Aristodemo (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aristodemo
Nome orig.Ἀριστόδημος
SessoMaschio

Aristodemo (in greco antico: Ἀριστόδημος, Aristòdemos) è un personaggio della mitologia greca. Fu un Eraclide ed il padre dei primi due re di Sparta[1].

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Aristomaco[1], sposò Argia[1] (figlia di Autesione) che lo rese padre dei gemelli Procle[1][2] ed Euristene[1][2].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Fu ucciso da Apollo[3] con un fulmine[2] per non aver consultato l'oracolo[3] (oppure dai figli di Pilade[3] ed Elettra[3]) mentre con i suoi fratelli Temeno e Cresfonte si preparava a partire per l'invasione del Peloponneso[4].

Dopo la conquista del Peloponneso i suoi figli divennero i primi due re della Laconia e della città di Lacedomone[1] che in seguito prese il nome di Sparta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Erodoto, Storie, libro 6, su classics.mit.edu. URL consultato il 20 agosto 2019.
  2. ^ a b c (EN) Apollodoro, Biblioteca II, 8.2, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  3. ^ a b c d (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia III, 1 6, su theoi.com. URL consultato il 20 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia II, 18 7, su theoi.com. URL consultato il 20 agosto 2019.
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca