquenza. Un lampante elemento è l'uso della sessualità come tropo di alterizzazione nel discorso coloniale e imperiale. I personaggi femminili subalterni emergono, in questo senso, esclusivamente associati alla natura stereotipata della “donna esotica”, proiezione di una cultura barbara pervertita e pervertente, fondamentalmente diversa dall'etica morigerata dell'Europa cosiddetta civile.

In questo senso, nella letteratura coloniale italiana, i concetti di mito e superstizione si sostengono a vicenda nel comporre l'immagine coloniale, sia razziale sia della più schietta sessualità, sviluppando reciproche dipendenze. Tale dispositivo è azionato da processi culturali che, nell'economia del potere coloniale, contribuiscono ad una produzione condivisa di significati e identità che confluiscono verso l'idea di quella che si può definire “comunità immaginata”.

Sulla locuzione di "letteratura coloniale", scriveva così Mario Pozzi sulle pagine de L'Oltremare (1929): "L'Italia deve avere una creazione tutta italiana, che anche di questo potente fattore psicologico che è la letteratura, il romanzo, faccia mezzo per sospingere in colonia le nostre genti industriose e laboriose, e sia pertanto soprattutto vera, reale e sincera documentazione di quanto si è operato, di quanto si opera e di ciò che si potrà fare nell'Italia d'oltremare. E mentre lo spirito dell'artista ritrarrà, come vede, il nostro ambiente coloniale, ed avrà il potere di far palpitare del suo palpito il cuore di un popolo, nella battaglia creativa, nella lotta titanica di chi crea un essere dalla materia bruta, s'affinerà la viva immagine e si innalzerà la forma".

La guerra d'Etiopia del 1936 ridiede nuova linfa al romanzo coloniale. Lì emerse il talento di un giovane Indro Montanelli con il suo romanzo XX Battaglione eritreo e il successivo racconto Ambasè. [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanna Tomasello, L'Africa tra mito e realtà. Storia della letteratura coloniale italiana, Sellerio, Palermo, 2004
  • Massimo Boddi, Letteratura dell'impero e romanzi coloniali (1922-1935), Minturno, Caramanica Editore, 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]