Icario di Sparta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Icario
Nome orig.Ἰκάριος
SessoMaschio
Luogo di nascitaTessaglia
ProfessioneRe di Sparta

Icario (in greco antico: Ἰκάριος, Ikários) è un personaggio della mitologia greca. Fu un re di Sparta.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Periere[1] e di Gorgofone[1] o di Ebalo[2] e della ninfa Batea[2], sposò la naiade Peribea[2] (o Policasta figlia di Lygaeus[3]) e divenne padre di Penelope[2][3], Perileo[2], Toante[2], Damasippo[2], Imeusmius[2], Alete[2], Iftime[4], Aliseo[3] e Leucadio[3].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Icario re di Sparta, fu destituito (insieme al fratello Tindaro) dal fratellastro Ippocoonte[2] fece ritorno in patria solo dopo che Ippocoonte fu ucciso da Eracle[5].

Le nozze di Penelope[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il fratello Tindaro doveva scegliere tra tutti i pretendenti che aspiravano alla mano di Elena, lui doveva scegliere tra quelli che volevano sua figlia Penelope e tra gli interessati c'era anche Odisseo. Quest'ultimo, per avvantaggiarsi sugli altri, suggerì a Tindaro il modo di scegliere tra i pretendenti di Elena in cambio della sua influenza verso Icario ed Icario, dietro consiglio del fratello, diede Penelope ad Odisseo come sposa[2].

Pausania invece, scrive che Icario, per assegnare la mano di Penelope, istituì delle gare di corsa dove il vincitore fu Odisseo che così ottenne il diritto di sposarla[6].

Dopo il matrimonio, Icario volle che i due sposi vivessero nella sua reggia e più volte scongiurò la figlia di non abbandonarlo. Odisseo chiese a Penelope di scegliere tra lui ed il padre e lei, arrossendo, si limitò a coprirsi il capo con un velo rendendo chiare le intenzioni al padre, che la lasciò partire per Itaca.
Icario eresse una statua, altri dicono un santuario, consacrata alla dèa della modestia nel medesimo luogo in cui la figlia si era velata il capo[7].

Icario riaccolse Penelope dopo che, lasciatasi sedurre da Antinoo fu ripudiata da Odisseo[8].

Nell'Odissea[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Odissea Icario, visto che Odisseo non tornava, consiglia Penelope di sposare Eurimaco che "tutti i Proci supera con i suoi regali e offre sempre doni nuziali"[9].
Nessun altro autore riferisce che Icario spinse la figlia a sposare uno dei Proci, tanto che si è pensato che quei versi del poema fossero interpolati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Apollodoro, Biblioteca I, 9.5, su theoi.com. URL consultato il 29 maggio 2019.
  2. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Apollodoro, Biblioteca III, 10.4, 10.5, 10.6, 10.8, 10.9, su theoi.com. URL consultato il 17 giugno 2019.
  3. ^ a b c d Strabone, Geografia 10.2.24
  4. ^ (EN) Omero, Odissea IV, 795, su theoi.com. URL consultato il 29 maggio 2019.
  5. ^ (EN) Diodoro Siculo, Biblioteca Historica, IV, 33.5, su theoi.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
  6. ^ (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, III, 12.2, su theoi.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
  7. ^ (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, III, 20.10 e 11, su theoi.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
  8. ^ (EN) Apollodoro, Biblioteca, Epitome VII, 38, su theoi.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
  9. ^ (EN) Omero, Odissea XV, 1, su theoi.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca