Staffetta 4×100 metri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Staffetta 4×100 metri
Daphne Arden, Dorothy Hyman, Willye White, Edith McGuire, Halina Górecka, Ewa Kłobukowska 1964.jpg
La concitata fase di cambio in una gara di staffetta femminile
FederazioneIAAF
Componenti di una squadra4
ContattoNo
GenereMaschile e femminile
Indoor/outdoorOutdoor
Campo di giocoPista
Olimpicodal 1912 (uomini)
dal 1928 (donne)
Detentore titolo mondialeMaschile:
Stati Uniti Stati Uniti (2019)
Femminile:
Giamaica Giamaica (2019)
Detentore titolo olimpicoMaschile:
Giamaica Giamaica (2016)
Femminile:
Stati Uniti Stati Uniti (2016)

La staffetta 4×100 metri è una specialità sia maschile che femminile dell'atletica leggera, nella quale gli atleti competono in squadre di quattro elementi (detti frazionisti), che si succedono sulla medesima corsia per completare i 400 metri della pista, percorrendo ciascuno circa 100 metri.

Le corsie 4 e 5 vengono sempre utilizzate, anche in una gara con due squadre. Per compensare i differenti raggi di curvatura delle diverse corsie, gli atleti si dispongono alla partenza in posizioni a scalare, come avviene nei 400 metri piani.

Come in tutte le staffette dell'atletica leggera, gli atleti di ogni squadra devono darsi il cambio passandosi un testimone secondo determinate regole. In particolare, il passaggio del testimone deve avvenire all'interno di una porzione di pista delimitata, detta "zona di cambio". Le zone di cambio sono tre, poste in prossimità delle tangenti B, C e D.

Il cambio[modifica | modifica wikitesto]

La zona di cambio[modifica | modifica wikitesto]

Il passaggio del testimone deve avvenire nella prescritta zona di cambio, la quale ha una lunghezza di 30 metri, pena la squalifica della squadra. L'atleta che deve ricevere il testimone si pone in attesa all'inizio della zona di cambio.

In precedenza la porzione di pista tra la zona di cambio e il punto di partenza dell'atleta era detta "zona di precambio", e in quest'area non era consentito il passaggio del testimone. Questo spazio consentiva all'atleta che doveva ricevere il testimone di accelerare, in modo da entrare in zona cambio ad una velocità simile a quella del compagno portatore. A partire dal 1º novembre 2017 la zona di cambio è stata estesa a 30 metri, eliminando la "zona di precambio".[1]

Svolgimento del cambio[modifica | modifica wikitesto]

L'atleta che riceve il testimone (atleta 2) si posiziona sulla linea del precambio aspettando il compagno con il testimone (atleta 1). Appena l'atleta 1 arriva ad un punto di riferimento, misurato precedentemente dall'atleta 2, posto alla distanza di 15-20 piedi dalla linea di precambio, l'atleta 2 inizia la sua corsa, durante la quale non dovrà voltarsi per guardare il compagno arrivare, ma correrà normalmente come in una gara individuale.

L'atleta 1 avrà l'onere di comandare il cambio impartendo gli opportuni ordini all'atleta 2. I possibili ordini sono principalmente:

  • hop: quando l'atleta griderà hop l'atleta 2 allungherà il braccio per ricevere il testimone.
  • hop più lungo: ordine di rallentare all'atleta 2 perché l'atleta 1 non riesce ad arrivare ad una distanza sufficiente per il passaggio prima della fine della zona di cambio.

Il cambio si conclude con il passaggio di mano del testimone dall'atleta 1 all'atleta 2.

Record[modifica | modifica wikitesto]

Una fase di gara della staffetta 4×100 metri

Il record mondiale della staffetta 4×100 metri è detenuto, con 36"84, dalla Nazionale giamaicana (composta da Nesta Carter, Michael Frater, Yohan Blake e Usain Bolt), primato stabilito l'11 agosto ai Giochi olimpici di Londra 2012. Il record femminile è invece detenuto dalla Nazionale statunitense (composta da Tianna Bartoletta, Allyson Felix, Bianca Knight e Carmelita Jeter) con il tempo di 40"82, stabilito il 10 agosto 2012 durante la stessa edizione dei Giochi olimpici.

Maschili[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Progressione del record mondiale della staffetta 4×100 metri maschile.

