Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ebalo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Ebalo
Lingua orig.Òibalos
SessoMaschio
ProfessioneRe di Sparta

Nella mitologia greca, Ebalo (in greco antico: Οἴβαλος, Òibalos) è un leggendario re di Sparta[1]. È indicato nella letteratura classica come figlio di Cinorta[2] e padre di Tindaro e Icario che avrebbe generato con la figlia di Perseo e Gorgofone, mentre con la naiade Batea generò Ippocoonte[3][4]. La differente genealogia è all'origine della confusione con Periere, primo marito di Gorgofone, che fa sì che gli venga attribuita anche la paternità di Afareo.[5]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Da Ebalo discendono Castore e Polluce che ricevono per questo il patronimico di "Ebalidi"[6]. Con questo patronimico viene indicata spesso l'intera stirpe degli spartani, dei loro discendenti e degli abitanti delle città di origine spartana: così Taranto viene chiamata dai poeti latini Oebalia arx e il re Tito Tazio e le donne sabine, rispettivamente, Oebalius Titus e Oebalides matres, anche un'altra città italiana discende da questo mitico fondatore:Eboli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Licofrone, Alessandra, 1195.
  2. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, 3.1.3.
  3. ^ Pausania, Periegesi della Grecia, 2.2.3; 3.1.3; 4.2.4. Tra i figli di Ebalo e Batea, Pausania indica anche la ninfa Pirene.
  4. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca 3.10.4.
  5. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca 1.9.5.
  6. ^ Giuseppina Secchi Mestica, Dizionario universale di mitologia, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • Giuseppina Secchi Mestica, Dizionario universale di mitologia, Rusconi, 1990 p. 53
  • Dizionario di mitologia greca e latina UTET, ad vocem
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca