Ermione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ermione (disambigua).
Oreste e Ermione
Ermione

Ermione è una figura della mitologia greca, figlia di Menelao e di Elena.

Nonostante il nonno materno Tindaro l'avesse promessa in sposa a Oreste, il padre Menelao la fece sposare con il figlio di Achille, Neottolemo. Quando la guerra di Troia finì, a Neottolemo venne assegnato insieme al bottino di guerra anche la moglie di Ettore, Andromaca. Ma Ermione, che non sopportava la presenza di Andromaca, tramò contro di lei e contro il figlio che questa aveva avuto da Neottolemo, Molosso. Molosso e la madre Andromaca vennero tuttavia messi in salvo dal padre di Achille, Peleo. Neottolemo, nel frattempo, si trovava a Delfi per consultare l'oracolo sull'infecondità di Ermione, e qui fu raggiunto e ucciso da Oreste.

Ermione quindi si unì a Oreste e dal loro matrimonio nacque Tisameno.

Le sue vicende erano l'oggetto dell'Hermiona del tragediografo latino Marco Pacuvio, che trasse l'opera, a sua volta, da un originale greco di cui oggi non è rimasta traccia.

Del mito di Ermione si parla nell’Andromaca di Euripide e nelle Eroidi di Ovidio.

Ermione è anche la figura femminile che accompagna il poeta Gabriele D'Annunzio nella poesia La pioggia nel pineto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN57421656 · GND (DE119302446 · CERL cnp00552444
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca