Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Timea (regina di Sparta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Timea (regina di Sparta)
Regina di Sparta
In carica 427 a.C. –
401 a.C.
Casa reale Euripontidi
Consorte Agide II
Figli Leotichida

Timea (in greco antico: Τιμαία, Timàia; ... – ...) fu regina spartana, moglie di Agide II ed amante di Alcibiade.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sappiamo da Plutarco[1][2][3] che Timea, la moglie del re di Sparta Agide II, aveva un relazione illegittima e segreta con Alcibiade, lo stratego e politico ateniese, a quel tempo esule a Sparta.

Da questa relazione nacque Leotichida e la regina non aveva paura di nascondere l'origine del figlio, perché di fronte alle amiche e alle ancelle lo chiamava affettuosamente "Alcibiade".[1] Il re, sicuro che il bambino non fosse suo figlio, anche perché, calcolando l'epoca del concepimento, era sicuro di non aver dormito per alcuni mesi assieme alla moglie, non lo riconobbe, se non in punto di morte (401 a.C.). Il navarca Lisandro, però, sfruttando la sua influenza a corte, fece in modo che in ogni caso Leotichida non salisse al trono, e gli fosse invece preferito Agesilao, fratello del defunto re.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Plutarco, Vita di Alcibiade, 23.
  2. ^ a b Plutarco, Vita di Lisandro, 22.
  3. ^ a b Plutarco, Vita di Agesilao, 3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]