Statistiche aggiornate al 5 ottobre 2019.[2]

Tempo Atleta Luogo Data
Record mondiale 36"84 Giamaica Giamaica Regno Unito Londra 11 agosto 2012
Record olimpico 36"84 Giamaica Giamaica Regno Unito Londra 11 agosto 2012
Record africano 37"65 Sudafrica Sudafrica Qatar Doha 4 ottobre 2019
Record asiatico 37"43 Giappone Giappone Qatar Doha 5 ottobre 2019
Record europeo 37"36 Regno Unito Gran Bretagna Qatar Doha 5 ottobre 2019
Record nord-centroamericano 36"84 Giamaica Giamaica Regno Unito Londra 11 agosto 2012
Record oceaniano 38"17 Australia Australia Svezia Göteborg 12 agosto 1995
Record oceaniano 38"17 Australia Australia Regno Unito Londra 10 agosto 2012
Record sudamericano 37"72 Brasile Brasile Qatar Doha 5 ottobre 2019

Femminili[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Progressione del record mondiale della staffetta 4×100 metri femminile.

Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2019.[3]

Tempo Atleta Luogo Data
Record mondiale 40"82 Stati Uniti Stati Uniti Regno Unito Londra 10 agosto 2012
Record olimpico 40"82 Stati Uniti Stati Uniti Regno Unito Londra 10 agosto 2012
Record africano 42"39 Nigeria Nigeria Spagna Barcellona 7 agosto 1992
Record asiatico 42"23 Cina Rappr. Sichuan Cina Shanghai 23 ottobre 1997
Record europeo 41"37 Germania Est Germania Est Australia Canberra 6 ottobre 1985
Record nord-centroamericano 40"82 Stati Uniti Stati Uniti Regno Unito Londra 10 agosto 2012
Record oceaniano 42"99 Australia Australia Sudafrica Pietersburg 18 marzo 2000
Record sudamericano 42"29 Brasile Brasile Russia Mosca 18 agosto 2013

Legenda:

Record mondiale: record mondiale
Record olimpico: record olimpico
Record africano: record africano
Record asiatico: record asiatico
Record europeo: record europeo
Record nord-centroamericano: record nord-centroamericano e caraibico
Record oceaniano: record oceaniano
Record sudamericano: record sudamericano

Migliori prestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Maschili[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 5 ottobre 2019.[4]

Tempo Atleta Luogo Data
1. 36"84 Giamaica Giamaica Regno Unito Londra 11 agosto 2012
2. 37"04 Giamaica Giamaica Corea del Sud Taegu 4 settembre 2011
3. 37"10 Stati Uniti Stati Uniti Qatar Doha 5 ottobre 2019
4. 37"27 Giamaica Giamaica Brasile Rio de Janeiro 19 agosto 2016
5. 37"31 Giamaica Giamaica Germania Berlino 22 agosto 2009
6. 37"36 Giamaica Giamaica Russia Mosca 18 agosto 2013
6. 37"36 Giamaica Giamaica Cina Pechino 29 agosto 2015
6. 37"36 Regno Unito Gran Bretagna Qatar Doha 5 ottobre 2019
9. 37"38 Stati Uniti Stati Uniti Bahamas Nassau 2 maggio 2015
10. 37"39 Giamaica Giamaica Regno Unito Londra 10 agosto 2012

Femminili[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 5 ottobre 2019.[5]

Tempo Atleta Luogo Data
1. 40"82 Stati Uniti Stati Uniti Regno Unito Londra 10 agosto 2012
2. 41"01 Stati Uniti Stati Uniti Brasile Rio de Janeiro 19 agosto 2016
3. 41"07 Giamaica Giamaica Cina Pechino 29 agosto 2015
4. 41"29 Giamaica Giamaica Russia Mosca 18 agosto 2013
5. 41"36 Giamaica Giamaica Brasile Rio de Janeiro 19 agosto 2016
6. 41"37 Germania Est Germania Est Australia Canberra 6 ottobre 1985
7. 41"41 Giamaica Giamaica Regno Unito Londra 10 agosto 2012
8. 41"44 Giamaica Giamaica Qatar Doha 5 ottobre 2019
9. 41"47 Stati Uniti Stati Uniti Grecia Atene 9 agosto 1997
10. 41"49 Russia Russia Germania Stoccarda 22 agosto 1993
10. 41"49 Stati Uniti Stati Uniti Germania Stoccarda 22 agosto 1993

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RTI: cosa cambia dal 1º novembre, su fidal.it, 24 novembre 2017. URL consultato il 21 giugno 2019.
  2. ^ (EN) Records - Men's 4x100 metres relay, su iaaf.org. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  3. ^ (EN) Records - Women's 4x100 metres relay, su iaaf.org. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  4. ^ (EN) Top lists - 4x100 metres relay men, su iaaf.org. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Top lists - 4x100 metres relay women, su iaaf.org. URL consultato il 5 ottobre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Atletica leggera Portale Atletica leggera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di atletica leggera