Dione (re di Laconia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dione
Nome orig.Πρώναξ
SessoMaschio
ProfessioneRe di Laconia

Dione (in greco Διών) è un personaggio della mitologia greca, era un re di Laconia e sposo di Anfitea, figlia di Pronace.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Gentilmente ricevuto da Dione e Anfitea, il dio Apollo li aveva premiati conferendo sulle loro figlie, Orphe, Lyco e Carya, il dono della profezia con la condizione però che esse non tradissero gli dei e che non ricercassero cose proibite[1].

Dione eresse un tempio a Dioniso, che a sua volta aveva visitato la sua casa e si era innamorato di Carya. Quando Orphe e Lyco tentarono di non lasciare che la sorella si unisse con Dioniso (rompendo così la condizione imposta da Apollo), Dioniso mutò le sorelle in rocce e Carya in un noce.
I Lacedemoni, informati da Artemide, le dedicarono un tempio[2][3][4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca