Omicidio di Vittorio Olivares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Omicidio di Vittorio Olivares
Tipoomicidio terroristico
Data27 aprile 1973
Luogovia XX Settembre, Roma
StatoItalia Italia
Obiettivoucciso per errore
ResponsabiliZaharia Abou Saleh
Motivazionerappresaglia per morti in operazione Ira di Dio
Conseguenze
MortiVittorio Olivares

L'omicidio di Vittorio Olivares è un fatto di cronaca nera a sfondo terroristico avvenuto a Roma il 27 aprile 1973. Vittima fu Vittorio Olivares, 35 anni, dipendente della compagnia aerea di bandiera israeliana El Al[1], ucciso in via XX Settembre con due colpi[2] sparati alle sue spalle con silenziatore attraverso una borsa di pelle[3][4].

Responsabile del delitto fu il ventitreenne siriano Zaharia Abou Saleh (citato anche Al Mamoun Moulhan[1] o come Moulhan Saif-Din Al Mamoun[5]), di Damasco[6] ma residente in Libano: catturato sul posto da un agente di P.S. in servizio di guardia al Ministero del lavoro, si qualificò membro dell'organizzazione Settembre Nero[7] (che dal Cairo, attraverso la stazione radio “Voce della Rivoluzione Palestinese”, però smentì sempre ogni affiliazione), affermando che Olivares fosse un agente segreto israeliano ucciso per vendicare la morte di Wael Zuaiter, capo di al-Fatah in Italia, avvenuta a Roma il 16 ottobre 1972 a opera del Mossad e nella cui, secondo Mamoun, Olivares sarebbe stato coinvolto.

In reqaltà Olivares, peraltro cattolico, era un semplice dipendente della compagnia aerea e non aveva mai avuto alcun legame con Israele e i suoi servizi segreti, e apparve quasi subito chiaro che la rappresaglia era avvenuta nei confronti di una persona totalmente estranea alle vicende del conflitto tra Israele e i terroristi palestinesi[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Storia d'Italia Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia d'Italia