Nicomede di Sparta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicomede (in greco antico: Νικομήδης, Nikomédes; Sparta, ... – dopo il 457 a.C.) è stato un militare spartano, reggente del trono agiade di Sparta dopo la morte del re Plistarco, a causa della minore età del suo successore Plistonatte. Vinse la battaglia di Tanagra contro l'esercito ateniese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Cleombroto, reggente del trono di Sparta per la minore età di Plistarco, nel 458 a.C. Nicomede divenne a sua volte reggente in vece di Plistonatte,[1] figlio di Pausania e successore di Plistarco, anch'egli asceso al trono da bambino come il suo predecessore e morto senza eredi diretti.[2][3]

Nicomede è noto soprattutto per aver sconfitto gli Ateniesi, guidati dallo stratego Mironide, nella battaglia di Tanagra (457 a.C.), nel corso della prima guerra del Peloponneso.[4]

Al raggiungimento della maggiore età di Plistonatte, Nicomede lasciò la reggenza e le fonti antiche non riportano altre informazioni su di lui.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]