Stefano Baldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Baldi
Stefano Baldi - Ambassador of Italy in Bulgaria.jpg
L'Amb. Stefano Baldi in occasione delle celebrazioni della Festa Nazionale d'Italia a Sofia (30 maggio 2019)

Rappresentante permanente dell'Italia presso l'OSCE
In carica
Inizio mandato 5 gennaio 2021
Capo di Stato Sergio Mattarella

Ambasciatore d'Italia in Bulgaria
Durata mandato 19 settembre 2016 –
4 gennaio 2021
Capo di Stato Sergio Mattarella
Predecessore Marco Conticelli
Successore Giuseppina Zarra

Dati generali
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Professione Diplomatico

Stefano Baldi (Città della Pieve, 8 aprile 1961) è un diplomatico, scrittore e ambasciatore italiano.

Dal 2016 al 2020 è stato Ambasciatore d'Italia in Bulgaria[1] per poi assumere il 5 gennaio 2021 il nuovo incarico di Rappresentante permanente presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa a Vienna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in economia e commercio nel 1985 all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Entra in Carriera diplomatica in seguito ad esame di concorso nel 1989 e viene destinato alla Direzione Generale per gli Affari economici.[2]

Nel 1991 viene destinato all'Ambasciata d'Italia in Tanzania in qualità di vice Capo Missione. Dal 1995 al 1999 presta servizio alla Rappresentanza Permanente presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra come Primo Segretario di Legazione. Al suo rientro al Ministero nel 1999, dopo un breve periodo al Centro Cifra e Telecomunicazioni, viene nominato Capo dell’Ufficio di Statistica del Ministero degli Affari esteri nell’ambito dell’Unità di Analisi e Programmazione della Segreteria Generale.

Nel 2002 viene assegnato alla Rappresentanza Permanente presso l'ONU a New York, come Primo Consigliere, Responsabile per la I Commissione dell'Assemblea Generale su questioni di Disarmo e non proliferazione. Dal 2006 al 2010 presta servizio presso la Rappresentanza Permanente presso l'Unione europea a Bruxelles dove svolge le funzioni di Consigliere Relex nell’ambito della Politica estera e di sicurezza comune. Al suo ritorno al Ministero degli Affari esteri nel 2010, viene nominato Capo dell’Unità per la cooperazione scientifica e tecnologica della Direzione generale per la promozione del Sistema Paese.[3]

A partire dal 2011, dopo la promozione a Ministro plenipotenziario, viene nominato Responsabile della formazione del Ministero, prima come Direttore dell’Istituto diplomatico "Mario Toscano" e dal 2014 come Capo della specifica Unità all'interno della Direzione generale per le risorse e l'innovazione.[4]

Dal 19 settembre 2016 al 3 gennaio 2021 è stato Ambasciatore d'Italia in Bulgaria.[5]

Dal 4 gennaio 2021 è Ambasciatore, Rappresentante Permanente d'Italia all'OSCE a Vienna.[6]

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Ha promosso e collaborato alla realizzazione di numerose iniziative culturali. Fra queste, nel 2017, con Maurizio Martusciello e Mattia Casalegno, il progetto audivisuale Intervallo, un omaggio alla storia e alla cultura d’Italia attraverso una sequenza di immagini, di paesaggi e di monumenti italiani che fanno da sfondo ad una composizione di musica elettronica.[7][8] Ha ideato e realizzato una serie di mostre divulgative fra cui quella dedicata a Leonardo da Vinci dal titolo Leonardo. Il genio gentile che è stata esposta in 39 città di 25 Paesi e tradotta in 14 lingue.[9][10]

Ha ideato e condotto la trasmissione radiofonica Diplomazia e dintorni che è andata in onda dal 2013 al 2016 in 62 puntate sulla webradio RadioLuiss.it. Il programma aveva lo scopo di far conoscere da vicino diplomatici e diplomazia, soprattutto attraverso interviste a ospiti in studio.[11]

Collabora con numerose università italiane (Università La Sapienza di Roma, Università Roma TRE, LUMSA, Università di Pavia, Università di Trento, Università di Forlì), dove organizza cicli di seminari e corsi su diplomazia e tematiche internazionali.[12]

Il 26 novembre 2019 ha ricevuto il premio "Docendo Discimus" dell'Istituto Diplomatico presso il Ministero degli Affari Esteri della Bulgaria per il suo significativo contributo allo sviluppo dell'Istituto Diplomatico.[13] Nel giugno 2020 gli è stato conferito il "Sign of honour" della Nuova Università Bulgara (NBU) per il significativo contributo e la fruttuosa collaborazione tra NBU e l'Ambasciata italiana in Bulgaria e per il sostegno, la generosità e l'impegno della missione alla comunità accademica della Nuova Università Bulgara.[14][15]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Baldi, Raimondo Cagiano de Azevedo, La popolazione italiana verso il 2000. Storia demografica dal dopoguerra ad oggi, Bologna, Il Mulino, 1999, ISBN 88-15-06246-7.
  • Stefano Baldi, Jovan Kurbalija, Internet Guide for Diplomats, Malta, Diplo Publishing, 2000, ISBN 99909-55-12-3. Versione digitale
  • Stefano Baldi, Antonio Enrico Bartoli, Carriere internazionali, Milano, Il Sole 24 Ore, 2000, ISBN 88-8363-740-2.
  • Stefano Baldi, Giuseppe Nesi, L'Italia al palazzo di vetro. Aspetti dell'azione diplomatica e della presenza italiana all'ONU, Trento, Collana Quaderni del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Trento, vol. 50, 2005, ISBN 88-8443-114-X.
  • Stefano Baldi, Cinzia Buccianti, Le Nazioni Unite viste da vicino. Aspetti e problemi dell'attività dell'ONU e dell'azione dell'Italia, CEDAM, 2006, ISBN 88-13-26203-5.
  • Stefano Baldi, Pasquale Baldocci, La penna del diplomatico. I libri scritti dai diplomatici dal dopoguerra ad oggi, FrancoAngeli, 2006, ISBN 88-464-7322-1.
  • Stefano Baldi, Pasquale Baldocci, Through the Diplomatic Looking Glass, Geneva, DiploFoundation, 2007, ISBN 978-99932-53-18-1. Versione digitale
  • Stefano Baldi, Gabriele Altana, Vademecum della PESD. Breve guida della politica europea di sicurezza e difesa, Roma, Ministero degli Affari Esteri, 2009. Versione digitale
  • Stefano Baldi (a cura di), Un ricordo di Egidio Ortona, Roma, ISDI Press. Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, 2014. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  • Stefano Baldi (a cura di), Un ricordo di Pietro Quaroni, Roma, UNAP Press. Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, 2014. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  • Stefano Baldi (a cura di), Un ricordo di Roberto Gaja, Roma, UNAP Press. Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, 2016. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  • Stefano Baldi, Eduardo Gelbstein, Manuale di Management per diplomatici. Come attrezzarsi, Roma, Ministero degli Affari Esteri, 2016. Versione digitale
  • Stefano Baldi, The European Union is 60 years old. Is it too young or too old?, Sofia, Ambasciata d'Italia Sofia, 2017. Versione digitale
  • Stefano Baldi e Giuseppe Nesi (a cura di), Diplomatici. 33 saggi su aspetti giuridici e politici della diplomazia contemporanea (PDF), Editoriale Scientifica, 2018, ISBN 978-88-9391-235-8. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  • Stefano Baldi, Cultura in Residenza. L'esperienza dell'Ambasciata d'Italia a Sofia, Sofia, Ambasciata d'Italia Sofia, 2018. Versione digitale
  • Stefano Baldi, Storia delle Relazioni Diplomatiche tra Italia e Bulgaria attraverso i documenti diplomatici italiani, Sofia, Paradigma, 2019, ISBN 978-954-326-391-2. Versione digitale
  • Stefano Baldi, Ambasciatori d’Italia a Sofia. I protagonisti di 140 anni di relazioni diplomatiche fra Italia e Bulgaria, Sofia, Ambasciata d'Italia Sofia, 2020. Versione digitale
  • Stefano Baldi, Alexandre Kostov, 140 anni di relazioni fra Italia e Bulgaria. Diplomazia, Economia, Cultura (1879-2019), Sofia, Tendril Publishing House, 2020, ISBN 978-619-91496-0-7. Versione digitale
  • Stefano Baldi, Album Fotografico - 140 anni di Relazioni diplomatiche fra Italia e Bulgaria, Sofia, Ambasciata d'Italia Sofia, 2020, ISBN 978-619-91508-1-8. Versione digitale

