Thomas N'Kono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas N'Kono
TNkono.JPG
N'Kono allena i portieri del suo ex club, l'Espanyol
Nazionalità Camerun Camerun
Altezza 183 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Ritirato 1997
Carriera
Squadre di club1
1972-1982 Canon Yaoundé 105 (-2)
1982-1991 Espanyol 241 (-10)
1991-1993 Sabadell 70 (-5)
1993-1994 L'Hospitalet 20 (0)
1994-1997 Bolívar 92 (-0)
Nazionale
1976-1994 Camerun Camerun 112 (-?)
Carriera da allenatore
1998-2003 Camerun Camerun Portieri
2003-2009 Espanyol Portieri
2009 Camerun Camerun
2009- Camerun Camerun Portieri
Palmarès
Coppa Africa.svg Coppa d'Africa
Oro Costa d'Avorio 1984
Oro Marocco 1988
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 giugno 2009

Thomas N'Kono (Dizangue, 20 luglio 1956) è un allenatore di calcio ed ex calciatore camerunese, di ruolo portiere.

Considerato il più forte portiere africano di tutti i tempi,[1][2] N'Kono è stato eletto per due volte Calciatore africano dell'anno: nel 1979 e nel 1982. Ha difeso la porta dei leoni indomabili nei Mondiali 1982 e 1990.[3] Ha partecipato anche al Mondiale 1994 dove però ricoprì il ruolo di secondo portiere alle spalle di Joseph-Antoine Bell (che a sua volta gli fece da secondo nelle precedenti due edizioni delle fasi finali disputate dalla nazionale camerunense).[3] In qualità di allenatore ha guidato per un breve periodo la Nazionale camerunese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Portiere dotato di notevole personalità,[4] N'Kono spiccava per l'abilità nelle respinte di pugno[5] e la spettacolarità tra i pali,[6][7] caratteristiche che lo resero l'idolo giovanile di Gianluigi Buffon.[8][9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò all'età di 16 anni, nel 1972, nella squadra del Canon Yaoundé, giocando per dieci stagioni.

Nell'estate 1982, dopo i Mondiali, venne acquistato dal Espanyol, sfiorando la Coppa UEFA nel 1988, quando gli spagnoli si giocarono la finale con il Bayer Leverkusen.

N'Kono è diventato il calciatore africano con più presenze nella storia della Liga con 241 partite in 9 anni. Il suo record è stato battuto successivamente dal connazionale Eto'o. Successivamente ha militato nel CE Sabadell (1991-1993), per poi trasferirsi in Bolivia chiudendo la carriera disputando tre stagioni col Club Bolivar (1994-1997) e aggiudicandosi due titoli di campione nazionale.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la maglia della nazionale N'Kono ha difeso la porta dei "leoni d'Africa" in due edizioni della Coppa del Mondo, ossia nel 1982, quando il Camerun si classificò 2° nel Gruppo 1 a pari punti con l'Italia e venne eliminato per il minor numero di gol segnati (a parità di punti e differenza reti), e nel 1990, anno in cui la nazionale africana venne eliminata nei quarti di finale dall'Inghilterra per 3-2, dopo esser stata in vantaggio fino a pochi minuti dal termine dei tempi regolamentari. Fu convocato anche ai mondiali del 1994, ma non scese mai in campo.

A livello continentale vinse due volte la Coppa d'Africa, nel 1984 e nel 1988.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Canon Yaoundé: 1974, 1977, 1979, 1980, 1982
Canon Yaoundé: 1974, 1979, 1980, 1982
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Canon Yaoundé: 1978, 1980
Canon Yaoundé: 1979

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1979, 1982

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Planet World Cup - Legends - Thomas N'Kono, planetworldcup.com.
  2. ^ Thomas N’Kono e la leggenda dei Leoni Indomabili, sportvintage.it.
  3. ^ a b N'KONO, Thomas, treccani.it.
  4. ^ Pietro Cabras, Vi ricordate N'Kono? Noi vi diciamo come vive, in Corriere dello Sport - Stadio, 23 aprile 2012. URL consultato il 5 febbraio 2016.
  5. ^ Buffon: «Contro i portieri regole disumane», in Corriere dello Sport - Stadio, 27 dicembre 2013. URL consultato il 5 febbraio 2016.
  6. ^ Mondiali, -1: da Yashin a Buffon, i portieri nella storia, Sky Sport. URL consultato il 7 febbraio 2016.
  7. ^ (EN) Buffon: A big save is as important as a goal, su FIFA.com, Fédération Internationale de Football Association, 6 maggio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2016.
  8. ^ Valerio Clari, N'Kono c.t. del Camerun - Il mito che ispirò Buffon, La Gazzetta dello Sport, 3 giugno 2009. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  9. ^ Buffon: a mio figlio il nome di N’Kono, corriere.it.
  10. ^ Il trofeo si disputò dal 1975 al 2004 ed era l'equivalente per la CAF della Coppa delle Coppe per la UEFA

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]