Palazzo del Governatore (Mogadiscio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo del Governatore
Palazzo Governatore Mogadiscio.jpg
Il palazzo del Governatore
Ubicazione
Stato Somalia Somalia
Regione Benadir
Località Mogadiscio
Coordinate 2°02′05.35″N 45°20′31.38″E / 2.03482°N 45.34205°E2.03482; 45.34205Coordinate: 2°02′05.35″N 45°20′31.38″E / 2.03482°N 45.34205°E2.03482; 45.34205
Informazioni
Condizioni distrutto nel 1975
Costruzione primi anni 1920
Demolizione 1975
Distruzione 1975
 

Il palazzo del Governatore fu la sede del governatore della Somalia Italiana e poi dell'amministratore della Somalia Italiana e si trovava in Corso Principe Umberto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Edificio con sobria facciata in stile moresco, costruito come sede dei Governatori italiani della Colonia della Somalia. Conteneva tre pannelli di Lidio Aimone (moschea del corso principe Umberto, quella presso la Radio, la baia) e nel corridoio della biblioteca si trovava un altro pannello (Spiaggia verso la Radio). Nello studio del governatore che era composto di mobilio in ebano traforato c'era il busto di Vittorio Emanuele III, del principe di Piemonte e del duca degli Abruzzi e di Aimone di Savoia e la sala era in stile somalo-egizio. Inoltre nella parte posteriore del palazzo c'era una galleria con mobili del '400 e poi c'erano le sale:

Tramite una scala in stile moresco con alle pareti dipinto Notturno al villaggio e Tramonto in boscaglia si saliva al primo piano, che comprendeva diverse sale:

Al secondo piano c'erano gli appartamenti privati, come l'alloggio per gli ospiti della Real Casa in stile '400 piemontese. Nel giardino, tra il palazzo e il mare, c'erano le rovine della moschea e del palazzo medievale del Muzaffar o Mudhaffar (governatore arabo di Mogadiscio, sec. XVI), riportate in luce e restaurate nel 1924 grazie agli scavi ordinati da Cesare Maria De Vecchi. Il palazzo del Governatore, dopo anni d'abbandono, fu distrutto nel 1975, per edificare al suo posto l'Hotel Uruba (Curuuba), poi gravemente danneggiato negli anni della lunga guerra civile (dal 1992).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida d'Italia del TCI, Possedimenti e colonie, Milano, 1929

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]