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 27 dicembre 2006[16]
Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 2 giugno 2001 [17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un umbro è il nuovo ambasciatore italiano in Bulgaria Articolo su ‘’Umbria24’’, su umbria24.it. URL consultato il 30 agosto 2020.
  2. ^ Stati di Servizio del personale appartenente alla Carriera diplomatica - Ministero degli Affari esteri (PDF), su esteri.it. URL consultato il 30 agosto 2020.
  3. ^ Lista Ambasciatori d'Italia in Bulgaria, su ambsofia.esteri.it. URL consultato il 1º settembre 2020.
  4. ^ Stefano Baldi – Director of Diplomatic Institute at Ministry of Foreign Affairs of Italy – Belgrade initiative 4 Digital and Public Diplomacy, su bidd.org.rs. URL consultato il 30 agosto 2020.
  5. ^ Stefano Baldi, Ambasciatori d'Italia a Sofia (PDF), su baldi.diplomacy.edu.
  6. ^ Stefano Baldi nuovo Rappresentante Permanente all’OSCE, su Onuitalia.com. URL consultato il 10 gennaio 2021.
  7. ^ Intervallo. An audiovisual performance by MMMC, su inter-vallo.tumblr.com. URL consultato il 6 novembre 2020.
  8. ^ "Intervallo": musica e videoarte dal vivo degli artisti italiani Martux-m e Mattia Casalegno a Sofia, su ambsofia.esteri.it. URL consultato il 6 novembre 2020.
  9. ^ Un volume racconta la storia della mostra su Leonardo, su 9colonne. URL consultato il 27 novembre 2020.
  10. ^ La mostra "Leonardo, il genio gentile" nel mondo, su Ambasciata d'Italia - Sofia. URL consultato il 27 novembre 2020.
  11. ^ Sito Diplomazia e dintorni, su diplomaziaedintorni.wordpress.com. URL consultato il 16 settembre 2020.
  12. ^ Sito Fondazione Alma Mater Ticinensis di Pavia, su almamaterticinensis.eu. URL consultato il 30 agosto 2020.
  13. ^ Sito Istituto Diplomatico della Bulgaria (PDF), su bdi.mfa.government.bg. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  14. ^ Sito New Bulgarian University, su news.nbu.bg. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  15. ^ Bulgaria: ad Amb. Baldi riconoscimento da Nuova Università Bulgara - Giornale Diplomatico 10.6.2020, su giornalediplomatico.it. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  16. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  17. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ambasciatore italiano in Bulgaria Bulgaria Successore Emblem of Italy.svg
Marco Conticelli 2016-2021 Giuseppina Zarra
Predecessore Rappresentante Permanente all'OSCE - Vienna Successore Emblem of Italy.svg
Alessandro Azzoni 2021 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN1792507 · ISNI (EN0000 0001 2019 7400 · LCCN (ENn98100388 · GND (DE1029075395 · BNF (FRcb136290006 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n98100388
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie